in

L’attore, regista e produttore Jacques Perrin muore all’età di 80 anni

Noto per i suoi ruoli in “Les Demoiselles de Rochefort”, “Peau d’âne”, “Le Crabe-tambour” o più recentemente “Les Choristes”, ha anche realizzato numerosi documentari come “Le Peuple migreur” e “Océans”.

Articolo scritto da

Inserito

In aggiornamento

Momento della lettura : 1 minuto.

L’attore, regista e produttore Jacques Perrin, che aveva recitato in particolare in pelle d’asino Vero Il granchio tamburo e ha diretto il documentario Il popolo migranteè morto giovedì 21 aprile a Parigi all’età di 80 anni, ha annunciato la sua famiglia all’AFP. “La famiglia è immensamente rattristata nell’informarvi della scomparsa del regista Jacques Perrin, scomparso a Parigi giovedì 21 aprile. È deceduto pacificamente all’età di 80 anni”., la sua famiglia ha annunciato in una dichiarazione che suo figlio Mathieu Simonet ha inviato all’AFP. Di recente era apparso nel film Golia di Frédéric Tellier, con Pierre Niney, Gilles Lellouche ed Emmanuelle Bercot.

Nato a Parigi il 13 luglio 1941, Jacques Perrin ha recitato come attore in più di 70 film degli anni 50. La sua voce morbida e i suoi capelli grigi che diventavano bianchi erano noti al grande pubblico, che lo vedeva principalmente in Pierre Schoendoerffer (Il granchio tamburo nel 1977, L’onore di un capitano nel 1982) e Jacques Demy (Le demoiselles de Rochefort nel 1967, pelle d’asino 1970). Jacques Perrin ha anche co-prodotto una quindicina di film dalla fine degli anni ’60, tra cui: z di Costa-Gavras (1968) o i coristi (2004) di suo cugino Christophe Barratier, in cui ha anche recitato (8,6 milioni di spettatori). Nei primi anni 2000 è apparso anche come narratore in Il patto dei lupidi Christophe Gans.

Impegnato difensore della natura, ha co-prodotto diversi documentari su questo tema, tra cui: Il popolo delle scimmie (1989), Microcosmo: il popolo dell’erba (1996) o Himalaya: la giovinezza di uno chef (1999). Ha continuato a dirigere documentari acclamati dalla critica, tra cui: Il popolo migrantededicato agli uccelli (2001, 2,8 milioni di spettatori in Francia), quindi oceani (2010, 2,9 milioni di telespettatori), premiato con il César per il miglior documentario nel 2011.

I ricercatori prevedono quando l’umanità diventerà una civiltà di tipo I

Ma test della banca francese: una neobanca semplice, ma con dei costi