in

Foot PSG – Il PSG ignora i suoi ultras, la vendetta sarà terribile

La tensione tra giocatori e tifosi è palpabile al PSG da diverse settimane. Il cessate il fuoco non arriverà domenica per il classico contro l’OM, ​​poiché gli ultras intendono continuare la loro protesta.

Il risentimento è ancora forte nelle campate del Parc des Princes, a più di un mese dalla terribile notte di Bernabeu quando il PSG è stato eliminato dal Real Madrid. Il club parigino ha perso più di una Champions League quella notte, ha perso anche il supporto dei suoi più fedeli seguaci. I Paris Ultras non perdonano questo fallimento e più in generale gli errori di una stagione frustrante per il proprio club. Fed fischietti, striscioni con messaggi molto ostili, l’atmosfera è molto fredda nel Parc des Princes. Si potrebbe immaginare, però, che il classico che arriva contro l’OM allenti le tensioni in nome della sacra unità.

Gli ultras di Parigi taceranno contro l’OM

Tuttavia, non seguiamo la via della riconciliazione, al contrario. In effetti, il collettivo Ultras Paris (CUP) prevede di rimanere in silenzio durante l’incontro PSG-OM di domenica sera, questo è ciò che il suo presidente Romain Mabille ha confermato a France Bleu Paris e ha giustificato questo atteggiamento. † Confermo, saremo sugli spalti, ma non ci saranno novità. Rimaniamo nelle nostre posizioni. Rimaniamo nella stessa posizione delle precedenti partite per il semplice motivo che nulla è cambiato rispetto alle nostre richieste. Non ci sono state comunicazioni a livello di club. Nessun passaggio per noi, nessun annuncio, nessuna domanda “, Egli ha detto.

Siamo lontani dal solito folklore che circonda la rivalità tra PSG e OM. Ma Romain Mabille non si rammarica che questo shock sia stato sprecato. Indica che preferisce il futuro del club a ogni partita. † PSG-OM è una partita importante per noi in tutto ciò che comporta. E vedi, siamo in grado di privarci di non cantare per trasmettere i nostri messaggi. Dimostra che il benessere del nostro club è più importante di questo tipo di incontri, vogliamo perderci. Le nostre richieste, le consideriamo legittime e vogliamo celebrare l’occasione. […] Preferiamo punirci per il bene del club nella speranza che le cose cambino, piuttosto che entrare nello stadio e far finta che non ci sia niente solo perché è il Marsiglia conclude. La festa non sarà all’altezza della squadra parigina a meno che gli attori del PSG non facciano una bella battaglia contro il vecchio nemico del Marsiglia e trasformino il loro pubblico.

Ligue 1 – Deluso dalla sconfitta del LOSC contro il Lens nel derby, Gourvennec si lascia andare: “Lo prendo come un insulto”

ASSE – Stade Brestois: le noci dei Verdi