in

5 scommesse troppo rischiose per i playoff NBA

I Toronto Raptors hanno battuto i Philadelphia Sixers

Il potenziale di rabbia è alto. Perché i Toronto Raptors hanno le carte in regola per causare seri guai a una squadra sicuramente talentuosa, ma a volte anche psicologicamente fragile e dipendente dalle prestazioni di Joel Embiid. Hanno anche vinto due delle tre partite contro i Philadelphia Sixers.

Dopo, ovviamente, la logica della regular season è diversa da quella dei playoff NBA. Ma i canadesi adotteranno senza dubbio metodi simili: circondando costantemente Joel Embiid per costringerlo a lasciarsi andare e rendergli la vita difficile. Sono quindi gli altri giocatori di Philly ad essere responsabili dell'”uccisione” dei loro avversari.

James Harden in particolare è sotto pressione. La sua prestazione nei playoff raramente ha eguagliato la sua prestazione nei mesi precedenti. Ma rimane una superstar e sicuramente uno dei migliori attaccanti della storia. Tranne che i Raptors hanno molti difensori versatili – OG Anunoby, Scottie Barnes e persino Pascal Siakam – che si frappongono per tutta la serie.

James Harden spiega perché Toronto è un avversario difficile per Philadelphia

“Saltano ovunque. Giocano molto duramente, hanno molti ragazzi alti e atletici e buoni difensori. Inoltre, si supportano a vicenda. Sanno come usare la loro taglia. Corrono sempre”, ha osservato la guardia All-Star.

Toronto, d’altra parte, non fa affidamento su talenti d’élite, ma su un numero di individui brillanti e un collettivo ben formato. Il pericolo arriva da ogni parte, rendendo questa squadra estremamente imprevedibile. Sono cinque quelli che hanno chiuso la stagione con almeno 15 punti a partita. Una consuetudine in Ontario, ma un fatto raro nella storia della competizione.

L’assenza di Matisse Thybulle dalle partite che si giocheranno in Canada – è vaccinato solo in parte e quindi non può rientrare in area – è svantaggiosa, ma sarebbe stata molto più decisiva in una serie contro Boston o Brooklyn. I Sixers dovrebbero fare a meno di lui.

Ipotetico. Perché sì, la posta in gioco è alta per Philadelphia. Tanto meno per Toronto, che non ha nulla da perdere e suonerà davanti a un pubblico pienamente impegnato per la sua causa. I fan della Pennsylvania saranno molto meno indulgenti nei confronti dei loro giocatori se deludono. Quindi sì, i Raptors potrebbero non essere in grado di battere i Sixers poiché il talento può far pendere la bilancia a favore di Embiid e della compagnia, ma aspettati una serie davvero dedicata.

I Golden State Warriors vinceranno in Occidente vincendo in 6 o 7 ogni volta

Squadra USA NBA STEPHEN CURRY 1904

Tutti i segnali sono verdi per i Phoenix Suns. Quindi è il momento di scommettere sui Golden State Warriors. Ma non solo così. È tempo di scommettere su di loro immaginando che vincano tutte le loro serie in 6 o 7 round. O come essere il più forte senza padroneggiare completamente la materia.

Stephen Curry è ancora in dubbio per Gara 1 del primo turno contro i Denver Nuggets. Può dare una nuova spinta all’inizio della serie ed eventualmente aggiungere un po’ di suspense. Ma alla fine della giornata, l’assenza di Jamal Murray e Michael Porter Jr sarà probabilmente troppo da superare per Nikola Jokic e la sua banda.

Per il resto, i giocatori di Steve Kerr sembrano attrezzati per andare fino in fondo. Klay Thompson trova sempre più sentimenti. Ha anche segnato 30 o più punti in 3 delle ultime 5 partite della stagione. Curry dovrà aumentare il ritmo, ma… Steph sarà Steph. Abuserà della difesa, attirerà l’attenzione di tre difensori, creerà spazio, rafforzerà la fiducia dei suoi compagni di squadra e lancerà alcune bombe a lungo raggio ogni notte.

La presenza di Draymond Green cambia tutto in difesa. Con lui, GS era in testa all’inizio della stagione, davanti a Phoenix. Jordan Poole è un potenziale MIP. Un vero vantaggio in più, anche se dovrà confermare la sua buona prestazione nei play-off. Andrew Wiggins, Gary Payton II, Nemanja Bjelica, Kevon Looney, Jonathan Kuminga… questa squadra è al completo! Se c’è una squadra che può eliminare i Suns, sono loro.

I Minnesota Timberwolves perderanno, ma spingeranno i Memphis Grizzlies in gara 7

È ironico perché i Memphis Grizzlies hanno il tag posizionato, ma il potere delle stelle è più a favore dei Minnesota Timberwolves. La franchigia del Tennessee è sicuramente una squadra migliore – e anche per molti aspetti – ma sostanzialmente si basa su una stella, Ja Morant, mentre i suoi avversari possono contare su Karl-Anthony Towns, Anthony Edwards e D’Angelo Russell.

Non è tutto, ovviamente, ma le individualità sono paradossalmente ancora più importanti durante i playoff NBA. Non aspettarti una passeggiata nel parco per Memphis. La serie si preannuncia tosta, risse (la più alta probabilità di confusione al primo turno), contesa, fisica, intensa. E così stretto.

Ben Simmons segna una tripla

Ben Simmons-Philadelphia Sixers NBA

Forse la scommessa più improbabile del destino. Perché Ben Simmons dovrebbe già essere tornato. L’australiano non gioca da quando è crollato al secondo turno dei playoff la scorsa stagione. Tornare a un livello così alto di competizione mentre è arrugginito e tutti gli occhi saranno puntati su di lui sembra molto ipotetico. Tuttavia, Shams Charania assicura che il giovane prenderebbe in considerazione la possibilità di rigiocare la partita 4 o 5 della serie contro i Boston Celtics.

Il suo ritorno farebbe senza dubbio bene ai Brooklyn Nets. Porterebbe un raccoglitore per una squadra sbilanciata che si basa principalmente sulle prestazioni straordinarie delle sue superstar. Dietro, anche se la forza lavoro è solida, il gioco finisce per essere piuttosto brutto. La sua difesa e il suo modo di giocare potrebbero cambiare le regole del gioco.

Ma dato che non gioca da un anno, Simmons ha avuto ancora tempo per lavorare sul tiro, giusto? Immagina la folle reazione della folla – ogni mafia – quando si presenta e pianifica un piccolo e divertente cestino per la famiglia pluripremiato.

Kevin Durant e Jayson Tatum pianteranno 50 punti nella stessa partita

La partita tra Kevin Durant e Jayson Tatum metterà in luce il primo turno e sarà una delle chiavi della serie tra i Brooklyn Nets ei Boston Celtics. JT può livellare con KD? Individualmente, in determinate competizioni è possibile. Entrambi saranno rock. Possiamo vederli sbattere contro un gioco 5 di follia in cui stanno andando tutti con le loro 50 pedine. Un po’ come il gioco tra Allen Iverson e Vince Carter nel 2001.

Rudy Gobert era ancora snobbato in Gara 1, quasi mai visto!

Il problema bancario del fine settimana di Pasqua non è ancora risolto