in

i segreti strazianti di sua moglie Karin sulle circostanze della sua morte

Nell’aprile 2021, Yves Rénier, l’indimenticabile Commissario Moulin, ci ha lasciato. Quasi un anno dopo questa scomparsa, il ricordo della notte in cui ha perso il marito rimane doloroso per Karin. Una storia commovente da leggere sulle colonne di Gala giovedì prossimo, 14 aprile.

Il seguito sotto questo annuncio

È passato quasi un anno da quando il Commissario Moulin ci ha lasciato. Nella notte dal 23 al 24 aprile Yves Renier morì per complicazioni all’età di 78 anni un infarto† Il comico che è rimasto indietro sua moglie, Karin Renier e quattro figli† Nel 1996, Yves Rénier e Karin si sono detti “sì”. Insieme hanno due ragazzi: Jules (1997) e Oscar (2000). Quasi un anno dopo la morte del marito, Karin Renier accettato di confidarsi nelle colonne di Gala questo giovedì 14 aprile. La moglie dell’attore ricorda ancora quella notte in cui ha trovato l’amore della sua vita sul pavimento del bagno. Una commovente testimonianza.

Karin “paralizzato” la notte in cui suo marito è scomparso

Quando torna dalla cena con gli amici, è lei che scopre il marito nel suo bagnoNon ho capito o non volevo capire. Non avevo mai affrontato la morte. Ho perso mio padre, mio ​​fratello tre anni fa, ma mi sono rifiutato di vederli. Quando ho urlato, Oscar, il mio figlio più piccolo che era a casa – Jules era a Biarritz – capì subito“, ricorda. Nonostante la giovane età di suo figlio, Karin Rénier ha potuto contare sul suo sostegno: “È stato lui a prendere in mano la situazione. Ha chiamato il Samu, ha iniziato a fargli le compressioni toraciche, bocca a bocca, mi ha chiesto di uscire e aspettare i soccorsi…‘ lei riferisce. “tetanizzato”La moglie del commissario Moulin perde l’equilibrio: “È come se un camion si precipitasse verso di me senza che io riesca a liberarmi… Ecco fatto, sono stato colpito in faccia da un camion“, lei immagini.

“Mi sento come se non fossi più nella mia vita”

A quasi un anno da questa terribile scomparsa, il dolore di Karin Rénier sembra insormontabile: “Da un anno ho l’impressione di non essere più nella mia vita“, dice. Yves Rénier è morto prima di realizzare il suo ultimo progetto, un film sul diritto a morire con dignità, una produzione che avrebbe girato con Mathilde Seigner a settembre. Karin Rénier rende un punto d’onore onorare la memoria del suo defunto marito vivo: “Ho la sensazione che sia con me. Parlo con lui.“La madre può contare anche sul sostegno incrollabile della sua famiglia.

5 sconti lampo sugli elementi essenziali del catalogo (Air Max, Air Force, ecc.)

Elon Musk lancia un’acquisizione ostile su Twitter