in

cosa dicono le regole sul controverso rigore da una mano di Rongier

Il ‘classico’ tra PSG e OM (2-1) è stato segnato da diverse decisioni arbitrali controverse. Dopo essersi consultato con il VAR prima dell’intervallo, François Letexier ha concesso ai parigini un rigore per un fallo di mano di Valentin Rongier. Una decisione che sembra ingiusta nei confronti del clan marsigliese.

Una decisione controversa. Kylian Mbappé ha segnato il gol della vittoria del PSG su rigore contro l’OM domenica (2-1) nella 32a giornata di Ligue 1. Il fallo fischiato prima dell’intervallo da François Letexier per un fallo di mano di Valentin Rongier in superficie è difficile da ingoiare per i Focesi.

>> PSG-OM: notizie in diretta

Se Jorge Sampaoli non vuole commentare le decisioni arbitrali, il suo presidente Pablo Longoria non ha espresso le stesse riserve. “Sono sorpreso da molte decisioni. Se abbiamo il VAR è per evitare questo tipo di errori arbitrali”, si è lamentato il leader spagnolo al microfono di Prime Video. Difficile accettare una decisione che tutti nel mondo hanno visto. ” †

Pablo Longoria ha sottolineato i fatti: la palla ha prima toccato la coscia di Valentin Rongier prima di entrare in contatto con la mano, o meglio il gomito. François Letexier inizialmente era riluttante a fischiare un fallo su questa palla pugnalata da Neymar. Ma l’assistenza video è intervenuta e dopo aver consultato il filmato, l’uomo con il flauto ha riconsiderato la sua decisione.

Una mano non è sempre un errore

L’emittente del gioco, Prime Video, ha anche affermato che il VAR probabilmente ha commesso un errore mostrando brutte angolazioni all’arbitro, che non poteva necessariamente aver visto il primo contatto con la coscia, a differenza degli spettatori. La norma prevede che l’arbitro non debba penalizzare “le mani o le braccia di un giocatore che subito dopo il contatto della palla con un’altra parte del suo corpo”. Vanno considerati anche altri elementi: “La posizione del braccio o della mano del giocatore va giudicata in relazione al movimento del corpo nella situazione oggetto dell’indagine”.

“L’arbitro non si sarebbe soffiato la mano. Senza il video arbitrato, avrebbe deciso di far andare avanti questa azione. Qualcuno da miglia di distanza gli ha detto: ‘Attento, potrebbe esserci qualcosa’. Finisce per sbagliare decisione perché la mano è involontaria. Non è stato un errore apparente, era necessario giocare”, ha commentato Kevin Diaz dopo l’incontro ad After Foot.

Tuttavia, va notato che anche Gerson tocca palla con la mano, una volta deviato da Valentin Rongier, anche se François Letexier sembra aver fischiato bene un fallo del francese. Nel marzo 2021 l’International Board, che governa il calcio, aveva modificato le regole in materia di pallamano. “I membri dell’IFAB affermano che qualsiasi contatto della mano o del braccio di un giocatore con la palla non costituisce una violazione”, ha affermato l’istituto, lasciando una maggiore interpretazione agli arbitri: “Ci si aspetta che un giocatore diventi anormalmente più grande quando la posizione del suo mano o braccio non è giustificato dal movimento del corpo del giocatore per quella particolare situazione”.

Bisogna tenere conto anche della distanza tra i due attori coinvolti nell’azione. E ancora, questa idea avrebbe potuto salvare i Focesi. “La distanza tra Neymar e Rongier è così piccola che non vedo come Rongier possa aver deliberatamente allargato le braccia”, sottolinea l’ex Said Ennjimi in Il gruppo

Il rigore chiamato non è stato l’unico fatto arbitrale della serata, anche un gol è stato annullato dopo aver consultato il VAR per l’OM a causa della posizione di fuorigioco di William Saliba, quando è ripreso un calcio di punizione di Dimitri Payet. Ancora secondo in classifica, l’OM dovrà dimenticare questo “Classico” questo mercoledì, con il ricevimento di Nantes (21:00).

la terza stagione offre già un trailer, ed è bellissimo

Jayson Tatum: “Non c’è niente di meglio! »