in

ESCLUSO. Louis Bertignac: droghe pesanti, operazione Carla Bruni… Fiducia senza tabù

Nelle sezioni della sua rivista Télé Star, che sarà in edicola da lunedì 2 maggio 2022, Louis Bertignac affida il tabù. Droghe pesanti, chirurgia, amore… Dice tutto!

Durante la pubblicazione della sua autobiografia intitolata bella storia pubblicato da Cherche midi, l’ex membro del gruppo telefonico confida anche che il suo prossimo numero di Télé Star uscirà in edicola lunedì 2 maggio 2022. Innanzitutto Louis Bertignac rivela che è stato Guy Carlier a convincerlo a scrivere un libro quando voleva aspettare un po’. Una volta lanciato nel progetto, ha voluto affrontare vari aspetti della sua vita privata come la droga, la chirurgia e, naturalmente, le sue storie d’amore. “Molte persone che sono attratte dalle rocce si sballano. Avevo paura di rifiutare come un pazzo e l’ho preso. Mi piaceva solo l’eroe. Io no. Non ero come gli altri, mi bastava una piccola dose. Mi ha tranquillizzato. Oggi sono naturale. Per questo ho smesso” prima spiega.

Louis Bertignac: le sue confessioni sul colpo personale

Louis Bertignac, che conosce da tempo la scena, parla anche delle tensioni che ha vissuto all’interno dei Telephone Group, in particolare con Corine, il bassista, la sua ex fidanzata, e Jean-Louis Aubert. “Non accettava che non fosse lo stesso uomo nella vita e sul palco. L’ho adorato” dice il chitarrista. Dal lato del cuore ha attraversato una tempesta con la madre delle sue due figlie, ma per fortuna quello Carla Brunicocon cui aveva una relazione era presente al suo fianco. “Ero in fondo al buco. Lei e Nicolas Sarkozy sono stati molto gentili” conclude. Poco dopo incontra anche la madre di suo figlio Jack. Un’intervista integrale sulla vostra rivista Télé Star in edicola e in versione digitale lunedì 2 maggio.

Carica widget

Iscriviti alla newsletter di Telestar.fr per ricevere gratuitamente le ultime notizie

MotoGP 2023: Fabio Quartararo da confermare con Yamaha ed ecco il suo presunto stipendio

Prezzi delle sigarette: nonostante l’inflazione, perché alcuni pacchetti sono più economici dal 1 maggio