in

Rudy Giuliani smascherato nell’americano “Mask Singer”, uno degli animatori lascia il set

Diversi presentatori del programma hanno espresso il loro disagio quando l’avvocato di Donald Trump è emerso da una delle cause.

Momento di disagio nella versione americana di cantante in maschera† Gli spettatori dell’episodio andato in onda mercoledì sera hanno scoperto che Rudy Giuliani, una controversa figura politica vicina a Donald Trump, si nascondeva sotto il costume giocattolo primaverile. l’attore Comunità Ken Jeong, che agisce come ricercatore nel programma, ha lasciato il set pochi minuti dopo.

cantante in maschera è un game show con celebrità mascherate. Il pubblico e gli investigatori devono indovinare le loro identità grazie agli indizi settimanali. Alla fine di ogni canzone, uno dei partecipanti si toglie la maschera. L’apparizione di Rudy Giuliani ha sorpreso tutti gli intervistatori:

“È sicuramente qualcosa che non avrei mai potuto immaginare”, ha detto il cantante Robin Thicke con un sorriso imbarazzato. “Quello è Robert Duvall?” Nicole Sherzinger, ex leader delle Pussycat Dolls, ha chiesto, mentre il suo compagno Ken Jeong ha risposto con stupore: “No … non è Robert Duvall”.

“Ci sorprende tutti”

“Con tutte le polemiche che ti circondano, penso che siamo tutti sorpresi che tu sia qui, in… cantante in maschera“, gli ha inviato la conduttrice Nick Cannon. “Anche a me!” ha risposto Rudy Giuliani, prima di aggiungere:

“Penso che il motivo principale sia che ho appena avuto una nipote, Grace. Voglio che sappia che dovrebbe provare di tutto, anche cose che non ti assomigliano e che sembrano improbabili.”

Ha quindi lanciato un’interpretazione dello standard rock americano Cattivo in tutto e per tutto (“letteralmente, “cattivo fino all’osso”) mentre i titoli di coda scorrevano sullo schermo. “Ne ho abbastanza,” sospirò Ken Jeong mentre lasciava il set.

figura controversa

Rudy Giuliani è stato al centro di diverse polemiche negli ultimi anni. L’ex sindaco di New York è stato incastrato dall’attore Sacha Baron Cohen borato 2, uscito nell’ottobre 2020. Nel filmato catturato da una telecamera nascosta, il politico è stato filmato con la mano infilata nei pantaloni in compagnia di una donna presumibilmente minorenne (in realtà l’attrice 24enne Maria Balakova). “Mi sono infilato di nuovo la maglietta nei pantaloni dopo aver rimosso l’attrezzatura di registrazione”, si è difeso in un tweet.

Il mese successivo, a pochi giorni dalla vittoria di Joe Biden su Donald Trump alle elezioni presidenziali, Rudy Giuliani ha preso la parola per denunciare un “apparato democratico decrepito e corrotto”, alimentando la teoria del complotto secondo cui il voto era stato truccato. Questo atteggiamento gli è valso un mandato di comparizione lo scorso febbraio davanti alla commissione parlamentare che indaga sull’attacco al Campidoglio.

Attacchi coraggiosi alle pagine AMP di Google, “dannose per gli utenti”

La ricerca si è concentrata su Pierre Ménès: Marie Portolano ascoltata dai ricercatori