in

Gran Premio dell’Emilia-Romagna – Durante la gara “sprint”, il duello Verstappen-Leclerc ha nascosto nuovamente il bosco

Se anche tu soffri del grande male di questo secolo, ovvero un pronunciato appello ai social network, corri il rischio di vedere Max Verstappen scavalcare Charles Leclerc avanti e indietro. È la strategia di Liberty Media, in quanto a capo della F1, che irrita le varie piattaforme di quella che non esita più a chiamare “il suo prodottoÈ anche un modo per rendere popolari le misure adottate negli ultimi anni per sviluppare una disciplina che secondo lei era caduta in disuso.

Gran Premio dell’Emilia-Romagna

Duello Verstappen-Leclerc, Mercedes fuori dai punti, docce: il Gran Premio in questione

2 ORE FA

In questa la (bella) manovra del campione del mondo in carica sul capofila della Coppa del Mondo, nel penultimo giro dello sprint emiliano-romagnolo, è perfetto per la vetrina. E l’ideale per creare l’illusione che ciò che c’è dietro, un nuovo regolamento tecnico e un nuovo format di gara in uso per il secondo anno consecutivo, sia la causa fortunata.

Da Stefano Domenicali, amministratore delegato di F1 a Ross Brawn, suo direttore tecnico, non c’è quindi il minimo dubbio: questo sabato pomeriggio “prodotto” è un successo totale e questa conclusione è stata raggiunta in particolare grazie a sondaggi morali, accurati, effettuati con un panel di spettatori altamente rappresentativo.

Non ripeteremo quindi che due dei tre sprint che si sono svolti la scorsa stagione non hanno impressionato molte persone. Ci prenderemo anche la libertà di fare un’altra recensione della gara di 21 giri completata sabato pomeriggio a Imola, descritta come “ottimo intrattenimento” dello stesso Brawn. Soprattutto ha dato un quadro più accurato della superficialità dei Gran Premi di oggi.

Due vittorie e la Ferrari è già preoccupata: perché tre squadre dichiarano la Scuderia alla FIA

Dietro le quinte, i pensatori avevano sollecitato fin dalla prima gara europea della stagione a reintrodurre questo format, sia per ri-esporlo al pubblico più ampio, compreso approfitta della massiccia presenza dei tifosi† Sfortuna, Imola non è la pista più favorevole al sorpasso. “Fortunatamente”, venerdì, aveva ripreso il suo grano di sale.

Chiara aumenta… con l’aiuto del DRS

Gli acquazzoni e le difficili condizioni della pista durante le qualifiche hanno scosso la gerarchia e hanno contribuito a creare una griglia sorprendente. Kevin Magnussen (Haas) quarto. Sergio Perez (Red Bull) settimo. Carlos Sainz (Ferrari) decimo. I capricci dell’aria avrebbero dovuto far parte del gioco, ma lo sprint ha cambiato le regole.

I due piloti N.2 dei top team hanno quindi avuto diritto a 21 giri di divertimento per avere la ciliegina sulla torta. E blocca la seconda fila grazie ad uno strumento che, su queste monoposto che possono susseguirsi, ha reso il sorpasso ancora più noioso rispetto al recente passato. Con la DRS, a Imola, puoi permetterti di fare l’ultima curva da 5 a 8 decimi dietro la macchina davanti a te… e sorpassarla per 200 metri prima di prendere la corda al Tamburello.

Gestione gara, DRS… Spiegate le modifiche al regolamento 2022

Non c’è bisogno di offendersi, poiché alcune éminences grises hanno decretato che il sorpasso era necessariamente un elemento di spettacolo, non importa come fosse eseguito. Stranamente, ai nostri occhi di spettatori, la manovra vincente di Verstappen su Leclerc non ha avuto lo stesso valore dei passaggi di gomito di Sainz su Ricciardo o Norris.

Lo sprint ha sacrificato la gara?

So che potresti pensare che sia dovuto al DRS, ma non puoi usare il DRS se non sei direttamente dietro l’auto davanti a teha sottolineato il direttore sportivo della F1 nei commenti di sport motoristiciQuindi penso che nel complesso sia stato un grande successo“Elementare, mio ​​caro Ross Brawn.

Altri, come la Mercedes George Russell e Lewis Hamilton seduti, si sentivano più come se stessero trasportando vagoni di un “trenino“, come ha indicato alla radio il sette volte iridato, l’effetto del DRS tendente a neutralizzare in branco raggruppato. Il suo compagno di squadra, ha descritto questa prova come “processione“, sicuro sport aerei† Il che gli è valso una risposta feroce da parte dell’ex grande ingegnere della F1: “Ogni volta che un pilota aveva una brutta macchina, si lamentava della gara.” E Bam.

Sei anni più di Vettel ma grande appetito: ‘Alonso ha la grinta più che mai’

Grazie – o grazie, a seconda dei punti di vista – in questo sprint, la griglia di domenica sarà leggermente più in linea con le prestazioni delle monoposto: Red Bull e Ferrari nelle prime due file, McLaren in terza, rispetto al veterano Bottas , Magnussen e Alonso, ecc. Domenica, se le prestazioni delle gomme non stupiscono i team e la gara “vera” si rivela una lunga parata, gli ardenti difensori dello sprint diranno che è stato il prezzo da pagare vivere di sabato dopo un pomeriggio vivace?

Gran Premio dell’Emilia-Romagna

Ferrari e Red Bull, sempre più vicine

7 ORE FA

Gran Premio dell’Emilia-Romagna

Un nuovo duello e Verstappen sorprende Leclerc

9 ORE FA

Il 10° titolo del PSG, il suo futuro, Mbappé: le verità di Leonardo

PSG: Leca graffia la capolista sulla gestione dei portieri