in

Foot Mondial 2022 – Gli algerini arrivano alla FIFA, grande pressione

Mentre l’Algeria attende una risposta all’appello presentato alla FIFA dopo la sconfitta negli spareggi della Coppa del Mondo di marzo contro il Camerun, i tifosi del Fennecs hanno organizzato una manifestazione.

Gli algerini non hanno ancora elaborato la non qualificazione della loro nazione per la prossima Coppa del Mondo in Qatar. Un mese fa, la federazione algerina ha lanciato un appello alla FIFA per un “arbitrato oltraggioso che ha distorto il risultato della partita” Il gambiano Bakary Gassama nella battuta d’arresto contro il Camerun Karl Toko-Ekambi (1-2). Da allora, la selezione di Djamel Belmadi, che chiede la ripetizione di questa partita, non ha ancora risposta. Per fare pressione sulle autorità mondiali, alcuni sostenitori algerini hanno quindi deciso di manifestare davanti alla sede della FIFA a Zurigo, in Svizzera. Tutto questo con l’obiettivo di portare a termine le cose. Che più o meno ha funzionato, poiché l’Algeria sarà presto puntata sul suo destino.

Gli algerini non mollano

Nelle ultime ore, i leader della FIFA si sono effettivamente riuniti per discutere di questa questione scottante. Se dunque il verdetto dovesse cadere presto, la federazione algerina dovrà attendere. Principalmente perché ha anche afferrato il comitato arbitrale della FIFA, “secondo le raccomandazioni dei suoi consulenti legali”† In realtà, “il fascicolo di reclamo presentato si basa su argomentazioni e considerazioni tecniche relative all’arbitrato che devono essere esaminate da una struttura specializzata”† A sostegno della sua richiesta, l’Algeria ha denunciato i due gol rifiutati da Islam Slimani per fuorigioco e mano, oltre a due rigori senza fischi per Rachid Ghezzal e Youcef Belaïli. Comunque sia, l’Algeria ha ancora poche possibilità di vincere. E dopo la sconfitta in campo, i Fennec potrebbero perdere anche in tribunale.

Chiellini, i suoi obiettivi sono il suo futuro… Longoria dice tutto!

22 giocatori professionisti sono stati derubati da “criminali ben organizzati” nel 2021, rispetto ai 13 dell’anno prima