in

“È abbastanza !” : Léa Salamé era imbarazzata per la menzione del suo compagno Raphaël Glucksmann in diretta TV

Questo novembre il Coppa del Mondo 2022† Ed è in Qatar che si giocherà la competizione, il che è un vero problema. Secondo un recente sondaggio, infatti, il 55% degli intervistati è disposto a non seguire le partite e il 39% afferma addirittura che la squadra francese, detentrice del titolo di campione del mondo, boicottare l’evento. La ragione ? La situazione preoccupante del Paese che ospita l’evento. Il Qatar è stato oggetto di numerose gravi accuse di violazione dei diritti dei lavoratori migranti, restrizioni alla libertà di espressione e mancanza di rispetto per i diritti umani in generale. Argomenti abbastanza seri, ma di chi Filippo Caverivière piuttosto rise noi siamo vivi

Prima del suo ritorno allo show di France 2, il comico era in ottima forma, anche se necessariamente un po’ frustrato per non aver potuto parlare di politica poche ore prima del primo turno delle elezioni presidenziali. Non importa, ha trovato ispirazione nel calcio e in questo famoso sondaggio che invitava i Blues a non partecipare ai Mondiali. †Dobbiamo boicottare, dobbiamo boicottare chiaramente“, concordava Philippe Caverivière prima di precisare sempre con umorismo: “Ma solo quando perdiamo, quando vinciamo è stupido. Se veniamo sconfitti in conferenza stampa, diremo: ‘Non volevamo certo venire, abbiamo perso apposta, abbiamo sparato di traverso per rendere omaggio ai lavoratori morti nei cantieri.’

Il comico ha continuato la sua battuta, che è durata… una svolta inaspettata per Lea Salame† †Sono per il boicottaggio finché non sono invitato, poi se ho un posto nella scatola, i diritti umani, sarò più flessibile… Sai Caverivière in Qatar significa ‘grande michto’. Non sono Raphael Glucksmann! ha lanciato, riferendosi alle lotte della compagna di Léa Salamé contro la corruzione nel calcio.

Una strizzatina d’occhio che ha molto imbarazzato il giornalista. †Oh no ! Non hai diritto!“, rispose con una risata nervosa. Philippe Caverivière continuò: “Glucksmann che significa ‘Uomo fortunato’… Felice di essere al tuo fiancoÈ abbastanza !” gridò la madre di Gabriel (5 anni), un po’ aiutata da Laurent Ruquier. “niente politica“, ricordava l’inserviente, tuttavia corretto dal compagno ancora ugualmente inquieto: “Soprattutto abbiamo detto ‘no privacy’Messaggio questa volta ascoltato dal comico che poi ha cambiato argomento.

Durante questo programma, gli spettatori hanno anche potuto beneficiare della presenza di Amir Haddad, Isabelle Boulay, JoeyStarr, Bilal El Atreby, Nicolas Gob, Paul-Henri Nargeolet, Guillaume Néry, Frédérique Tirmont, Steve Suissa, Bernard Alane. Presenti anche il cantante Five e il rapper AZ.

Dalla parte del pubblico, noi siamo vivi ha ottenuto un ottimo punteggio sabato sera riunendo 1,02 milioni di telespettatori (17,3%). Laurent Ruquier e Léa Salamé hanno così guadagnato 300mila followers in una settimana, superando il milione.

Elden Ring, velo mimetico: come trovare l’oggetto ideale da nascondere durante le invasioni?

Turbina di marea: Ricoh svela una mini centrale idroelettrica per piccoli corsi d’acqua