in

Morte dell’attore Michel Bouquet all’età di 96 anni

Il famoso attore è morto. Nel 2005 ha ricevuto il César come miglior attore per la sua interpretazione di François Mitterrand in Il camminatore del Campo di Marte

L’attore Michel Bouquet, noto per i suoi ruoli in La donna infedeleBorsalino e Il camminatore del Campo di Marte, è morto mercoledì mattina tardi all’età di 96 anni, dopo una vita dedicata all’arte della recitazione. L’instancabile attore, che aveva mosso i primi passi in teatro nel 1944 all’età di 19 anni, aveva aspettato fino all’età di novantaquattro anni per annunciare, dopo una carriera durata 75 anni, che non sarebbe più salito in scena.

Questo apprendista pasticcere diventato attore geniale, seguace di un gioco interiorizzato spesso inquietante, amava il cinema e il teatro con la stessa passione: «Non avevo preferenze perché le due cose sono molto diverse, ma hanno lo stesso valore», ha confidato ad AFP nel 2019 quando si è ritirato.

“Dimenticarsi è la cosa più importante”, ha aggiunto questo colosso, che ha preferito nascondersi dietro i rulli: “Ho fatto quello che potevo, meglio che potevo, e non ho fatto troppe domande. Sono andato avanti felice, ma senza pretese intellettuali”.

La sua carriera teatrale è stata notevolmente coerente. Iniziato nel 1944 con Il tartufo, si è concluso nel 2017 con la stessa moneta. Nel frattempo deve aver recitato in quasi 80 commedie, con una predilezione per Molière (malato immaginario) ed Eugenio Ionesco (Il re sta morendo), ma anche Anouilh, Pinter, Beckett e Camus.

Il corso segue la storia del secolo. Classe 1925, era destinato alla pasticceria quando una “forza misteriosa” gli cambiò il destino e lo costrinse “a colpire una domenica mattina [de 1943] alle porte di un grande maestro di teatro”, disse Maurice Escande, che lo prese sotto la sua ala protettrice e gli insegnò tutto, in Il mondo nel 2016. Entra in Conservatorio dove conosce Gérard Philippe e diventa uno degli attori più alla moda. Nel 1947 Bouquet ha partecipato al Festival d’Avignon dalla sua prima edizione, ma ha lottato per andare d’accordo con i maestri del momento: Jean Vilar, Claude Régy e Roger Planchon.

Fuori dai sentieri battuti

Nel cinema si è fatto strada nel cinema popolare popolare di alta qualità, apparendo in più di 65 film per il cinema e una cinquantina di film per la televisione diretti in particolare da François Truffaut (La sposa era in nero), Jacques Deray (Borsalino), Josè Giovanni (Due uomini in città), Henri Verneuil (Il serpente), Yves Boisset (Un conteggio), André Cayatte (ragione di stato) e Alain Corneau (Società per azioni in Francia† È uno degli attori preferiti di Claude Chabrol (La donna infedelePollo In Aceto), in cui incarna il prototipo del borghese antipatico:

“Durante i sei film che ho girato per lui, ho sempre cercato di indovinare il suo punto di vista: quali segreti si sarebbero nascosti dietro la sua voglia di fare questo e quel film? Perché poteva dichiarare di aver scritto apposta per me. La donna infedelePersonalmente non sentivo nulla in comune con questo personaggio di killer civile…”, ha detto Telerama nel 2010.

Lavorando spesso nei ruoli di notaio, banchiere o agente di polizia, eccelleva nei personaggi travagliati. Michel Bouquet, volto noto nei thriller o nei film politici degli anni ’70, ha anche prestato la sua voce a diversi documentari, tra cui il famoso Notte e nebbia di Alain Resnais nel 1956.

Dotato di un buon tempismo comico, Bouquet è apparso anche in diverse commedie. Gangster morto ubriaco Papà le barchette (1971) di Nelly Kaplan, si presta anche alle stravaganze di Michel Audiard in Un bacio grande… ci vediamo lunedì (1974). In I giochi (1976) di Francis Veber, interpreta Pierre Rambal-Cochet, uno spietato miliardario che Pierre-Richard i giocattoli di suo figlio.

Non esita a uscire dai sentieri battuti e ad affidare il suo destino ai giovani registi. Pierre Zucca lo ha assunto per Vincent mise l’asino in un prato (e venne in un altro) (1975), dove debutta anche Fabrice Lucchini. Bouquet fa amicizia con il regista Edward Lutzautore di molti grandi film, tra cui: Cuori Verdi sono diventati irreperibili. Grazie a Luntz, Bouquet ha ancora due dei suoi ruoli migliori L’ultimo salto (1970) e umore errante (1972).

Bouquet e Mitterrand, una lezione di fumetto

Gli anni ’90 e 2000 lo hanno visto cambiare registro. Più raro, si diletta con costolette di Bertrand Blier (in teatro nel 1997, poi al cinema nel 2003), poi ritirato Il camminatore del Champ de Mars (2005) di Robert Guédiguian, per il quale ha vinto il César come miglior attore nel 2006. A 80 anni offre una lezione di commedia: senza trucco né artifici, Michel Bouquet riesce a far rivivere l’ex presidente François Mitterrand.

Sei anni dopo, il regista Gilles Bourdos gli presenta: Renoir il ruolo ‘che mi ha toccato di più nella mia vita’, quello del pittore esaltato. Un ruolo che gli è valso un’altra nomination ai César, ma che non ha segnato la fine della sua carriera cinematografica. Nel 2019 accetta la proposta di Bernard Stora di recitare in un dramma a suo piacimento, in un contesto di lotta per il potere, Villa Capriccioil cui titolo ora suona come l’ultimo affronto alla fine che sapeva essere vicina.

Zelda: il sequel di Breath of The Wild girerà sull’attuale Nintendo Switch? Gli analisti ne dubitano

Crisi di borsa: il suono della tromba