in

Le uscite cinematografiche del 13 aprile: Animali fantastici 3, I vincitori, Vortice… – Actus Ciné

Aneddoti cinematografici, dichiarazioni di intenti, informazioni per gli amanti del cinema: scopri settimanalmente i dietro le quinte delle uscite cinematografiche.

Animali fantastici: I segreti di Silente di David Yates

Con Eddie Redmayne, Jude Law, Mads Mikkelsen…

Di cosa si tratta ? Il professor Albus Silente sa che il potente Gellert Grindelwald vuole conquistare il mondo magico. Incapace di fermarlo da solo, affida a Norbert Scamandro la guida di una squadra di maghi.

Lo sapevate ? Johnny Depp è stato licenziato dalla Warner quando è stato dichiarato colpevole di violenza domestica contro Amber Heard dopo la causa per diffamazione che aveva intentato contro il tabloid The Sun, ed è stato sostituito da Mads Mikkelsen nel ruolo del mago Gellert Grindelwad.

I vincitori dell’AZ, Laurent Junca

Con Joey Starr, Alban Ivanov, AZ…

Di cosa si tratta ? Due vincitori trascorreranno una settimana a Marsiglia con il loro idolo, filmato in diretta sulle reti. Problema: i due vincitori sono palle…

Lo sapevate ? Alban Ivanov è molto presente nell’aprile-maggio 2022, con altri tre film insieme ai vincitori: Les SEGPA (20 aprile) e The Imaginary Doctor (27 aprile) e Les Folies fermières (11 maggio).

All’ombra delle figlie di Etienne Comar

Con Alex Lutz, Agnes Jaoui, Hafsia Herzi…

Di cosa si tratta ? Luc è un noto cantante d’opera. Nel mezzo di una crisi personale, accetta di condurre un seminario di canto in un centro di detenzione per donne. Presto si confronta con i temperamenti difficili dei prigionieri.

Lo sapevate ? Come Django, il primo e il precedente film di Etienne Comar, A l’ombre des filles parla di musica. Il regista dice: “Che sia la scelta del tempo, i contrasti, le voci, i livelli di emozione o intensità, l’inizio o la coda di un film… La trascrizione di un’emozione attraverso un musical astratto, la associo facilmente alla scrittura cinematografica .”

La vendetta del gambero glitterato di Cédric Le Gallo, Maxime Govare

Con Nicolas Gob, Alban Lenoir, Bilal El Atreby…

Di cosa si tratta ? In viaggio verso i Gay Games di Tokyo, i Glitter Shrimps perdono la loro connessione e si ritrovano intrappolati nelle profondità della Russia, in una regione particolarmente omofobica…

Lo sapevate ? Rilasciato a maggio 2019, Les Prawns pailletées ha registrato quasi 600.000 registrazioni sul suolo francese. Presto venne realizzato un seguito, ancora scritto e prodotto dal duo Cédric Le Gallo e Maxime Govare.

Vortice di Gaspar Noé

Con Françoise Lebrun, Dario Argento, Alex Lutz…

Di cosa si tratta ? La vita è una breve festa che presto sarà dimenticata.

Lo sapevate ? Gaspar Noé aveva già filmato amorevolmente persone più grandi di lui (Philippe Nahon in Carne e Alone Against All). Tuttavia, Vortex si ispira alle sue recenti esperienze personali: “Il film probabilmente si riferisce al vuoto che ci circonda e in cui vacanziamo. Mi è stato anche detto che il film ricorda Enter the Void in quanto il soggetto è il grande vuoto che è la vita e non la morte”.dice il regista.

E c’era una mattina di Eran Kolirin

Con Alex Bachri, Juna Suleiman, Salim Daw…

Di cosa si tratta ? Sami vive a Gerusalemme con la moglie Mira e il figlio Adam. Il matrimonio del fratello lo costringe a tornare per una serata nel villaggio arabo dove è cresciuto. Ma di notte il villaggio è circondato dall’esercito israeliano e Sami non può andarsene.

Lo sapevate ? And There Was a Morning è un adattamento dell’omonimo romanzo di Sayed Kashua, pubblicato per la prima volta nel 2006. Quest’ultimo ha contattato Eran Kolirin nel 2016 quando il regista stava attraversando un periodo di dubbi sulla sua carriera artistica.

Una Chiara di Jonas Carpignano

Con Swamy Rotolo, Claudio Rotolo, Carmela Fumo…

Di cosa si tratta ? Chiara (16) vive in un piccolo paese della Calabria. Claudio, suo padre, parte senza lasciare traccia. Decide quindi di indagare per trovarlo. Ma più si avvicina alla verità sul mistero di questa scomparsa, più il suo stesso destino prende forma.

Lo sapevate ? A Chiara completa un trittico intorno alla cittadina calabrese di Gioia Tauro, iniziando con Mediterranea e poi A Ciambra. Quando è arrivato a Gioia Tauro nel 2010, Jonas Carpignano ha assistito a violenti scontri razziali dopo l’aggressione di due migranti africani, che lo hanno ispirato per Mediterranea. Ad A Ciambra si interessa alla comunità rom della città.

Mele di Christos Nikou

Con Aris Servetalis, Sofia Georgovassili, Anna Kalaitzidou…

Di cosa si tratta ? Parte della popolazione di Atene è colpita da un’improvvisa amnesia. Un uomo si ritrova coinvolto in un programma di recupero pensato per aiutarlo a iniziare una nuova vita.

Lo sapevate ? È stato dopo la perdita di una persona cara otto anni prima che Christos Nikou si è interrogato sulla memoria, l’identità e la morte: “La nostra memoria è selettiva? Ricordiamo ciò che abbiamo passato o solo ciò che scegliamo di ricordare? Possiamo dimenticare ciò che ci fa male? È possibile che non vogliamo dimenticare le esperienze dolorose?

Mamá, Mamá, Mamá de Sol Berruezo Pichon-Rivière

Con Agustina Milstein, Chloé Cherchyk, Camila Zolezzi…

Di cosa si tratta ? La casa è piena di cugini, ma Cléo è sola con sua sorella Erín. Una tristezza che condivide con la madre, ma che le due donne vivono in modo diverso.

Affacciato sul mare di Ely Dagher

Con Manal Issa, Roger Azar, Yara Abu Haidar…

Di cosa si tratta ? Jana torna improvvisamente a Beirut dopo una lunga assenza e si riconnette con la vita familiare ma strana che si è lasciata alle spalle…

Lo sapevate ? Con Face à la mer, il suo primo lungometraggio dopo i cortometraggi Beirut (2007) e Vagues ’98 (2015), Ely Dagher si propone di raccontare lo stato mentale in cui si trovano i libanesi dopo decenni di prova della storia. † Il regista spiega:

“Volevo davvero che il film riflettesse la terra, la sua gente, le trame di Beirut. Non stavo cercando di creare empatia con il mio personaggio in un presunto dramma. È più un gioco di personaggi in cui tutto contribuisce a renderlo in un certo stato da depositare”.

A 150 € in meno, lo Xiaomi Poco F3 non è più così costoso

Dopo Ericsson, Nokia a sua volta lascia la Russia