in

La ricerca si è concentrata su Pierre Ménès: Marie Portolano ascoltata dai ricercatori

il necessario
La giornalista Marie Portolano è stata intervistata all’inizio di aprile dai ricercatori nell’indagine sull’ex consigliere di Canal+ Pierre Ménès.

Marie Portolano, giornalista e regista di un documentario in cui Pierre Ménès è accusato di violenza sessuale, è stata intervistata all’inizio di aprile dagli inquirenti nell’indagine sull’ex consulente di Canal+, ha appreso mercoledì l’Afp da fonti vicine al caso.

Questa udienza, durata diverse ore, si è concentrata principalmente sull’aggressione che il giornalista avrebbe subito nel 2016, ha detto all’AFP una fonte a conoscenza del caso. Marie Portolano, che secondo questa fonte non ha presentato denuncia fino ad oggi, accusa Pierre Ménès di aver alzato la gonna e di averle toccato le natiche, in onda e davanti al pubblico della trasmissione Canal Football Club, nel 2016. Che lo fa non ricordo, a causa di gravi problemi di salute dell’epoca.

Nel suo documentario “Non sono una troia, sono una giornalista”, sul sessismo nel mondo del giornalismo sportivo e trasmesso su Canal+ nella primavera del 2021, la giornalista accusa l’ex collega di diverse aggressioni. Pierre Ménès è anche accusato di aver baciato con la forza due editorialisti, Isabelle Moreau e Francesca Antoniotti, durante delle trasmissioni televisive.

Ricerca interna

Un’indagine interna è stata avviata sulla scia del canale Canal+, accusato di aver rimosso dal documentario i passaggi più incriminanti contro il loro editorialista di punta. A seguito dei risultati di questa indagine interna, l’ispettorato del lavoro di Hauts-de-Seine (dipartimento in cui ha sede Canal+) ha deciso di avviare un’azione legale a dicembre. La procura di Nanterre ha quindi aperto a gennaio un’indagine preliminare sulle violenze sessuali e le molestie sessuali nei confronti del 58enne Pierre Ménès.

Queste indagini affidate alla Brigata per la repressione della delinquenza contro le persone (BRDP) riguardano tutti i fatti citati nel rapporto dell’Ispettorato del lavoro e non solo quelli denunciati da Marie Portolano. Secondo un’altra fonte a conoscenza del caso, diverse persone, vittime o che potrebbero essere considerate vittime, sono state intervistate e testimoni.

Pierre Ménès ha lasciato Canal+ la scorsa estate dopo queste rivelazioni che lo hanno portato a offrire i suoi “rimpianti” e le sue “scuse sincere” alle sue “vittime”. Sarà processato anche a Parigi a giugno per un altro caso di aggressione, questa volta nel 2021 al Parc des Princes.

Rudy Giuliani smascherato nell’americano “Mask Singer”, uno degli animatori lascia il set

Il successo di Will Smith agli Oscar: le sfortunate conseguenze del suo gesto sul figlio Jaden