in

Licenziamento per stupro in favore di Luc Besson davanti alla Corte d’Appello

La Procura ha chiesto conferma della decisione di licenziamento. Il regista ha sempre contraddetto le accuse dell’attrice Sand Van Roy.

Martedì mattina, la Corte d’Appello di Parigi sta studiando il ricorso dell’attrice Sand Van Roy contro una decisione di licenziamento di cui ha beneficiato il regista Luc Besson a dicembre e di cui è accusata di stupro da maggio 2018. In questo dossier emblematico dell’era #MeToo, un gip parigino aveva seguito l’andamento della procura di Parigi e, il 9 dicembre, aveva disposto la chiusura del procedimento nei confronti del celebre regista e produttore.

Secondo una fonte nota al caso, il pubblico ministero ha chiesto conferma della decisione di licenziamento. In questo caso molto pubblicizzato, Luc Besson, 63 anni, contesta le accuse a suo carico. Non è stato accusato ma solo posto nello status meno incriminante di testimone assistito il 25 gennaio 2021, dopo un lungo interrogatorio.

La denunciante da tempo e punto per punto contesta la procedura della magistratura francese, che considera parziale e incompleta e che le ha “distrutto” la vita.

Il caso è iniziato con l’accusa di stupro presentata dall’attrice il 18 maggio 2018 contro l’influente produttore e regista francese dopo averlo incontrato in un palazzo parigino. Due mesi dopo, aveva denunciato altri stupri e aggressioni, che secondo lei erano stati commessi in due anni di “rapporto di influenza professionale” con quello dietro la creazione della Cité du Cinéma nel nord di Parigi. † Le sue denunce sono state respinte nel febbraio 2019 dalla procura di Parigi, che l’ha giudicata incapace di caratterizzare “il crimine denunciato”.

Nel corso delle indagini preliminari, la regista e l’attrice si sono incontrate una volta, nel dicembre 2018, presso i locali della polizia giudiziaria. “Potevamo a malapena fare domande, non potevamo porre domande sulle mie ferite intime e non sono state poste domande difficili al signor Besson”aveva criticato Sand Van Roy all’AFP.

L’attrice, che può essere vista in “Valerian e la città dei mille pianeti”, diretto da Luc Besson, ha successivamente presentato una denuncia civile e nell’ottobre 2019 è stata aperta un’inchiesta per “stupro”. Durante le indagini non è stato organizzato alcun confronto. Nell’ottobre 2019, Luc Besson aveva indicato in un’intervista che lui “(rammarico) di aver avuto una relazione con questa giovane ragazza quando in realtà c’è un rapporto di subordinazione”.

Giro – Romain Bardet aggiunge Giro d’Italia al suo programma

Deezer e Spa I2PO si fondono