in

Cime / Flop Saint-Etienne – Monaco: ASM chirurgica, i Verdi rovinano la festa

I monegaschi sono stati interrotti proprio in un match dai tifosi, mentre l’ASSE ha ripreso a prendere l’acqua in difesa: scopri i top ei flop di questo Saint-Etienne – Monaco (1-4).

Cime

I monegaschi sono precisi

Solo 12 tiri per il Monaco, durante questa partita vinta 4-1 sul campo in erba del Saint-Etienne. Ma i giocatori di Philippe Clement sono stati chirurgici, segnando tre gol su sei tiri in porta. Sono stati aiutati anche da Timothée Kolodziejczak, che ha segnato un autogol (61esimo). ASM non ha dovuto forzare il proprio talento su Geoffroy-Guichard.

Potenza ASM 4

Quattro gol monegaschi, quattro mosse laterali. Un po’ un peccato contro una difesa a cinque, eppure. Primo Caio Henrique, che concede dalla sinistra un difensore centrale perfetto per Ben Yedder (22°). Bis ripetuta tre minuti dopo, ma dall’altra parte, con un passaggio di Gelson Martins per Kevin Volland (25°). Solo 148 secondi separano i primi due gol monegaschi. Nel secondo tempo il Monaco spinge per la sinistra e ci riesce due volte. Timothée Kolodziejczak prende un pallone da Ismail Jakobs e lo pianta contro la sua squadra (61°). L’esterno tedesco passante decisivo per Myron Boadu pochi minuti dopo (77°).

Khazri sempre lui

Il suo decimo gol in Ligue 1 in questa stagione, per colui che dal 1 gennaio ha segnato solo due gol in campionato. Wahbi Khazri ha trasformato perfettamente il rigore, fischiato dopo un fallo di Aurélien Tchouameni su Mahdi Camara (42°). In particolare, nel gioco, il capitano dei Verdi ha pesato tre palloni recuperati e tre falli subiti.

flop

I sostenitori dei Verdi rovinano la festa

Stasera un bollitore bollente, ma a volte troppo. Nonostante l’atmosfera festosa all’inizio della partita, la situazione è rapidamente peggiorata. Un sacco di fumo è scoppiato e ha lasciato il posto a un fumo intenso sul terreno. Ma a poco a poco sono stati lanciati razzi e fuochi d’artificio. Prima interruzione di pochi minuti dopo il gol di Stéphane, poco prima dell’intervallo. Una seconda interruzione finale poco dopo l’ora, costringendo tutti i giocatori a tornare negli spogliatoi su ordine di Bastien Dechepy. Il gioco alla fine è ripreso dopo un ritardo di 34 minuti.

Sabato sera i tifosi dei Verdi hanno sparato fuochi d’artificio contro il Monaco. JEAN-PHILIPPE KSIAZEK / AFP

La difesa del Saint-Etienne ancora non ce la fa

Tre gol subiti in un’ora, di cui due in meno di tre minuti. In un bollente e chiassoso Geoffroy-Guichard, la difesa locale ancora una volta nel primo tempo ha ripreso l’acqua, permettendo agli avversari di lato di fare a loro piacimento. Cinque giocatori sulla difensiva, ma sacche d’aria su tutti i lati. Abbastanza esasperante. Nel secondo tempo è Timothée Kolodziejczak ad inciampare sul tappeto ea segnare un altro autogol senza pressione. Abbastanza sintomatico della mancanza di fiducia tra i difensori dell’ASSE. Questa difesa non è mai sembrata calma in questo incontro, anche sullo 0-0.

Anche Monaco in attesa

I giocatori dell’ASM hanno abbassato il piede troppo presto dopo aver segnato il gol del break, anche dopo che lo Stéphanois ha colmato il divario. Hanno lasciato la palla agli avversari mentre aspettavano dall’altra parte e sono andati avanti. Peccato giocare così quando si punta al podio contro una squadra che gioca per il mantenimento. Deploriamo anche le modifiche difensive di Philippe Clément, che all’ora dell’intervallo ha sostituito Gelson Martins con Djibril Sidibé e poi Aleksandr Golovin con Ismail Jakobs, ma i monegaschi hanno recuperato dopo l’interruzione del gioco.

Il conte e la contessa di Wessex sbarcano a Santa Lucia nei Caraibi

Una famiglia meravigliosa: ci hanno appena lasciato: le nostre condoglianze…