in

Al segnale acustico, Jayson Tatum evita la vendetta di Kyrie Irving!

È così che si chiama iniziare una serie con stile! Celtics e Nets hanno combattuto una vera prima battaglia, intensa fino alla fine, terminata su un tiro piuttosto improbabile di Jayson Tatum. Quest’ultimo ha risposto all’impressionante colpo di calore di Kyrie Irving negli ultimi quindici minuti.

Oltre ai fischi riservati al leader dei Nets dal suo ex pubblico ancora risentito, questa partita è iniziata con… quantità di errori. Dopo tre minuti di gioco, i Nets, presto raggiunti dagli avversari, avevano già raggiunto il traguardo dei cinque falli di squadra, sinonimo di rigori. Simbolo di una competizione fisica veloce e intensa. Kevin Durant e i Nets hanno potuto testimoniarlo vedendo la forza della difesa dei Celtics sin dai primi minuti. Questa festa di fischi e passaggi sulla linea di tiro libero, però, ha visto le due squadre avvicinarsi ai trenta punti dopo dodici minuti (29-28).

Molto meno mosso, il secondo quarto è stato segnato dal risveglio di Kyrie Irving dietro la linea dei tre punti. Questo stava rispondendo agli attacchi circolari di Jayson Tatum, tagliando i cinque di piccola taglia suggeriti da Steve Nash. L’esterno dei Celtics ha finora eccelso con la sua qualità di fissazione e passaggio, di cui Al Horford ha grandemente giovato. All’intervallo, i due uomini avevano 29 punti tra di loro. Mentre Kevin Durant ha difeso bene (2/10), ci sono voluti dei buoni passaggi offensivi di Goran Dragic per pareggiare i Nets all’intervallo (61-61).

Dopo 17 cambi di testa, i Celtics hanno iniziato a prendere sul serio la partita nel terzo atto. A causa della sua intensità difensiva e, meno previsto, del suo indirizzo a lungo raggio, Marcus Smart è stato uno dei motivi della prima buca significativa della partita (72-63). Ridotti a exploit individuali, né Kyrie Irving né Kevin Durant sono davvero riusciti a rispondere a questo punto del gioco. Jayson Tatum ha colto l’occasione per “ballare” con Nicolas Claxton per portare la sua squadra in vantaggio di 11 punti dopo tre quarti (96-85).

Nonostante il predominio della sua ex squadra, Kyrie Irving si è anche invitato alla festa a distanza. L’ex giocatore dei Celtics si è scaldato fino a pareggiare da solo un 8-0, prima di accumulare penetrazioni taglienti. Con la loro capolista e una difesa più intensa, i Nets passano in vantaggio (102-107). Jaylen Brown e gli altri hanno svegliato i residenti addormentati per recuperare il punteggio. Nonostante un altro premiato scatto di Kyrie Irving, Jaylen Brown ha comunque trovato un modo per reagire prima che il suo amico fosse d’accordo al segnale acustico. Che partita!

COSA RICORDARE

Un last minute pazzesco Il tiro vincente di Kyrie Irving, a 45 secondi dalla fine (111-114), è stato un pugnale a favore dei Nets. Ma no, perché Jaylen Brown ha avuto facilmente la meglio sul suo omonimo Bruce per ottenere l’ingresso nel circolo. Poi i Celtics hanno seguito con una difesa massiccia, con Kyrie Irving incapace di creare spazio nonostante una serie di dribbling e dover lasciare andare gli insegnamenti di Kevin Durant alla fine del possesso palla. Dopo il suo tiro “murato”, Ime Udoka ha deciso di non prendersi l’ultima volta. I Nets sono caduti in un’imboscata dalla minaccia da 3 punti Marcus Smart, che ha visto Jayson Tatum tagliare sul cerchio terminando con un testacoda e poi un layup al cicalino.

Il dominio del rimbalzo dei Celtics† Autore di un buon primo periodo ma subendo quattro errori, Andre Drummond è stato sfruttato a malapena nella ripresa. Il suo sostituto Nic Claxton ha cercato di essere all’altezza, non è stato abbastanza in un combattimento di rimbalzo che è stato facilmente vinto dalla gente del posto con 14 rimbalzi offensivi in ​​particolare. 14 è anche la differenza di rimbalzi a favore di Al Horford e compagni. Questo dà ai Celtics 11 tiri in più.

TOP/FLOPS

Kyrie Irving† Sospettavamo che non vedesse l’ora di mettere a tacere il suo ex pubblico, al quale ha anche lanciato il dito d’onore. E non ha fallito. Nell’ultimo quarto ha preso fuoco e ha segnato 18 punti con una varietà di mosse con la palla. Attivo anche in difesa, ha firmato una partita completa e con pochi sprechi. Senza questo tiro decisivo di Jayson Tatum, sarebbe stato ovviamente il migliore in campo.

Jayson Tatum† Lascia che il gioco venga da te: l’esterno ha perfettamente illustrato questo grande principio. Ha iniziato il suo incontro essendo altruista con buone serie di distribuzione. Nel secondo e poi nel terzo quarto ha preso in mano la situazione in attacco. Nell’ultimo periodo l’esterno ha sbagliato completamente prima di segnare questo improbabile lay-up.

Marcus Smart e Al Horford† Soldati dell’ombra nella luce! I due uomini ancora una volta hanno dato il tono in difesa e hanno fatto la differenza anche nell’attacco notturno. Il primo ha incatenato i canestri premiati nel terzo quarto, mentre il secondo ha ferito la racchetta dei Nets con la sua forza sotto il cerchio e la sua capacità di sanzionare da lontano.

Kevin Durant† 23 punti con 24 tiri… Rapporto pessimo per la superstar dei Nets che ha lottato tutta la notte per pagare buoni tiri contro Jayson Tatum, Jaylen Brown o Grant Williams. Le prime due città lo hanno contrastato, su un tiro vicino al cerchio o su un “saltatore”. Più di una volta “spogliato” quando ha iniziato a dribblare, ha perso buone occasioni nella transizione nell’ultimo quarto, dove si è eliminato davanti a Kyrie Irving.

FESTA DEI DIFETTI

18. Oppure il numero di falli commessi, cumulativamente, alle due squadre durante il primo quarto. Un record in questo settore in questa stagione per un primo trimestre. Periodo in cui ogni protagonista generalmente cerca di non raccogliere i fischi per evitare spiacevoli sorprese troppo presto nel match.

KYRIE IRVING E BOSTON ANCORA FREDDI

Beffato per tutta la partita, camerato durante il ritorno negli spogliatoi all’intervallo, dove ha risposto con un “Vaffanculo”, autore di un dito d’onore dopo un duro tiro e altri gesti per prendere in giro i tifosi ululanti… Kyrie Irving sperava che il pubblico di Boston fosse andato avanti, ma non è stato così, e non migliorerà per niente.

IL SEGUENTE

Gioco 2 : a Boston, mercoledì 20 aprile (01:00, nella notte da mercoledì a giovedì in Francia)

Celtici 115 colpi rimbalza
Giocatori Minimo colpi 3 punti LF o d t pd lato int bp CT Punti Valutazione
J. Tatum 45 9/18 3/7 10/12 1 3 4 8 4 1 5 2 +2 31 30
A. Horford 41 8/13 2/2 2/2 6 9 15 2 3 1 1 0 +8 20 32
D. Theis 20 1/6 0/2 2/2 4 2 6 0 4 1 1 0 +6 4 5
Mr Smart 36 17/8 4/9 0/0 2 5 7 6 4 2 3 0 +6 20 23
J. Brown 40 19/9 1/4 4/6 1 4 5 3 4 4 2 2 +10 23 23
G.Williams 21 3/7 0/4 1/2 0 2 2 1 3 0 0 1 -17 7 6
D. Bianco 28 3/8 1/4 0/0 0 3 3 4 2 3 2 0 -3 7 10
P. Pritchard 8 1/1 1/1 0/0 0 1 1 0 0 0 0 0 -7 3 4
Totale 42/89 33/12 19/24 14 29 43 24 24 12 14 5 115
rete- 114 colpi rimbalza
Giocatori Minimo colpi 3 punti LF o d t pd lato int bp CT Punti Valutazione
K. Durant 41 24/9 1/5 4/5 0 4 4 3 3 1 6 1 -13 23 10
B.Marrone 37 2/3 1/1 0/0 0 1 1 2 5 2 2 0 -13 5 7
A. Drummond 17 3/4 0/0 2/2 1 3 4 0 4 2 2 1 -13 8 12
K.Irving 42 20/12 6/10 9/9 1 4 5 6 4 4 3 1 +6 39 44
S. Curry 30 3/7 1/4 2/2 0 2 2 6 4 0 0 0 -1 9 13
N. Claxton 31 6/8 0/0 1/5 2 6 8 1 1 1 1 3 +10 13 19
K. Edwards 4 0/0 0/0 0/0 0 0 0 1 1 1 0 0 -6 0 2
G. Dragic 26 6/11 1/3 1/1 1 4 5 1 2 1 1 0 +17 14 15
P. Mills 12 1/1 1/1 0/0 0 0 0 0 2 0 1 0 +8 3 2
Totale 42/78 24/11 19/24 5 24 29 20 26 12 16 6 114

impossibile avere 10/10 in questo quiz sulla cultura generale della serie

LIGUE 1 – OL – Bordeaux (6-1) – Bordeaux in piena sventura, Poussin presume: “La sconfitta è mia”