in

Stamattina breve (e misterioso) crollo delle borse europee

Una sacca d’aria che sorprende per le sue dimensioni ma fortunatamente anche per la sua brevità. Questo lunedì mattina, le azioni europee hanno subito un breve crollo, un “flash crash” nel gergo del mercato azionario, che diversi partecipanti al mercato sospettano sia stato causato dall’errore di un trader all’inizio di una sessione caratterizzata da volumi ridotti, il giorno in cui è entrata in un giorno festivo nel Regno Unito.

Da Stoccolma a Parigi passando per Oslo e Francoforte

La borsa di Stoccolma è stata una delle più colpite dal momento che l’indice di riferimento ha perso fino all’8%. Ma è sceso solo dell’1,08% alle 10:15 GMT.

Anche le borse di Copenaghen e Oslo hanno subito pesanti perdite per diversi minuti e la mossa ha avuto conseguenze, su scala minore, in Germania, Italia e Francia, riporta l’agenzia di stampa Reuters: l’indice CAC 40 della borsa di Parigi è sceso al 3,44% intorno alle 08:00 GMT, ma nel pomeriggio ha ceduto solo l’1,3%.

Allo stesso modo, l’ampio indice europeo Stoxx 600 è sceso di oltre il 2% nell’arco di due minuti intorno alle 07:58 GMT, ma è sceso solo allo 0,8% alle 10:15 GMT.

Allo stesso tempo, l’indice di volatilità EuroStoxx è salito brevemente, raggiungendo il livello più alto da metà marzo a 35,99 punti prima di tornare a 33,49.

Un fenomeno “molto strano”.

“Quello che è successo in quei pochi minuti è stato molto strano”, ha affermato Martin Munk, vicepresidente responsabile delle vendite di azioni di Jyske Bank, aggiungendo che molti clienti avevano chiamato l’intermediario per chiedere spiegazioni.

Ha aggiunto:

“Sta iniziando a sembrare qualcosa di più tecnico, potrebbe essere stato causato da un errore commerciale o da un problema tecnico. Non sembra essere stato causato da un evento esterno, perché le informazioni alla fine sarebbero uscite”, ha spiegato.

Questo “flash crash” sarebbe dovuto a una fuga algoritmica o… a un “dito grasso”

Il broker Nordnet si riferiva a un “arresto anomalo del flash” (o arresto anomalo del flash) che ha causato un breve movimento di panico ei partecipanti a Francoforte e Londra hanno stimato che questi movimenti potrebbero essere spiegati dal deflusso di alcune transazioni algoritmiche o da un “dito grasso”, un errore durante l’inserimento dei dati di una transazione.

Un portavoce dell’operatore di borsa Euronext a Oslo ha affermato che le informazioni di mercato da sole non possono spiegare il rapido declino appena prima delle 0800 GMT.

“Riteniamo che sia una questione di routine, nessuna notizia sul mercato può spiegare una mossa così grande”, ha aggiunto.

Nessun errore di sistema trovato finora.

L’operatore statunitense Nasdaq, che gestisce le borse di Stoccolma e Copenaghen, ha affermato di aver monitorato sistematicamente i movimenti del mercato ed è stato in contatto con i partecipanti al mercato sulla volatilità lunedì.

“Non vediamo nulla che indichi difetti nei sistemi del Nasdaq in questo momento”, ha aggiunto il gruppo in un’e-mail.

(Reuters)