in

Loire-Atlantique: Nathalie, allevatrice vicino a Guérande, arrabbiata dopo il programma televisivo L’Amour est dans le pré

Nathalie continua a vedere la vita in rosa, lontana dai reality
Nathalie continua a vedere la vita in rosa, lontana dai reality ©Cathy Ryo

È una donna ferita, ma in cui ci troviamo ancora combattiva la sua fattoria a Saint-Molf vicino a Guérande (Loire-Atlantique) quattro mesi dopo la fine del 16e stagione di l’amore è nel prato

Nathalie Morice, l’allevatrice dai grandi occhi azzurritutti vestiti di rosa, guardia di questa esperienza catodica ha un sapore amarolontano dalle dolci speranze che ha riposto in questo show per trovare il suo “George Clooney”.

“Se avessi saputo”

“Siamo delusi! ‘ dice Samanta. È stata lei a iscrivere sua madre a questo reality show andato in onda su M6 in modo che potesse trovare l’anima gemella.

Se avessi saputo cosa è uscito, non sarei mai entrato. Ero ingenuo, credevo nella benevolenza, la troupe cinematografica era molto gentile, non ci aspettavamo questo risultato. Tutto è sceneggiato. Per tutta la stagione è come se mia madre ringhiasse e urlasse. Beh, è ​​vero che a volte urla, ma ride anche molto! È generosa e allegra. L’immagine che dà, con questo montaggio di frasi fuori contesto e in cui tutti i momenti belli sono stati tralasciati, non riflette chi è veramente.

Samantha, figlia di Natalie

Un titolo che annuncia la sua morte

Critiche, attacchi, Nathalie ne ha visti altri e le sono sfuggiti commenti scandalosi dai social. Ha anche inviato le poche persone curiose che erano venute alla fattoria “come si arriva allo zoo”. Ha superato un titolo in rete che annunciava la sua morte per cancro, “E’ stato il mio cane che è morto!”.

Nathalie Morice Saint-Molf
Nathalie critica la redazione del programma L’Amour est dans le pré su M6 ©Cathy Ryo

Il ritratto che non passa

Ma ciò che l’ha commossa profondamente è stato il ritratto di lei emerso durante le puntate della stagione, colei che ha voluto difendere la causa delle donne vittime di violenza, per esemplificare modestamente la resilienza e un megafono.

Le modifiche mi hanno dato l’immagine di una donna meschina, aggressiva, offensiva, isterica, sgradita, insomma una vera c… E questo dà ragione agli uomini che picchiano le loro mogli dicendo loro che è colpa loro. Per 18 anni sono stata vittima di violenza, convinto di averla davvero cercata, me l’ha ripetuto abbastanza spesso il mio ex marito. Mi ci sono voluti 15 anni per liberarmi di questo senso di colpa, per alzare la testa dall’acqua. E lì me lo riversano di nuovo dentro con questo orribile ritratto, il che significherebbe davvero che me lo sono meritato. Nessuno avrebbe voluto la vita che avevo io.

Natalia

Nathalie aveva sperato di poter parlare di violenza domestica attraverso questa piccola finestra mediatica. Ma “come può una donna identificarsi con me con un ritratto del genere? †

L’esperienza deve avergli portato qualche conforto, come il sostegno dell’associazione Brisons le silenzio. “Mi ha commosso”. Ma in TV, Nathalie preferisce di gran lunga i suoi pascoli.

Video: attualmente su Actu

Contattata, la produzione dello spettacolo ha rifiutato di commentare.

Questo articolo ti è stato utile? Sappi che puoi seguire L’Écho de la Presqu’île nello spazio Le mie notizie † In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Nvidia Hopper H100: un enorme taglio GPU a 4 nm per l’IA

Risposta francese alla guerra in Ucraina