in

Atletica: Alysson Felix, molto più di una campionessa

Il colpo finale. Allyson Felix, leggenda dello sport americano (e dello sport del resto), va in pensione. Alla sua folgorante collezione di medaglie olimpiche (sette d’oro, tre d’argento, una di bronzo), di cui due ai Giochi di Tokyo, se ne sono aggiunte 18 raccolte (tredici d’oro, tre d’argento e due di bronzo) ai Campionati Mondiali . Una registrazione impareggiabile, che le conferisce un posto tanto più unico in quanto ha continuato a vincere come madreuna rarità nello sport professionistico, tutte le discipline insieme.

Nel novembre 2018, Allyson Felix ha dato alla luce sua figlia Camryn in circostanze complicate, dopo appena 32 settimane di gravidanza. Dopo di che suo figlio ha dovuto rimanere in cura per quasi un mese. Anche se fortunato, questo evento è stato visto come l’inizio della fine da Nike, il fornitore di attrezzature di lunga data la cui politica nei confronti delle atlete in gravidanza non ha esitato a criticare quando ha visto i vantaggi del suo contratto durante la gravidanza.

Silenzio rotto

Atletica

Una leggenda dice basta: Felix annuncia il suo ritiro a fine stagione

IERI ALLE 19:45

Se abbiamo figli, rischiamo tagli salariali da parte dei nostri sponsor durante e dopo la gravidanza. Questo è uno degli esempi che dimostra che l’industria sportiva è ancora gestita da e per gli uomini“, ha scritto su un forum del New York Times† Abbastanza per piegare il marchio alla virgola, che giurava che nessuna sportiva professionista incinta sarebbe stata punita finanziariamente.

Per la prima volta nella sua carriera, colei che si vedeva soprattutto come una velocista, la cui premessa è giusta per rimanere nel suo lavoro, e quindi in quasi tutte le circostanze ha mostrato solo un ampio sorriso, dato voce. questo episodio”mi ha aiutato a capire cosa era importante e a capire che non potevo più tacere. Non mi aspettavo di affrontare alcuna sfida durante il parto. Ero così concentrato sulla mia performance che era spaventoso per me parlare di altre cose. Ma finalmente sento di avere qualcosa da aggiungere alla conversazioneha spiegato al Washington Post nel 2019, prima del suo ritorno alle competizioni nei roster statunitensi per i Mondiali di Doha.

Segui sport ed eventi su Eurosport per un anno intero a 69,99 euro!

Se non si è qualificata per gli eventi individuali lì, ha fatto il viaggio in Qatar e per una buona ragione, tornando incoronata nella staffetta 4x400m femminile e mista.

Prova che le sue gambe, presto soprannominate “zampe di gallina” per la loro finezza, e il suo passo ampio, fluido e incomparabile, potevano ancora fare miracoli. Gracile (1,68 m, 57 kg), è una “ingannevolmente fragile, in quanto ha un eccezionale rapporto peso/potenza“, sottolinea il suo allenatore Bob Kersee. Queste qualità atletiche, Allyson Felix, cresciuta in un clima religioso – insegna il Nuovo Testamento suo padre Paul, pastore di origine creola francese -, attribuisce al “Creatore”: “la mia fede è la ragione per cui corro. Sento davvero di avere questo fantastico dono che Dio mi ha dato, e si tratta di usarlo al meglio delle mie capacità.

https://i.eurosport.com/2021/08/06/3196220.jpg

Cosa che ha fatto dall’età di 18 anni, vincendo la medaglia d’argento nei 200 metri ai Giochi di Atene, detenendo la chiave per un nuovo record mondiale per gli juniores. Se il suo dominio fosse effettivo ai Mondiali, soprattutto nel 2007 a Osaka, dove ha vissuto “un momento straordinario, come in stato di grazia” dopo i suoi tripli 200m, 4x100m, 4x400m, avrebbe dovuto aspettare Londra 2012 per prendi la sua prima vittoria. medaglia d’oro olimpica individuale nel mezzo giro.

La sua eccellenza ai massimi livelli l’ha portata ai Giochi di Tokyo, a seguito di una pandemia globale causata dal coronavirus che l’ha costretta ad adattarsi nella sua preparazione e persino ad allenarsi per strada, per mancanza di installazione. scale che conducono al Philadelphia Museum of Art nel “Rocky”. †Sono abituato a combattere. È quello che continuo a fare‘ riassume.

L’intoccabile Miller, Felix e il suo arrivo infuocato: l’ultima parte dei 400 metri in video

Atletica

Amdouni-Zwierzchiewski, trasferimento: ‘Possiamo immaginarlo avvicinarsi al record europeo’

04/03/2022 Alle 11:30

Maratona di Parigi

Podio e record per i vincitori di Amdouni, Gelmisa e Jeptum

04/03/2022 Alle 08:40

La Francia è meno colpita della maggior parte dei paesi del mondo

Denis Brogniart difende Setha dopo le forti critiche di Colin nei suoi confronti