in

Atlanta e NOLA restano in gara, Pop e gli Spurs in vacanza

I risultati della serata in NBA

calabroni @ falchi : 103-132
[email protected] pellicani : 103-113

Ancora nessuna sorpresa nel torneo play-in. Dopo le vittorie casalinghe di entrambe le squadre ieri – Minnesota e Brooklyn – la logica è stata ancora una volta rispettata e il vantaggio casalingo ha fatto la sua parte stasera.

Trae Young e gli Hawks non si sono tirati indietro contro Charlotte. Gli Hornets sono durati sei mesi prima di prendere il titolo. Dopo un inizio un po’ lento, Young è arrivato secondo (24 punti, 11 assist) per migliorare lo sforzo di De’André Hunter (24 punti), ottimo al rientro dagli spogliatoi.

La Melo Ball (26 pts, 8 wt) ha fatto del suo meglio ma mancava di abilità (7/25). Charlotte vede la sua stagione concludersi proprio come la precedente, dopo un’immediata eliminazione durante i play-in. Una situazione che non è stata vissuta bene Miglia ponti, espulso alla fine della partita e autore di un gesto umoristico nei confronti di un tifoso degli Hawks mentre lasciava il campo. Il paradenti dell’ala degli Hornets è volato verso un giovane fan seduto a pochi posti di distanza. Bridges, che quest’estate potrebbe firmare un contratto massimo, ha promesso di trovare lo spettatore per scusarsi con lei.

Nel prossimo turno, dunque, Atlanta andrà a colpo sicuro a Cleveland per provare a qualificarsi 8° ai Miami Heat.

– Zion Williamson deve convincersi che le cose buone devono ancora venire per questi pellicani e che il suo ritorno nella prossima stagione ne varrà la pena. I Pelicans hanno sopraffatto gli Spurs a casa davanti alla loro giovane stella, sulla via del ritorno e in forma abbastanza per lanciare alcune schiacciate nel riscaldamento. Per ora, New Orleans non ha bisogno di lui. CJ McCollum (32 pts, 7 wt il 23/12) è il capo di questo gruppo e lo abbiamo rivisto ieri sera, con una prestazione solida ed efficiente, per addestrare i suoi compagni, Brandon Ingram (27 punti) in testa, sulla sua scia.

NOLA era costantemente in testa, l’unico aspetto negativo era un allentamento a fine partita che ha dato speranza a San Antonio e al loro cecchino Devin Vasell (23 punti il ​​7/13).

Gregg Popovich è in vacanza ei Pelicans stanno giocando il resto del play-in con un viaggio al piano dei Clippers. Un’altra piccola vittoria e i Pelicans andranno sicuramente nella giusta direzione dopo un inizio di stagione apocalittico.

Le ultime due partite del torneo play-in NBA

Falchi @ Cav
Pellicani @ Clippers

Miles Bridges si rompe e fa cenno a un adolescente con il paradenti

“Centinaia di navi bloccate nei porti cinesi!! » Editoriale di Carlo SANNAT

la SNJ della televisione francese condanna l’espulsione di Anne-Sophie Lapix dal dibattito tra due torri