in

Formula 1 | Hamilton: Il mio obiettivo finale in F1 non è solo vincere il campionato

Se non nascondeva di voler vincere un ottavo titolo mondiale che sarebbe stato storico prima della fine della sua carriera in Formula 1, Lewis Hamilton ha altri obiettivi nello sport oltre ad arricchire la sua lista di premi.

Il britannico spiega di essere ugualmente motivato dall’idea di fare di più per la diversità nello sport.

“È il mio ruolo e voglio continuare queste conversazioni, per sedermi con Stefano Domenicali (il direttore della F1) e vedere con lui cosa possiamo ottenere insieme” disse l’autista della Mercedes.

“Si tratta di coinvolgere quante più persone possibile nel viaggio e per questo dobbiamo far sentire la nostra voce, ma penso che sempre più persone concordano sul fatto che potremmo fare di più”.

“Voglio usare questa piattaforma per applicare alcune pressioni scomode, ma in questo modo possiamo dare il via ai cambiamenti e sarebbe molto più soddisfacente per me che vincere un campionato”.

“Il mio obiettivo è che in cinque o dieci anni posso guardare lo sport in televisione, si spera con i miei figli, e vedere giovani donne ingegneri o meccanici”.

Hamilton e la questione dell’eredità

Hamilton si è preso una pausa dai social media dopo il Gran Premio di Abu Dhabi 2021 e questo gli ha permesso di riflettere sull’eredità che voleva lasciare in Formula 1.

“Quando ero più giovane e ho iniziato a usare i social media, si trattava di ottenere più follower possibile per aumentare la mia influenza”.

“E invecchiando, ho capito che dovevo pensare a quali messaggi volevo trasmettere a queste persone che mi seguono”.

“Volevo fare un passo indietro, rivalutare la mia vita e sono giunto alla conclusione che non volevo che la mia carriera definisse tutta la mia vita, che c’erano molte altre opportunità là fuori”.

“Invecchiando ho iniziato a pensare a cosa significasse davvero vincere quei campionati e mentre è molto gratificante a livello personale, non cambia davvero nulla”.

“Dà valore al tuo nome, ma non cambia il mondo. Ci sono sempre guerre, ingiustizie razziali, persone sfruttate ed è per tutti questi motivi che voglio usare la mia piattaforma”.

“Penso di aver scoperto qual è il mio obiettivo finale e che non è solo un pilota”.

Il governo ucraino chiede il “boicottaggio” globale della Renault, “sponsor della macchina da guerra russa”

PlayStation 5: finalmente in arrivo la compatibilità con refresh rate variabile… tra qualche mese