in

Stellantis ha dovuto affrontare ingorghi premium

E tre. Con l’annuncio del revival del brand milanese Lanciain morte clinica per diversi anni, Stellantis ora è a capo di tre produttori premium. dsAlfa Romeo ed entro due anni Lancia competerà quindi con i marchi tedeschi (AudiBMW e mercedes) ma anche sino-svedese (Volvo) o indiano britannico (GiaguaroLand Rover

Ciò che conta di più è il margine, non il volume

Un’offensiva verso il premium che è del tutto comprensibile da parte di Carlos Tavares, che l’ha sempre riconosciuta: l’importante è il margine generato da ogni veicolo venduto, più che il numero di auto vendute. E questo è esattamente il caso della classe superiore.

Solo che, affinché il premio sia redditizio, deve comunque essere installato perfettamente in termini di immagine dei clienti. È il caso di tedeschi, svedesi e inglesi, anche se Jaguar e Land Rover sono in difficoltà in questi giorni.

Ma che dire dei tre marchi Stellantis? DS è un marchio fondato da zero nel 2015. Oggi compie 7 anni, il che significa che è un adolescente nel regno premium, un’area in cui ci vuole molto tempo per stabilirsi. Ci sono voluti 20 anni prima che Audi diventasse il punto di riferimento per la qualità che il marchio è oggi.

Alfa Romeo Tonale: la spinta per il marchio italiano.
Alfa Romeo Tonale: la spinta per il marchio italiano.

Soprattutto perché l’immagine di un marchio premium non è fatta solo in termini di qualità di montaggio, ma si basa su un elemento molto più pragmatico che fa accettare a un acquirente di spendere a volte il doppio di un’auto generica: il valore residuo, l’importo che l’auto varrà la pena dopo due o tre anni.

In questo ambito, come per la fama spontanea di DS, il che significa che un dirigente sceglierà questo marchio come veicolo commerciale anziché tedesco, poiché la maggior parte di queste auto premium sono vendute ad aziende, il nuovo marchio francese ha ancora pochi anni cercando di competere con i produttori tedeschi.

Ma il cantiere DS non sembra bastare perché Stellantis cerca di spingere un altro dei suoi marchi nel top di gamma. Questa è l’Alfa Romeo. I due modelli a catalogo (Giulia e Stelvio) vengono infine affiancati da un SUV compatto, il Tonaleche dovrebbe aprire nuovi orizzonti e vendite aggiuntive per il marchio.

DS4 Crossback, l'ultimo DS fino ad oggi, un importante fattore critico di successo.
DS4 Crossback, l’ultimo DS fino ad oggi, un importante fattore critico di successo.

Ma anche questo non è al culmine. Per quanto riguarda DS, passeranno alcuni anni prima che i clienti BMW (target Alfa) vacillino tra il marchio di Monaco e quello di Milano.

Mentre Stellantis deve investire in questi due grandi progetti come la sua DS e l’Alfa, la barca del gruppo franco-italo-americano sta ora caricando la sua barca con un terzo marchio premium: Lancia.

La difficile scommessa di Carlos Tavares

Il costruttore è stato condannato per anni e solo un vecchio Ypsilon la cui creazione risale al 2011, e che ora è disponibile solo in Italia. È stato quindi definito il programma per togliere la Lancia dalla nebbia ed è stata elaborata una tabella di marcia. Una nuova Ypsilon sarà annunciata per il 2024, con la piattaforma Stellantis già utilizzata sul Peugeot 208o ilOpel Corsa per il mitico aurelia e Delta resuscitato qualche anno dopo in versione elettrica.

L’impegno di Carlos Tavares è ormai noto: sviluppare tre marchi premium (Alfa, Lancia e DS) e investire in queste entità il tempo necessario prima che diventino redditizie. Questa ambizione però è audace e rischia di scontrarsi con un altro progetto: quello dell’energia elettrica, che da sola richiede decine di miliardi di investimenti e che riguarda premium, ma anche i marchi generali del gruppo (Fiat, Citroën, Opel, Jeep, ecc. ) così come il marchio di lusso Maserati.

Quindi la scommessa è rischiosa, ma l’uomo che si è trasformato e ha sviluppato un gruppo sull’orlo del fallimento sembra avere fiducia nella sua stella fortunata. I prossimi anni mostreranno se brilla ancora sopra la sua scrivania.

Domani è nostro: cosa vi aspetta nella puntata 1163 di mercoledì 13 aprile 2022 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV

attenzione, commozione prevista nella sesta stagione trasmessa su Netflix!