in

Société Générale decide di vendere la sua controllata Rosbank al suo ex proprietario

La pressione deve essere stata troppo grande. I massacri in Ucraina, il dispiegamento dell’esercito russo nel Donbass in vista di una grande offensiva, un crescendo di sanzioni contro Putin, persino il recente posizionamento della Russia in default selettivo da parte del rating S&P… La Société Générale ha finalmente deciso di tracciare un linea nell’ambito delle sue attività bancarie russe.

In un comunicato stampa diffuso questa mattina, la banca ha annunciato un accordo per vendere la sua intera partecipazione nella sua controllata bancaria Rosbank e nelle sue controllate assicurative russe a Interros Capital, il precedente azionista di Rosbank, una controllata di Interros, azionista di maggioranza di Norilsk Nickel, il il più grande produttore mondiale di nichel.

L’ex (di breve durata) vice primo ministro di Boris Eltsin, responsabile delle privatizzazioni, il proprietario di Interros, Vladimir Potanin, uno degli uomini più ricchi della Russia, è uno dei suoi oligarchi ancora in fuga dalle sanzioni, sia europee che americane. “Questo accordo è conforme alla lettera delle sanzioni europee e americane”, cita una fonte della banca.

Un’opzione di uscita considerata fin dall’inizio

Il presente Accordo con la Società Generale è: “il frutto di diverse settimane di intenso lavoro”, si legge nella dichiarazione, suggerendo che la banca francese aveva preso la decisione strategica di lasciare la Russia nelle prime ore della guerra in Ucraina. Lo era stata anche lei la prima banca francese a comunicare sulle conseguenze finanziarie di un possibile “esproprio” del 3 marzo.

Nel frattempo, la banca è molto riservata nella sua comunicazione e sottolinea la sua responsabilità nei confronti dei suoi dipendenti e clienti in Russia. Finché, qua o là, non ha suscitato critiche per la sua reticenza. Ma la scelta è stata fatta. Non restava che metterlo in musica e trovare un acquirente “accettabile”.

Chiudere questa transazione lo farebbe “Intervenire nelle prossime settimane”. È la prima banca europea con un’elevata esposizione alla Russia ad annunciare il suo ritiro dal mercato russo. Banca UniCredit parla di scenari di uscita.

Altre banche francesi, in quanto anche BNP Paribas o Crédit Agricole hanno annunciato la cessazione delle loro attività, che erano però limitate alle attività di investment banking e finanziamento, ambito più facile da gestire. Niente a che vedere con Rosbank, che ha circa 12.000 dipendenti e due milioni di clienti attivi in ​​Russia.

Un impatto di 726 milioni di EUR sul coefficiente di solvibilità

Secondo la banca, l’impatto di questa vendita delle sue attività russe dovrebbe essere di circa 20 punti base sul coefficiente di capitale CET1 (equità “hard”), ovvero 726 milioni di euro. Si tratta quindi di un’incidenza nettamente inferiore all’impatto di 50 punti base (1,8 miliardi di euro), anticipato il 3 marzo.

Si tratta principalmente della svalutazione del valore netto contabile delle attività cedute, che “molto diffuso” compensato dal deconsolidamento dell’esposizione locale della banca verso la Russia (15,4 miliardi di euro di esposizione “default”) e dal pagamento di un importo non specificato dall’acquirente, ma che include il rimborso di un debito subordinato concesso da Société Générale a Rosbank (500 milioni di euro).

La svalutazione degli asset russi ammonta a circa 2 miliardi di euro, ovvero un valore netto contabile ridotto quasi a zero. Vi sarà inoltre una posta eccezionale negativa per 1,1 miliardi di euro, senza alcun impatto sul coefficiente di solvibilità, collegata “alla registrazione normativa nel conto spese della riserva di conversione”. Chiaramente una perdita eccezionale legata al deprezzamento del rublo. In totale il conto arriva a 3,1 miliardi di euro.

Una decisione che tutti i mercati aspettano

Tali oneri e partite straordinarie saranno contabilizzati nei conti del primo semestre dell’anno, chiuso il 30 giugno. I mercati ne hanno già ampiamente tenuto conto: il titolo Société Générale ha perso quasi un quarto della sua capitalizzazione di mercato dallo scoppio delle ostilità in Ucraina, ovvero 7,7 miliardi di euro, evaporati in borsa in quel periodo.

Lunedì mattina, l’annuncio del mercato azionario è stato accolto con un rimbalzo di quasi il 7% del titolo a 23,3 EUR… ma lontano da certi obiettivi di prezzo di 48 EUR fissati da alcuni analisti il ​​giorno dopo la pubblicazione dei risultati del 2021. “Il mercato azionario valuta le decisioni chiare più della metà delle misure di fronte a un conflitto che promette di trascinarsi per sempre”nota un manager.

“La firma di un accordo per la vendita della sua controllata russa Rosbank è un passo importante nella giusta direzione. Tuttavia, questa transazione deve ancora essere approvata nelle prossime settimane e le nostre preoccupazioni per i declassamenti del consenso e il rischio di elezioni francesi rimangono di breve durata”.ha affermato Flora Bocahut, analista finanziario di Jefferies.

La banca ha inoltre assicurato la conferma della politica di piena distribuzione per l’esercizio 2021, ovvero un dividendo di 1,65 euro per azione (vale a dire un rendimento del 7% al prezzo attuale) e un programma di riacquisto di azioni per 915 milioni di euro.

Una strategia orientata all’Oriente messa in discussione

Lasciare la Russia è una decisione difficile per la Société Generale, che era stata riorganizzata negli ultimi anni la sua strategia di banca al dettaglio internazionale in tre paesi, Russia, Repubblica ceca e Romania (dopo il ritiro dalla Polonia e dai Balcani). E la Russia rappresenta (ha) di gran lunga il suo più importante asset internazionale. Questi tre mercati sono stati successivamente salutati dalla banca come: “motori di crescita”rappresentano circa il 20% del fatturato dell’intera divisione retail banking del gruppo, con circa 6 milioni di clienti (2 milioni in ciascuno dei tre paesi).

Nonostante le sanzioni imposte alla Russia nel 2014, dopo l’annessione della Crimea, Société Générale ha sempre mostrato la sua serenità nei confronti della sua controllata sottolineandone la gestione “autonomo” e standard “rigoroso” in termini di conformità.

L’avventura russa per la banca francese è iniziata nel 2006 quando il governo russo voleva attirare investitori internazionali. Fu anche il momento in cui la banca centrale russa decise di ripulire un settore bancario tanto corrotto quanto frammentato. Missione ampiamente compiuta.

Dieci anni di fatica

Nonostante la cattiva reputazione del paese, la Société Générale, allora guidata da Daniel Bouton, decise di raccogliere la sfida prendendo prima il 10% di Rosbank e infine acquisendo il 99,98% della banca da Vladimir Potanin, il tutto per un investimento totale stimato di 4 miliardi di dollari. Gli altissimi margini generati in Russia hanno apparentemente spazzato via l’esitazione interna.

La banca francese conosceva bene il Paese, è vero, ed è stata una delle prime banche occidentali ad aprire una filiale a Mosca negli anni 70. E ha saputo gestire usi e costumi indisciplinati imponendo un discepolo di ferro nella sua controllata e negoziando nel miglior modo possibile i colpi di scena della politica russa, come l’arresto (e il licenziamento) nel 2013 del capo di Rosbank, che da allora è stato scagionato da tutte le accuse. In totale, ci sono voluti dieci anni prima che la controllata Rosbank diventasse redditizia e diventasse un asse di sviluppo del gruppo.

Sfortunatamente, la guerra in Ucraina ha distrutto tutte queste speranze. e il mercato “il più promettente dei prossimi anni” è diventato un incubo, sconvolgendo l’impennata della banca nel mercato azionario e la rinnovata fiducia degli investitori nella strategia del gruppo guidato da Frédéric Oudéa.

Questo ci riporta anche al delicato tema del rischio reputazionale e dei suoi costi legati agli investimenti di una banca. Ora è facile porsi la domanda sulla presenza della banca in Russia, ma questo tema non è mai stato affrontato, almeno non ufficialmente, da stakeholder o analisti finanziari (o anche ESG) prima d’ora.

La banca rischia addirittura una doppia sanzione: è ancora molto presente in Repubblica Ceca e in Romania, mentre i paesi dell’Est europeo saranno quelli più colpiti dalla guerra in Ucraina e dalla serie di sanzioni inflitte alla Russia. Il peggio è sempre prevedibile.