in

Fournier e Maledon brillano, Butler e Haslem scherzano

I risultati della serata in NBA

Knicks @Calabroni: 121-106
falchi @ pistoni : 101-122
re @ Pacers: 110-109
jazz @ Celtici : 97-125
guerrieri @ Calore: 118-104
netto @ grizzly : 120-132
abbronzandosi @ Lupi: 125-116
Magia @ tuono : 102-118
@Razzi mav : 91-110
sei @Lakers: 126-121
brani @ Blazer: 133-96

Gioca o prova a dipingere, la tentazione di Holmgren

– Gli Heat potrebbero essere ancora leader in Oriente, ma non tutto è roseo nel gruppo. Sconfitta in casa dai Warriors ma priva di Stephen Curry e anche non nella sua forma migliore, Miami tira fuori la lingua e gli animi si infiammano. Jimmy Maggiordomo e Udonis Haslem dovette essere separato sul divano ed Erik Spoelstra, visibilmente infastidito dalla situazione, gettò il suo tablet davanti a Butler…

I Floridiani non riuscirono a contenerlo Jordan Poole (30 punti), Mosè Moody e Jonathan Kuminga (22 punti ciascuno).

– Boston continua a suonare come un sogno e il Jazz ne ha pagato il prezzo. I Celtics hanno ampiamente vinto in casa per la quinta vittoria consecutiva, grazie soprattutto a una grande partenza e alla regolarità del tandem Jayson Tatum (26 punti) – Jaylen Brown (26 pt) e nel senso del pass di Marco Intelligente (13 assist, il suo record NBA).

Rudi Gobert (14 punti, 11 rimbalzi) e la sua famiglia sono rimasti paralizzati o quasi per l’intera partita.

I Celtics sono a solo 1,5 vittorie dal vantaggio est, a pari merito con Milwaukee e Philadelphia.

– Esatto, i Sixers hanno beneficiato anche del mancato avvicinamento di Miami alla classifica. Contro i Lakers senza LeBron James, rimasto solo, Philadelphia ha lottato più del previsto, in particolare per l’efficacia del Dwight Howard (24 punti) e Malik monaco (23 punti). preso da Gioele Embiid (30 punti, 10 rimbalzi), James Harden (24 punti) e Tyrese Maxey (21 punti), gli uomini di Doc Rivers alla fine hanno preso il sopravvento.

– Mentre i Lakers hanno perso per l’undicesima volta in 15 partite, gli Spurs non hanno pensato che fosse una cattiva idea tornare a due vittorie da loro (e 1,5 dai Pelicans). I texani hanno vinto facilmente per Portland, anche grazie al duo Gioiosa Murray (28 punti) – Keldon Johnson (26 punti).

– Memphis ha consolidato il suo 2° posto in Occidente pagando i Nets. Brooklyn aveva ancora Kevin Durant E Kyrie Irving, obbligatoria la concorrenza lontano da New York. Le due stelle della squadra erano in più gambe, con 43 punti per Kyrie e 35 punti, 11 rimbalzi e 8 assist per KD.

È costato Desmond Bane (23 punti, di cui 9 di fila nel 4° quarto), De’Anthony Melton (23 punti) e Dillon Brooks (21 pts) alzano la voce in assenza di Ja Morant, ancora una volta lasciato a riposo.

– Dallas è alla pari con Utah nella corsa al 4° posto. I Mavs, che comunque hanno giocato senza Luka Doncic nell’intervallo, hanno eliminato i Rockets dalla mano in un derby del Texas. Grazie ad un buon 2° tempo e allo sforzo di Spencer Dinwiddie (26 punti) e Jalen Brunson (28 pts), i Mavs hanno respinto un’ottima operazione.

– Sempre senza Chris Paul, Phoenix non si è arresa e ha battuto i Wolves nell’ultimo quarto. Deandre Ayton ha rotto i suoi record in carriera (35, con 14 rimbalzi) e Devin Booker ha segnato 22 dei suoi 28 punti nel secondo tempo.

Ancora una vittoria e i Suns saranno in vantaggio sul campo fino alla fine dei playoff.

Evan Fournier ha aggiunto 4 canestri da tre punti alla sua collezione, per stabilire il record per il maggior numero di canestri premiati in una stagione sotto la maglia dei Knicks nella NBA. Il francese ha segnato 12 punti e fornito 7 assist nella vittoria dei Knicks sul pavimento di Charlotte, superando infine John Starks con 218 canestri. Un bel sollievo per la schiena dei Blues in questa complicata prima stagione a New York.

New York ha posto fine alla serie di 5 vittorie consecutive degli Hornets, grazie principalmente a 30 punti RJ Barrett e doppio-doppio oObi Toppin (18 punti, 11 rimbalzi).

Atlanta potrebbe aver celebrato eccessivamente lo spettacolo di Trae Young al Garden la sera prima. Gli Hawks furono sconfitti a Detroit e improvvisamente persero l’occasione di tornare a un record pari con Charlotte al 9° posto. Jeremy Grant (21 punti) e Cade Cunningham (17 punti, 8 peso) ha aperto la strada.

Killian Hayes è stato molto bravo dalla panchina, collezionando 13 punti, 8 rimbalzi, 5 assist e 1 recupero sul 5/9 in 33 minuti.

Damian Jones ha dato a Sacramento la vittoria contro l’Indiana a 0,2 secondi dalla fine con un tiro da Trey Lyles

– I francesi erano abbastanza alla festa ieri sera, a giudicare dall’ottimo ingresso di Teo Maledon con OKC, vittorioso ad Orlando. L’ex ASVEL ha raccolto 25 punti, 6 assist, 4 rimbalzi, 1 recupero e 1 muro in 32 minuti, sul 09-13. Olivier Sarr ha partecipato alla festa per 19 minuti, segnando 8 punti, 2 rimbalzi, 2 assist e 1 recupero.

Il terzo ladro di OKC, Jaylen Tesorobrilla ancora in G-League con OKC Blue, segnando un’altra doppia doppia (16 punti, 10 rimbalzi, 2 assist) nella posizione cruciale nonostante la sconfitta della sua squadra contro gli Stockton Kings.

George RR Martin smentisce questa folle voce sui boss del gioco

Stock Xbox Series X: ecco fatto, è qui