in

Turbina di marea: Ricoh svela una mini centrale idroelettrica per piccoli corsi d’acqua

L’idea di generare elettricità dalla rete fognaria di uno stabilimento o di un canale di irrigazione sei interessato? Si noti che l’azienda giapponese Ricoh ha sviluppato un sistema per renderlo possibile. battezzato Sistema idrogeneratore 3D Picola soluzione proposta dall’azienda consiste in a mini centrale idroelettrica in grado di generare energia elettrica anche con un piccolo getto d’acqua. Certo, la versione più efficiente del sistema sviluppa una potenza inferiore a 5 kW, ma resta interessante in quanto progettata per poter lavorare con pannelli solari† In questo modo, Ricoh vuole consentirci di avere un’alimentazione più stabile.

Realizzato con materiali stampati in 3D

Una delle caratteristiche speciali del sistema 3D Pico Hydro Generator è che esso realizzato con materiali sostenibilispeciale plastica riciclata. Inoltre, la struttura è il risultato di una stampa tridimensionale. Secondo la spiegazione dell’azienda, il prodotto può essere utilizzato per alimentare vari dispositivi, dai sensori collegati alle lampadine ai sistemi di videosorveglianza. Gli ingegneri Ricoh stanno attualmente sviluppando una versione della macchina con una potenza di 1 kW† E se ciò non bastasse, modelli molto meno potenti – circa dieci watt – per far funzionare i dispositivi IoT, per prevenire alcuni disastri, sono allo studio.

Apparecchiature per la produzione di energia idroelettrica Pico installate nello stabilimento di Ricoh Numazu
Impianto idroelettrico Pico installato presso lo stabilimento Ricoh Numazu. Credito fotografico: RICOH

“Il sistema può essere utilizzato anche in combinazione con pannelli fotovoltaici e batterie per garantire un’alimentazione stabile (…) A seconda della quantità di elettricità prodotta, può essere utilizzato per dispositivi IoT come sensori, illuminazione dei dispositivi e sistemi di ricarica. È in fase di sviluppo un generatore idroelettrico da 1kW e questa è la produzione a cui puntiamo in futuro, attualmente è di pochi watt o poche decine di watt”. Da un portavoce dell’azienda a rivista pv

Principalmente per luoghi remoti

Il sistema Pico Hydro è stato testato presso lo stabilimento aziendale di Numazu con l’obiettivo di: scommesse sui luoghi più remoti della terra. “Nel nostro esperimento dimostrativo con le acque reflue dell’impianto Ricoh di Numazu, siamo stati in grado di confermare la capacità di accendere una lampada e utilizzarla come fonte di alimentazione per una telecamera di sicurezza per nove mesi”ha detto la società. Per realizzare una tale impresa, l’azienda afferma anche di aver utilizzato immagazzinamento della batteria

presto in vendita

Dovresti sapere che il potere sviluppato da a generatore idroelettrico si basa su più elementi. Le proprietà della dinamo sono decisive. Tuttavia, dipende anche il flusso d’acqua e la natura della turbina, solo per citare alcuni esempi. Il sistema 3D-Pico Hydro Generator tiene naturalmente conto di questi parametri. Resta da vedere quando il prodotto sarà disponibile in tutto il mondo poiché Ricoh prevede di lanciarlo prima in Giappone. Più informazioni : acceleratore.ricohjp.ricoh.com

Apparecchiature idroelettriche pico educative realizzate con materiali di stampa 3D
Apparecchiature idroelettriche pico educative realizzate con materiali di stampa 3D. Credito fotografico: RICOH

“È abbastanza !” : Léa Salamé era imbarazzata per la menzione del suo compagno Raphaël Glucksmann in diretta TV

Calcio Inghilterra – La polizia indaga su Cristiano Ronaldo