in

Brigitte Fontaine firma la sua irriverenza al Printemps de Bourges

pubblicato lunedì 18 aprile 2022 alle 21:00

Béatrice Dalle, Jarvis Cocker o anche Arthur H: questo il cast reale dei Printemps de Bourges per l’addio dal palco di Brigitte Fontaine, 82 anni, cantante tenace, tra poesia e dolce follia.

Ovviamente, “la Reine des Kékés”, soprannome ereditato dal suo album “Kékéland”, non fa quanto si è convenuto di evocare questo spettacolo, in programma per mercoledì. L’intervista telefonica con AFP è come loro, diversa.

Quando diciamo le parole “addio alla scena”, il cantautore défouraille dice: “È assolutamente stupido, non l’ho mai detto, nemmeno il contrario. È tutto un tessuto di bugie, + addio alla scena +, è ridicolo “. “Come dire che sono un grande artista, è completamente ridicolo, sono un + thriller poetico moderno +”. Un “thriller poetico moderno”, in altre parole.

Un altro lampo quando gli parliamo di alcuni ospiti della sua serata, come la musicista Rebeka Warrior o l’attrice Anna Mouglalis: “Dicono che ho scelto persone che mi piacciono molto, ma non le conosco, è così che inizia e come finisce, non so se per me si svolgerà questa serata, gli altri ci saranno”.

– “dannata notte” –

“Brigitte, siamo bugiarde appassionate, faremo quello che vuoi, divertiti con AFP Boris Vedel, direttore di Printemps. Voleva chiamare questa sera + Closing Night + (serata di chiusura), ma ora vuole + Fucking Night+”.

La cantante insiste nel pensare agli ospiti che apprezza. “Béatrice Dalle, siamo una specie di amiche, ha quasi recitato in una commedia che ho scritto, ma non è successo”. “Philippe Katerine, eh si, mi piace molto, proprio come Arthur H”. “Jarvis Cocker (ex leader dei Pulp), lo volevo davvero, parteciperà sicuramente al mio prossimo disco, proprio come Thurston Moore (Sonic Youth, il suo gruppo, era già presente al + Kékéland +, non sarà a Bourges essere )”.

Perché è per questo che l’avventura continua su disco, anche se i problemi di salute lo rimuovono dalla scena.

Ciò che scivola di sfuggita mette in dubbio i suoi ricordi di Printemps, dove si è esibita nel 1978.

“Non ho proprio ricordi. Non vedo il futuro, sono troppo miope. Il presente: ho molto dolore ovunque, le vertebre, il diaframma, le gengive, i denti, i piedi , ma non è molto interessante lo stato di salute”.

Prima di concludere la conversazione (“Vedrai come sarà la serata quando verrai, non lo so mai”), fa un ultimo complimento. “Kervern e Delépine non sono noiosi nel loro lavoro, mi piacciono molto, sono simpatici”.

– “Una ribellione” –

“Ah, pensavo che avrebbe detto + li odio + (ride), sono contento che siamo sfuggiti alla sua rabbia”, dice AFP Gustave Kervern.

Con il suo complice regista Benoît Delépine, reinterpreterà sul palco una delle sue canzoni “C’est normal”.

“C’è sempre un contenuto, sociale, una rivolta, in questa canzone c’è un incendio in un edificio abitato da migranti privi di documenti”, completo per AFP Benoît Delépine.

Kervern e Delépine hanno fatto il loro turno nel loro film “Le grand soir”. “L’abbiamo filmata in videosorveglianza mentre attraversava un parcheggio di un ipermercato con un carrello del formaggio, maledicendo e costringendo le persone che avevano allucinazioni ad andarsene”, ricorda Delépine. “Voleva indossare il suo elmetto di pelle che indossa quando è a sud della Loira (ride)”.

“Rappresenta la poesia, l’assolutamente imprevedibile. Ha un modo di giocare con le parole, coglierle, che è solo suo”, sottolinea ancora Delépine.

“Vogliamo rendergli così tanto omaggio, attraverso la sua personalità e il suo lavoro, è un tesoro di questo paese, sviluppa Kervern. La sua parola è libera quando tutti praticano il linguaggio del legno. È unica, possiamo aspettarci tutto, anche che non è a Bourges (ride)”.

Lost Ark, grandi nerf per Berzerker e Sorceress in Corea, ma anche buff… lo stesso per la versione Global?

Kev Adams fa un grosso errore, diventa lo zimbello del web