in

Eliminata da Koh-Lanta, Alexandra rivela ciò che ha detto a Setha quando ha scoperto la sua falsa collana dell’immunità

È chiaro che la maledizione di Koh-Lanta, il totem maledetto tocca soprattutto le palle nere che servivano per decidere tra gli avventurieri… Ci pensiamo in particolare povera Stephanie, gatta nera di questa edizione durante diverse estrazioni e buona fortuna nella consulenza giocato su palla nera tra lei e Beniamino. E sorpresa, questo scenario è accaduto di nuovo questo martedì sera in mezzo alessandra e Seta, sempre nella squadra gialla. Ed è l’avventuriera con un carattere forte che ha finalmente visto la sua torcia spegnersi questa settimana. Ripensa al suo viaggio verso Tempo senza tele.

“Setha ha lavorato più sul campo di me”

Télé-Loisirs: Qual è il peggio tra l’essere eliminati per pareggio e finire alle porte della riunificazione?

Alessandra: Prima della riunificazione abbandonavo chiaramente l’avventura, perché volevo andare avanti. È la tristezza di non aver raggiunto questo obiettivo, di non aver fatto tutto il possibile per arrivarci.

Hai avuto una brutta sensazione durante questo viaggio fatale?

No per niente. Ho sempre chiuso gli occhi durante i sorteggi, ma fino ad allora non avevo disegnato palloni neri. Ero combattuto, era una possibilità su due. Ma quando sono arrivato a questo consiglio, sono stato fatalista. Mi stavo preparando per un periodo difficile quando me ne sono andato, quindi ero pronto nella mia testa.

Questa è la seconda eliminazione in consiglio per sorteggio. Questo dice qualcosa sulla tua squadra? È diviso in due campi?

Setha, sapendo di non avere un collare di immunità, ha chiesto a Bastien di non votare contro di lei. Ha solo lavorato più a terra di quanto pensassi che ne avesse uno ed è per questo che è stato fatto. Ma non mi sentivo come se ci fossero due parti.

“Mi sono congratulato con Setha per la sua falsa collana di immunità”

Quando hai saputo del bluff di Setha sulla sua presunta catena immunitaria?

Una volta fuori ovviamente. Quando abbiamo visto il primo episodio insieme, anche se avevo avuto le informazioni prima, abbiamo davvero scoperto tutti gli imbrogli. E davvero complimenti. Anche se un po’ suo malgrado, perché Setha voleva proteggere Céline ma non farci credere che avesse il colletto finto. Quando gliel’abbiamo chiesto, non ha detto niente… e ha funzionato! Mi sono congratulato con lei.

Il consiglio tra i gialli è elettrico, dove l’atmosfera sembra più tranquilla con i rossi. Come lo analizzi?

Ci sono personalità tra i gialli. Sono stato anche criticato per non avere un filtro. Ma almeno con me sappiamo dove stiamo andando. Ai Reds lo vediamo criticato… ma in tanti lo hanno scoperto in onda. Prestano attenzione e parlano più fluentemente. Siamo più spontanei con i gialli, ma è più rischioso…

Parliamo molto del tuo trio con Olga e nasello

È anche un quartetto con Anna Sofia† Anche se era lacerata dalla vecchia porpora. Ma c’era una vera complicità tra noi quattro. Spero che vadano il più lontano possibile.

“Sono a Koh-Lanta come sono nella vita”

il vostro personaggio”ultra autoritario“secondo Benjamin è stato criticato nell’avventura Capisci?

Benjamin dice quello che gli altri vogliono sentire. In effetti, quando mi sono presentato come un leader, ho spaventato tutti. Ma vedo la leadership come qualcosa di benevolo, partecipativo e costruttivo. Sono nella squadra. Aumentiamo le parentesi graffe di Yannick perché è direttivo ma non fa nulla† Non è colpa mia… Ogni giorno è andato molto bene. La gente mi vede come un piccolo chef, ma non lo sono. La mia definizione della parola leader non corrisponde a quella che definisce il 90% delle persone. E poi ho lavorato al campo: ho portato conchiglie, canna da zucchero… Così è andata bene con gli altri.

Questa critica, che proviene anche da alcuni utenti di Internet, ha avuto delle conseguenze per te?

Non è mai divertente essere criticati sui social media. Siamo necessariamente nell’analisi di ‘È giustificato o no?’ Ma tutte le persone che mi conoscono e mi dicono che sono a Koh-Lanta come sono nella vita. Non ho carattere. Ma all’inizio abbiamo 24 anni, quindi non possiamo vedere tutte le sfaccettature della mia personalità. Solo nell’ultimo episodio apprendiamo che sono una madre, per esempio. Le caratteristiche della mia personalità compensano questo lato di leadership, che trovo più positivo che negativo in un gruppo.

“Ero me stesso e ho vissuto la mia avventura”

Il tempo è molto irregolare quest’anno. Lo vediamo di nuovo con un enorme temporale in questo episodio. Ha colpito la mente e il corpo?

Questa tempesta è stato il momento più difficile dell’avventura. Ricordiamo ancora con Anne-Sophie. È più difficile della fame e della mancanza di famiglia. Non abbiamo un asciugamano per asciugarci, consuma energia e motivazione… Dobbiamo usare le nostre risorse quando siamo già indeboliti mentalmente e fisicamente. Questo freddo è stato terribile e io soppeso le mie parole!

Come vedi la tua avventura?

Ci viene detto di essere noi stessi mentre intraprendiamo l’avventura. So che la mia personalità è divisiva. Ma è meglio non essere amati per quello che sono piuttosto che il contrario. Quindi ero me stesso e ho vissuto la mia avventura. È stato fantastico e non ho rimpianti tranne la mia partenza.

PS5: è di nuovo disponibile, ma per quanto tempo?

New York: appena inaugurato il grattacielo più sottile del mondo