in

24 Ore di Le Mans Motos – vittoria per la Suzuki N.1 del team Yoshimura SERT

La Suzuki N.1 del team franco-giapponese Yoshimura SERT Motul ha vinto domenica la 24 Heures Motos sul circuito Bugatti, a Le Mans, per il secondo anno consecutivo, ma questa volta in pubblico, dopo due a porte chiuse.

Segui sport ed eventi su Eurosport per un anno intero a 69,99 euro!

Formata dai piloti francesi Gregg Black, Sylvain Guintoli e il belga Xavier Siméon, la squadra è partita seconda in griglia e non ha mai lasciato il trio di moto di testa, costruendo pazientemente la vittoria senza correre rischi inutili. I vincitori hanno completato 840 giri e la Yamaha austriaca N.7 del team Yart è arrivata seconda con un giro in meno, seguita nella distanza dalla Honda N.5 della TSR France, terza a 14 giri dalla fine. Suzuki ha vinto.

FIM-CAE

Riepilogo gara: vittoria giapponese… casa di Yoshimura SERT Motul

UN’ORA FA

Suzuki vince la 45a edizione della 24h: il line crossing di Sylvain Guintoli

La Yamaha rossa del team Team 18 Firefighters ha conquistato il 4° posto nella gara di Le Mans e il primo nella categoria Superstock, riservata alle moto più vicine alla serie.

Suzuki eguaglia le 14 vittorie di Kawasaki

Dopo due edizioni senza pubblico, a causa della pandemia di Covid-19, quasi 50.000 spettatori avevano effettuato il viaggio, regalando a questo motociclista un’atmosfera davvero speciale, il tutto sotto un sole radioso e grazie al clima mite.

Campione in carica e Campione del Mondo Endurance 2021, SERT Suzuki ha potuto beneficiare delle battute d’arresto della Honda N.5 (problemi meccanici e cadute), del ritiro della BMW N.37 (guasto al motore) e delle battute d’arresto della Ducati N. 6 (caduta e problemi meccanici).

“E’ stata una gara così dura, la rende ancora migliore”: Suzuki esultante dopo la vittoria

De Yart, che si era qualificato in pole position per il terzo anno consecutivo, è riuscito a recuperare, senza rompere il motore come aveva fatto nel 2021, dopo aver perso completamente la partenza.

La gara è stata caratterizzata da numerosi interventi della safety car, fino agli ultimi minuti di questa 24 Ore. Il più importante è avvenuto un giro dopo la partenza, dopo una collisione tra la BMW N.74 e la Yamaha N.96 nelle mani del pilota inglese Bradley Smith, che proveniva dalle moto da Gran Premio.

Con questa vittoria, Suzuki eguaglia il record di Kawasaki – 14 vittorie sul circuito di Le Mans – e si porta in testa nel Campionato del Mondo Endurance 2022. Prossimo appuntamento in Belgio, a Spa-Francorchamps.

FIM-CAE

“E’ stata una gara così dura, la rende ancora migliore”: Suzuki esultante dopo la vittoria

4 ORE FA

FIM-CAE

Siméon: “Due vittorie di fila alla 24 Ore di Le Mans, che dire di più?”

4 ORE FA

Meghan Markle: Baciare Harry sul palco, spalle nude in body… Fa tutto il possibile agli Invictus Games: lo slideshow

Kev Adams esce con Diane Leyre? Il comico torna sulle voci sulla sua relazione con Miss France 2022