in

I pellicani dominano gli Spurs per sfidare i Clippers nella finale di play-in

È stato il gioco di tutti i pericoli da quando il perdente della stagione 2021/22 è stato eliminato. E in questo contesto, sono stati i Pelicans a rimanere saldi, in casa e trasportati da una folla ribollente, spronati da un duo eccezionale Ingram – McCollum, troppo forte in attacco per gli Spurs.

Dopo i primi 15 minuti di osservazione per entrambe le squadre (26-22 per i locali), i Pelicans hanno poi ampliato il divario, inizialmente poco prima dell’intervallo (61-50), sulla scia di un massiccio colpo di calore di CJ McCollum (27 punti su ripresa), poi più ampia dopo la ripresa, dopo l’uscita di Brandon Ingram e Jonas Valanciunas nel terzo quarto (+19). Tutto sommato, gli uomini di Willie Green giocano un gioco abbastanza tranquillo, in cui hanno in gran parte il controllo.

Ma finalmente gli Spurs si svegliano: nel quarto quarto il gruppo “Pop” rimonta furiosamente, accoltellando un 16-1 ai Pelicans e il distacco passa da +21 a +6 (96-75 a 97 -91)! Più paura che danni per i Pelicans, che reagiscono dopo un timeout di Willie Green, tramite Brandon Ingram, che mette a segno due tiri chiave dalla media distanza per ridare aria alla sua squadra (101-191).

Gli Spurs continuano a lottare, ma non riescono a fare “stop” in difesa. Il gap rimane a +10 e il timer scorre fino all’ultimo segnale acustico. Nonostante un grande spavento a fine partita, i Pelicans hanno vinto al termine di una partita che hanno ampiamente dominato, mandando San Antonio, caduto al primo turno di “play-in” per il secondo anno consecutivo. .

COSA RICORDARE

– Il fallimento dei titolari degli Spurs nel primo tempo† Se le cinque major di San Antonio hanno segnato metà dei loro punti Spurs nel primo tempo (25 punti), è comunque meno di CJ McCollum… da solo! La parte posteriore dei Pelicans ha piantato 27 punti nel primo periodo, in particolare un tiro caldo nel secondo quarto che ha permesso di firmare un primo break. I detentori degli Spurs si sono poi svegliati nella ripresa (70 su 103 alla fine), ma visto il risultato finale si pentiranno di questo ritardo nell’accensione.

– Pellicani vs. clipper† I Wolves si sono qualificati al 7° posto, con un solo biglietto rimasto per i playoff in Occidente. Questo 8° posto, sinonimo di duello al primo turno contro i Suns, verrà deciso venerdì in una partita finale tra i Pelicans ei Clippers.

TOP/FLOPS

CJ McCollum e Brandon Ingram, il “uno-due pugno”. Il primo ha tenuto a debita distanza gli Spurs nel primo tempo, il secondo li ha respinti nel secondo tempo e soprattutto nel quarto quarto per chiudere la loro furiosa “corsa”. Come previsto, i due giocatori hanno tenuto la casa in attacco, chiudendo con un totale di 59 punti (32 per CJ McCollum, 27 per Brandon Ingram). Il talento offensivo del duo, specialmente nella fascia media strategica, era troppo da comprendere per gli Spurs.

Jonas Valanciunas† Il perno lituano calpesta la racchetta degli Spurs e realizza un’autorevole doppia doppia: 22 punti e 14 rimbalzi. Sulla sua scia, i Pelicans hanno largamente dominato la battaglia per il settore degli interni (56 punti nella vernice per New Orleans, contro 38 per San Antonio).

Devin Vasell† Il giovane ala del secondo anno è stato il titolare più importante degli Spurs. Ha raccolto 23 punti (7/13 da tre punti), 2 rimbalzi e 3 assist, ed è stato uno dei principali istigatori della “corsa” di San Antonio nell’ultimo quarto. Sfortunatamente, i suoi sforzi sono stati vani, ma l’ex stato della Florida ha sicuramente acquisito esperienza dopo essersi esibito in un gioco così alto.

Dejounte Murray e Keldon Johnson† I due uomini forti dei big five Spurs hanno deluso: il primo ha sicuramente chiuso con 16 punti, 9 rimbalzi e 5 assist, ma la strada non c’era (5/19), e l’allarme era troppo tardi. Un po’ meglio la seconda, con 15 punti su 6/20. Senza input dai due pilastri delle cinque major, il San Antonio è rimasto in svantaggio nel primo tempo e ha incassato a fine partita, nonostante una risposta che ha lasciato i Pelicans nel dubbio.

IL SEGUENTE

Secondo e ultimo round di play-in per New Orleans contro i Clippers nella notte da venerdì a sabato, alle 16:00.

pellicani 113 colpi rimbalza
Giocatori Minimo colpi 3 punti LF o d t pd lato int bp CT Punti Valutazione
B.Ingram 30 19/11 0/2 5/6 1 4 5 5 4 0 2 0 -2 27 26
H. Jones 37 5/7 2/4 0/0 2 3 5 3 4 2 2 2 +10 12 20
J. Valanciunas 36 9/14 0/1 4/8 3 11 14 3 1 1 3 2 +11 22 30
J Hayes 20 0/1 0/0 0/0 0 5 5 1 4 0 0 1 +3 0 6
C. McCollum 39 23/12 3/5 5/5 0 6 6 7 3 0 4 1 +16 32 31
L. Nance Jr. 14 0/1 0/0 0/0 2 6 8 0 1 0 1 1 +2 0 7
N. Marshall 12 2/2 0/0 2/2 0 5 5 2 4 0 0 0 0 6 13
D.Graham 7 0/1 0/1 0/0 0 1 1 0 0 0 0 0 -1 0 0
J.Alvarado 22 4/9 3/4 1/2 0 1 1 3 1 1 1 0 +4 12 10
T. Murphy III 22 1/4 0/3 0/0 0 3 3 1 0 0 0 0 +7 2 3
Totale 44/81 8/20 17/23 8 45 53 25 22 4 13 7 113
brani 103 colpi rimbalza
Giocatori Minimo colpi 3 punti LF o d t pd lato int bp CT Punti Valutazione
K. Johnson 40 6/20 0/5 3/5 2 3 5 4 5 0 1 0 -2 15 7
J. Poeltl 31 7/10 0/0 2/4 3 6 9 1 3 2 2 1 +4 16 22
D. Murray 34 19/5 1/5 5/5 1 8 9 5 4 0 2 1 -4 16 15
D.Vassell 37 7/15 7/13 2/2 0 2 2 3 4 0 1 0 -6 23 19
J. Primo 10 0/3 0/0 0/0 0 2 2 2 0 0 0 0 0 0 1
Z.Collins 17 2/4 0/1 1/2 1 1 2 0 2 0 0 1 -14 5 5
K. Bates-Diop 6 0/0 0/0 0/0 0 0 0 1 0 0 0 0 -7 0 1
T. Jones 17 1/2 1/2 1/2 1 1 2 1 0 1 0 0 -9 4 6
J.Richardson 32 4/9 2/4 2/2 0 2 2 2 2 1 0 0 -9 12 12
L.Walker IV 17 5/9 2/4 0/0 0 1 1 0 0 0 0 0 -3 12 9
Totale 37/91 34/13 16/22 8 26 34 19 20 4 6 3 103

EDF lancia un “piano idrogeno” per diventare uno dei leader europei del settore entro il 2030

Attenzione all’aumento di prezzo di RED by SFR, è possibile rifiutarlo