in

Atlanta domina Cleveland nei play-in, sfiderà Miami nei play-off NBA

Finalista alla Eastern Conference dello scorso anno, fermato dal futuro campione Milwaukee, Atlanta è uscito vittorioso dal play-in contro Cleveland (107-101) questo venerdì. Dopo aver eliminato Charlotte in casa martedì (132-102), la squadra della Georgia, che è arrivata nona nella stagione regolare, ha vinto in Ohio.

E come spesso, Trae Young è stato decisivo. Addormentato nel primo periodo, anche in trasferta (6 punti, 3/11 ai tiri), si è svegliato improvvisamente nel secondo atto (32 punti, 14/10). “Mi sentivo come se stessi deludendo la mia squadra. Ho sbagliato qualche tiro, ma sapevo che dovevo spingere per aiutare i miei compagni di squadra. Conosco il mio lavoro, la fiducia che è mia”ha notato.

Insostenibile, inespugnabile, il leader di sei piedi è salito a cavallo del suo motorino, ha fatto slalom in mezzo al traffico e si è divertito a mettere le sue lacrime (canestri a lobi, con una mano sola) sopra i giganti dall’altra parte. E non trova il bersaglio, dietro l’arco (4/7), anche con il logo del Cavs a centrocampo, senza privarsi di una danza di spalla in sala amichevole.

Ad esempio, poiché la loro squadra del cuore ha condotto tre quarti della partita, ha fornito alla folla Cleveland e i suoi fan che bruciavano fino a 14 unità prima dell’intervallo, prima che Atlanta prendesse il vantaggio per la prima volta poco prima dell’ultimo quarto.

L’infortunio di Capela

Finora le cose sono andate bene, sulla scia dell’esterno finlandese Lauri Markkanen (26 punti, 8 rimbalzi) e del playmaker Darius Garland (21 punti, 9 assist), soprattutto quando Jarrett Allen (11 punti) è tornato dopo 18 games. hanno mancato con un dito medio rotto nella mano sinistra.

In effetti, i Cavs pensavano di passare una notte più tranquilla quando l’insider degli Hawks Clint Capela è stato costretto a lasciare il gioco dopo aver iperesteso il ginocchio destro e aver commesso un fallo su Evan Mobley (18 punti, 8 rimbalzi) che gli è caduto alla gamba.

Questo scherzo del destino ha effettivamente dato ad Atlanta un’anima in più. “Eravamo più motivati. Volevamo vincere per lui. Sappiamo quanto ha lavorato duramente tutto l’anno per arrivare ai playoff. Speriamo che possa riprendersi in fretta”.ha detto Young, che ha trovato importanti staffette in Bogdan Bogdanovic (19 punti) e Danilo Gallinari (14 punti).

Di fronte a Miami, finalista sconfitto dai Lakers nel 2020, e alla sua affiatata squadra attorno a Jimmy Butler, il compito sarà arduo per gli Hawks, che non partiranno da favoriti. Per la giovane formazione del Cleveland, che dal 2018 non assaporava le partite primaverili dei playoff, è dunque la vacanza, con sicuramente qualche rimpianto, ma anche l’esperienza che è riposta per il futuro.

Risultati WWE SmackDown per il 15 aprile 2022

Pubblico: “Captain Marleau” in testa, “Mask Singer” ampio leader FRDA-50, France 3 per “The Rookie”

in

Atlanta domina Cleveland nei play-in, sfiderà Miami nei play-off NBA

Finalista alla Eastern Conference dello scorso anno, fermato dal futuro campione Milwaukee, Atlanta è uscito vittorioso dal play-in contro Cleveland (107-101) questo venerdì. Dopo aver eliminato Charlotte in casa martedì (132-102), la squadra della Georgia, che è arrivata nona nella stagione regolare, ha vinto in Ohio.

E come spesso, Trae Young è stato decisivo. Addormentato nel primo periodo, anche in trasferta (6 punti, 3/11 ai tiri), si è svegliato improvvisamente nel secondo atto (32 punti, 14/10). “Mi sentivo come se stessi deludendo la mia squadra. Ho sbagliato qualche tiro, ma sapevo che dovevo spingere per aiutare i miei compagni di squadra. Conosco il mio lavoro, la fiducia che è mia”ha notato.

Insostenibile, inespugnabile, il leader di sei piedi è salito a cavallo del suo motorino, ha fatto slalom in mezzo al traffico e si è divertito a mettere le sue lacrime (canestri a lobi, con una mano sola) sopra i giganti dall’altra parte. E non trova il bersaglio, dietro l’arco (4/7), anche con il logo del Cavs a centrocampo, senza privarsi di una danza di spalla in sala amichevole.

Ad esempio, poiché la loro squadra del cuore ha condotto tre quarti della partita, ha fornito alla folla Cleveland e i suoi fan che bruciavano fino a 14 unità prima dell’intervallo, prima che Atlanta prendesse il vantaggio per la prima volta poco prima dell’ultimo quarto.

L’infortunio di Capela

Finora le cose sono andate bene, sulla scia dell’esterno finlandese Lauri Markkanen (26 punti, 8 rimbalzi) e del playmaker Darius Garland (21 punti, 9 assist), soprattutto quando Jarrett Allen (11 punti) è tornato dopo 18 games. hanno mancato con un dito medio rotto nella mano sinistra.

In effetti, i Cavs pensavano di passare una notte più tranquilla quando l’insider degli Hawks Clint Capela è stato costretto a lasciare il gioco dopo aver iperesteso il ginocchio destro e aver commesso un fallo su Evan Mobley (18 punti, 8 rimbalzi) che gli è caduto alla gamba.

Questo scherzo del destino ha effettivamente dato ad Atlanta un’anima in più. “Eravamo più motivati. Volevamo vincere per lui. Sappiamo quanto ha lavorato duramente tutto l’anno per arrivare ai playoff. Speriamo che possa riprendersi in fretta”.ha detto Young, che ha trovato importanti staffette in Bogdan Bogdanovic (19 punti) e Danilo Gallinari (14 punti).

Di fronte a Miami, finalista battuto dai Lakers nel 2020, e alla squadra molto affiatata attorno a Jimmy Butler, il compito sarà arduo per gli Hawks, che non inizieranno come favoriti. Per la giovane formazione del Cleveland, che dal 2018 non assaporava le partite primaverili dei playoff, è dunque la vacanza, con sicuramente qualche rimpianto, ma anche l’esperienza che è riposta per il futuro.

Risultati WWE SmackDown per il 15 aprile 2022

Pubblico: “Captain Marleau” in testa, “Mask Singer” ampio leader FRDA-50, France 3 per “The Rookie”