in

“Paris Match” rivela l’identità del padre biologico di Marilyn Monroe

COLLOQUIO

Nessuno conosceva la sua identità. Fino alla presentazione del nuovo numero di Partita di Parigi, rilasciato giovedì. La rivista svela l’identità del padre biologico protagonista Marilyn Monroe, nata Norma Jean. Sua madre Gladys si era sempre rifiutata di rivelare il nome di quest’uomo e l’attrice non ha mai saputo chi fosse suo padre. A sessant’anni dalla morte di questa icona, François Pomès, produttore e regista francese, ha condotto una lunghissima ricerca che gli ha permesso di risolvere questo enigma. E si tratta Partita di Parigi che voleva affidare queste informazioni esclusive.

Alla ricerca del DNA di Marilyn Monroe

“François Pomès ci ha contattato poco più di una settimana fa e l’abbiamo incontrato”, spiega Aurélie Raya, giornalista di Europe 1 Partita di Parigi che ha raccolto e verificato le dichiarazioni del produttore. “Ha realizzato un documentario sulla figlia nascosta di Claude François, quindi sapevamo che era sul serio. Ma dovevamo ancora vedere come ci riusciva”.

“Ha trovato capelli biondi perossidati che erano quelli giusti. Poi ha cercato il DNA con cui confrontare questi capelli”, dice il giornalista. Le biografie di Marilyn Monroe contengono diversi nomi di potenziali padri biologici, in particolare Charles Stanley Gifford. Era uno degli amanti di Gladys, la madre di Marilyn, negli anni ’50. François Pomès trovò gli eredi van Gifford, che accettarono di donare il DNA.

Un cugino americano sopravvissuto

Dopo aver verificato questa lunga indagine che ha confermato che Charles Stanley Gifford era il padre biologico di Marilyn Monroe, Aurélie Raya ha esaminato la vita di quest’uomo. “È un bel ragazzo, nato nel 1898 in una famiglia californiana della classe media. Era un caposquadra nell’azienda per cui lavorava Gladys”, spiega il giornalista. “Viveva in una specie di ranch. Aveva molte amanti, era un vero seduttore che morì molto giovane, nel 1965. Ha avuto due figli ‘ufficiali’, tra cui una figlia morta quando aveva 10 o 12 anni. Lui Marilyn non ha mai voluto incontrarsi.”

Dopo questa scoperta, il team di Partita di Parigi è andata negli Stati Uniti per incontrare Francine Gifford, quella che ha appena scoperto di essere la nipote di Marilyn Monroe† Per scoprire informazioni più esclusive su questo entusiasmante caso, puoi trovare tutta questa ricerca nell’ultimo numero di Partita di Parigi disponibile in edicola da giovedì.

La Marina degli Stati Uniti ha abbattuto un drone con un laser

Dacia spiega la sua strategia “design-to-cost” per fare meglio con meno