in

Giro – Romain Bardet aggiunge Giro d’Italia al suo programma

Bardet ha assaggiato l’Italia più di tre settimane, poco meno di un anno fa, sembra che gli sia piaciuto molto quello che ha trovato lì. A undici mesi dalla scoperta del Giro all’età di 30 anni, l’uomo di Brioude ha cambiato tono e programma. Mentre la sua stagione 2022 sarebbe articolata attorno al Tour de France, che ha saltato l’anno scorso per la prima volta dal 2013, il pilota del Team DSM ha aggiunto una linea al suo programma, e non una qualsiasi: il Giro d’Italia.

Questa inversione di tendenza è una vera sorpresa sulla scala di Romain Bardet che torna alla Grande Boucle a luglio. Non vedeva l’ora di correre il Giro per la prima volta dopo anni. Non è stato facile all’interno di una squadra francese, in questo caso l’Ag2r, ma lo ha fatto nel 2021 con la sua nuova formazione, il DSM. Il risultato finale è stato 7° assoluto dopo tre settimane solide, anche se i due tempi, all’inizio e alla fine, lo hanno fortemente penalizzato. Dall’inizio della stagione 2022, Bardet ha corso pochissimo (9° nell’UAE Tour e 12° nel Tirreno) e ha trascorso molto tempo ad allenarsi a Tenerife. Cosa può aspettarsi da questo Giro 2022? Molto se guardiamo al suo livello e alla concorrenza.

Giro d’Italia

Bardiani, Drone Hopper ed Eolo-Kometa invitati al Giro 2022

28/02/2022 Alle 22:10

Bernal intoccabile, Bardet opportunista, Yates fuori dai guai: il recap della 16a tappa

Una Top 5 per obiettivo?

Quale sarà il primo obiettivo? Andrà in Italia per puntare alle tappe e non attingere troppo dalle riserve per il Tour de France? Sarebbe la moda, ma l’appetito viene con il cibo e se Bardet è ancora in classifica generale la notte del primo giorno di riposo, ci sono buone probabilità che non ripensi ai suoi piani. Con un tempo breve (9,2 km) e finendo con un dosso a Budapest il secondo giorno e uno leggermente più lungo (17,1 km), ma l’ultima volta una salita e poi una discesa, Bardet potrebbe non essere così punito dalla sua debolezza in tempo.

In attesa delle graduatorie definitive, la battaglia per la maglia rosa si deve articolare tra chi ha già annunciato la propria partecipazione. Terzo nel 2021, Simon Yates verrà a vincere, così come Richard Carapaz, incoronato nel 2019. Non escludiamo né il vendicativo Miguel Angel Lopez tornato all’Astana, né Joao Almeida che avrà carta bianca negli Emirati in assenza del boss Tadej Pogacar. Da tenere d’occhio anche Pello Bilbao (5° nel 2020) e Mikel Landa già sul podio (3° nel 2015), così come Jai Hindley (2° nel 2020) e Guillaume Martin che, un anno dopo Bardet, conquistano la belle strade Giro d’Italia.

Romain Bardet spiega la sua scelta in un’intervista a Eurosport martedì mattina. È anche ospite del Bistrot Vélo lunedì 2 maggio alle 18:00.

Giro d’Italia

Arkea-Samsic salta il Giro

18/02/2022 Alle 11:38

Giro d’Italia

Incredibile ma vero: Contador è quasi uscito dal ritiro per il Giro 2020

30/12/2021 Alle 09:18

Kate Middleton e il principe William: gita di famiglia con George e Charlotte per la messa di Pasqua

Licenziamento per stupro in favore di Luc Besson davanti alla Corte d’Appello