in

Tutto o niente guerre

per mezzo di Alastair Crooke

L’atteggiamento radicale dell’Occidente nei confronti della Russia minaccia di far crollare l’intero sistema economico attraverso il quale ha imposto il suo dominio sul pianeta.

Queste “guerre” sono sempre più viste in Occidente come eventi esistenziali – cioè eventi “tutto o niente” – e la loro portata è in aumento. Perché le guerre al plurale? Ebbene, lo scontro militare in Ucraina sta per raggiungere il culmine; la guerra per i radicali cambiamenti della Russia nell’ordine monetario globale fa precipitare gli stati occidentali in un vortice senza voce; L’Europa è sull’orlo del baratro economico; e anche la “guerra” Russia-Cina per riorganizzare le “regole” globali sta volgendo al termine (sebbene a un ritmo leggermente più lento).

Tuttavia, la guerra PSYOPS dell’Occidente è davvero in un campionato a parte. Il muro di tossicità che si gonfia, si alza e cade sulle coste della Russia rappresenta una tempesta marina come non ne abbiamo mai viste prima. Chiaramente il suo intento è ricattare il presidente Putin oltre il “male”, per trasformarlo in un demone satanico così contorto che qualsiasi oligarca russo sano di mente si affretterà a sostituirlo con una figura più docile, in stile Eltsin.

Solo che non funziona. I funzionari occidentali dietro il “sipario” dello PSYOPS non sanno quando fermarsi. Tirano più forte le leve e girano i quadranti sempre più in alto, fino a quando l’ondata di odio radicato per tutto ciò che è russo ha prodotto l’effetto opposto: non solo Putin è più popolare, ma ha scatenato una violenta reazione in Russia contro l’Occidente come un’intera.

L’effetto netto, quindi, è stato proprio che la questione ucraina si è trasformata in un incubo esistenziale manicheo. Il mondo anglosassone scritto nei titoli che “la guerra è tutto o niente”: se Putin non è sconfitto (nel senso di essere completamente sconfitto in battaglia), l’Occidente semplicemente non può sopravvivere.

Il problema con l’Occidente che porta le cose a un tale climax tutto o niente è che rischia anche di essere “nulla”. In effetti, è chiaro che non è lecito discutere con le forze demoniache “malvagie”: nessun dialogo politico. Tutto o niente.

L’ovvio corollario di questo confronto in termini binari di bene e male è che il resto del mondo deve essere sottoposto a un grande meccanismo inquisitorio per scoprire gli eretici, e quindi costringerli, a contrastare qualsiasi fallimento nel sostenere l’Ucraina contro la Russia. pena di essere bruciato sul rogo. Gli inquisitori si sono diffusi in tutto il mondo: gli euro-ripetitori sono i primi (gli Orbàn); il PakistanIndia, Turchia, Stati del Golfo, ecc. a seguire.

Solo che, ancora una volta, non funziona. Il non-ovest avverte nell’aria un regno che si indebolisce, che vacilla, che si agita, mentre Ercole, armato della sua spada, scende nell’Ade (il mondo sotterraneo) per andare a prendere il segugio a tre teste Cerberus, la cui testa si allarga umana terrore da ciò che ci aspetta dietro l’angolo. (La paura è davvero in aumento.)

Ed è proprio questo che guida questa paura del tutto o niente: il cambio di rotta previsto dall’insistenza della Russia sul pagamento in rubli (per ora solo per le forniture di gas) e da un rublo già in ripresa, ora legato all’oro e alle materie prime.

Giocando da entrambe le parti: ancorando il rublo all’oro e poi ancorando i pagamenti energetici al rublo, la Banca di Russia e il Cremlino stanno cambiando radicalmente tutti i presupposti operativi del sistema commerciale mondiale (sostituendo le transazioni sbiadite in dollari con valuta solida transazioni, supportate dalle materie prime), innescando un riorientamento del ruolo dell’oro come baluardo del sistema monetario.

Se la maggioranza del sistema commerciale internazionale iniziasse ad accettare rubli per la fornitura di materie prime, potrebbe spingere quello che il guru di Wall Street Zoltan Pozsar fornisce come la morte del petrodollaro e l’avvento di Bretton Woods III (cioè un nuovo ordine mondiale monetario).

Il mondo sta guardando attentamente. Vedono il paesaggio in movimento. Quando l’Occidente collettivo ha confiscato tutte le riserve valutarie della Banca centrale russa, quest’ultima ha decretato che le riserve statali russe in euro, dollari e buoni del tesoro statunitensi non erano più “buoni soldi”. Erano inutili come “moneta” per pagare i debiti ai creditori stranieri.

Il messaggio era abbastanza chiaro: se anche un grande stato del G20 può vedere cancellate le sue riserve in pochissimo tempo, allora per coloro che hanno ancora “riserve” a New York, andate a prenderle altrove (se possibile)! Perché le valute commerciali di domani sono sostenute da materie prime e non più da dollari costanti.

Naturalmente, tra coloro che guardano ad un altro aspetto (i prezzi del petrolio di mercato), i più attenti saranno la Cina (con le sue vaste riserve auree) e i maggiori produttori di greggio, che vedranno che le azioni della Russia – se continuano – potrebbero portare a La Russia non sta solo rubando il prezzo dell’oro dalla LBMA e dal COMEX (borse dell’oro), ma chissà, insieme ad altri produttori, il prezzo dell’oro anche dal petrolio sulle borse delle materie prime statunitensi?

In un senso molto reale, l’Occidente avverte un pericolo esistenziale. Non stiamo parlando solo di dedollarizzazione, stiamo parlando di qualcosa di più fondamentale. Il sistema finanziario occidentale è costituito da una piramide rovesciata di “strumenti” di carta moneta ad alta leva finanziaria (molti dei quali sono noti come derivati), che poggiano sulla base più piccola, la sommità della piramide. Questo si chiama “denaro interno”.

È di dimensioni maggiori rispetto ai collaterali alla base, talvolta chiamati “argento esterno”. Il denaro esterno rappresenta qualcosa di reale: petrolio, gas, energia, cibo, metalli, ecc. Una garanzia che è reale.

Rimuovere il denaro esterno dalla base della piramide invertita… e (possibilmente) schiantarsi.

Bene, è quello che succede. Putin sta spingendo il gas russo lontano dalla base della piramide insistendo sul fatto che l’intero processo di pagamento e il valore della garanzia rimangono all’interno del regno del rublo. E se altri stati seguono l’esempio e si espandono ad altre risorse… Crash.

L’ironia è che l’Occidente si è fatto carico di questa situazione. Putin non l’ha fatto. L’hanno fatto. Lo hanno fatto quando i “falchi” fobici della Russia a Washington hanno stupidamente iniziato una rissa con l’unico paese – la Russia – che ha il materie prime richieste per guidare il mondo e avviare il passaggio a un altro sistema monetario, un sistema alternativo, ancorato a qualcosa di diverso dal denaro fiat, supportato da nient’altro che dalla capacità della Federal Reserve di stampare dollari all’infinito.

E poi hanno distrutto la “completa fiducia e promessa” del Tesoro degli Stati Uniti di impegnarsi per il pagamento contrattuale, rubando le riserve russe.

fonte : Al Mayadeen

traduzione Rete internazionale

Cyril Hanouna blocca il giornalista di BFMTV

OM: Statistiche, Final Four e Classic… nder ha fame, molta fame! – Calcio