in

Anne-Sophie Lapix esclusa dal dibattito tra i due turni, Léa Salamé reagisce alla polemica e si esprime sulla collega di France 2

Léa Salamé e Gilles Bouleau guideranno il dibattito tra i due turni delle elezioni presidenziali. Il nome di Anne-Sophie Lapix è stato ignorato fin dall’inizio dalle due finaliste nella votazione. Nelle colonne di pariginoil co-presentatore dinoi siamo vivi ha reagito a questa decisione controversa.

Il seguito sotto questo annuncio

mercoledì 20 aprile, Marine Le Pen e Emanuele Macron si incontrerà per la seconda volta durante il dibattito tra i due turni delle elezioni presidenziali, che andrà in onda su TF1 e France 2. Gilles Bouleau e Léa Salamé sono stati soprannominati da entrambe le parti per mediare questo confronto. D’altra parte, il nome diAnne-Sophie Lapixla presentazione della notizia di France 2 è stata immediatamente respinta, perché entrambe le parti sono considerate troppo critiche“Marine Le Pen non vuole che Anne-Sophie Lapix guidi il dibattito”aveva affermato Giordano Bardellail presidente ad interim del National Rally sul set di Tempo per i professionisti† †Non può nascondere la sua ostilità nei confronti di Marine Le Pen ogni volta che la riceve”. aveva precisato, aggiungendo “mAnche Emmanuel Macron non vuole che Anne-Sophie Lapix entri nel dibattito”.

Una scelta che ha suscitato molte critiche

Se il principale stakeholder non ha parlato pubblicamente dell’argomento, ha suscitato molte reazioni. “È molto difficile per lei” Lo hanno detto alla rivista i parenti del giornalista Telerama† Ma Anne-Sophie Lapix può contare su di esso il sostegno di France Télévisions† †Ho la fortuna di avere un giornalista indipendente e nessuno mi costringerà nessuno (…) Le critiche non fanno che rafforzarlo“, ha stimato il suo presidente, Delphine Ernotte, tutte voci di una partenza dal gruppo. Jean-Michel Aphatie lo aveva spinto in una diatriba contro questa decisione. †Porre il veto a Lapix o Tartempion è meschino, ridicolo. Macron si comporta da scricciolo come Le Pen”, era seccato. Chiesto da il pariginoquesta volta furono Gille Bouleau e Léa Salamé a difendere il loro collega.

“Abbiamo parlato a lungo questa settimana”, Léa Salamé rivela di Anne-Sophie Lapix

Il presentatore di JT di TF1 si è detto scioccato dalle parole di Jordan Bardella. “Non l’ho notato nelle interviste fatte da Anne-Sophie”risponde di una presunta ostilità del giornalista nei confronti del candidato della RN. “Che abbia un’opinione, ok. Ma trovo un po’ più inquietante che lo esprima pubblicamente.” lui continua. Stessa storia da parte di Léa Salamé. “Anche a me ha infastidito. Non spetta ai politici dare ai giornalisti un punto positivo o negativo su un televisore”lei nota. Prima di difendere la sua collega di France 2 con cui ha lavorato Eliseo 2022. “Si è messa in pericolo accettando di partecipare a questo programma politico quando non era obbligata a farlo. Non è solo un’ottima giornalista, ma anche una donna coraggiosa e sincera. Abbiamo parlato ampiamente questa settimana.lei spiega. Nega anche di essere a “Piano B” per il dibattito. “Non mi sembra di aver giocato il secondo violino in questa campagna”lei fa notare.

Pallavolo – Caso Narbonne-Sète: Narbonne Volley svela le immagini dell’attacco del suo preparatore atletico

Christophe Urios (UBB): “Questo cartellino rosso è pesante”