in

Wall Street salta dopo gli annunci della Fed – 04/05/2022 alle 22:36

IL MERCATO AZIONARIO DI NEW YORK CHIUDE FORTE

IL MERCATO AZIONARIO DI NEW YORK CHIUDE FORTE

di Echo Wang e Devik Jain

(Reuters) – La borsa di New York ha chiuso in forte rialzo mercoledì dopo una sessione difficile quando la Federal Reserve (Fed) ha annunciato un tanto atteso rialzo dei tassi. Il tasso di interesse di mezzo punto, una misura senza precedenti dal 2000, per combattere l’inflazione.

Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato il 2,81% o 932,27 punti a 34.061,06 punti.

Il più ampio S&P 500 ha guadagnato 124,69 punti, o il 2,99%, a 4.300,17 punti.

Il Nasdaq Composite, a sua volta, è salito di 401,10 punti (3,19%) a 12.964,86 punti.

Dopo aver visto movimenti in entrambe le direzioni, i principali indici di Wall Street si sono stabilizzati e poi sono saliti bruscamente, con i commenti del presidente della Fed Jerome Powell in una conferenza stampa.

L’S&P 500 ha registrato il suo aumento percentuale giornaliero più forte dal 18 maggio 2020.

In una dichiarazione rilasciata dopo la sua riunione di politica monetaria di due giorni, la Fed ha affermato che aumenterà il suo tasso di interesse di riferimento di mezzo punto e inizierà a contrarre il suo bilancio a giugno, un inasprimento inteso a rafforzare la lotta contro l’aumento dell’inflazione.

“La Fed comprende chiaramente la necessità di frenare l’aumento dei prezzi”, ha affermato Greg Bassuk, direttore generale di AXS Investments a Port Chester, New York.

“Anche se la Fed è più aggressiva con gli aumenti dei tassi, siamo ancora alle prese con tensioni geopolitiche, problemi legati al COVID e profitti trimestrali ovunque”, aggiunge. “Quindi vediamo ancora volatilità all’orizzonte”.

Gli investitori hanno seguito da vicino il discorso di Jerome Powell per possibili nuove indicazioni sulle azioni future della Fed e sui loro tempi.

Wall Street è stata recentemente appesantita dai timori che le politiche più aggressive della Fed danneggeranno la crescita economica, deludendo i risultati trimestrali delle società in forte crescita, il conflitto in Ucraina e le restrizioni sanitarie di fronte al COVID-19 in Cina.

I titoli ad alta crescita, compresi i giganti della tecnologia, sono state le maggiori vittime della rotazione del mercato.

Tutti gli undici principali settori dell’S&P 500 sono saliti mercoledì, in particolare il settore energetico.

Le azioni bancarie sono aumentate del 3,5% quando i rendimenti dei Treasury statunitensi a due anni hanno raggiunto nuovi massimi da novembre 2018.

Lyft è sceso del 30% dopo aver registrato un profitto trimestrale inferiore alle aspettative, temendo una spesa aggiuntiva.

* Il ricordo della sessione in Europa: [.EUFR]

* DA SEGUIRE GIOVEDI’:

(versione francese Jean Terzian)

La Fed alza in modo aggressivo i tassi di interesse per la prima volta in 22 anni

Le compagnie aeree invocano “un’azione urgente” ingorghi aeroportuali