in

Il Borussia Dortmund si morde le dita per Erling Haaland

Cosa viene dopo questo annuncio

L’ultimo classico. Domani Michael Zorc vivrà il suo ultimo scontro tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund come direttore sportivo dei Marsupiali. Non è un segreto che il tedesco, che ha trascorso 44 anni da giocatore e poi allenatore al BVB, sarà sostituito da Sebastian Kehl dal 1 luglio 2022. wazo† La possibilità di rispondere alle critiche sulla mancanza di coerenza del Borussia.

“Non è facile rispondere a questa domanda perché a volte trovo le critiche ingiuste. C’è sempre un legame con il Bayern Monaco. Arriviamo quasi sempre secondi e questo non è abbastanza per molte persone. È una gara impari. Nell’ultimo esercizio abbiamo realizzato un fatturato di 285 milioni di euro in meno rispetto al Bayern. Questa differenza significa che il Bayern può permettersi una dozzina di Gnabrys in più rispetto a noi in termini di stipendi. Se non commettono errori molto gravi, il risultato è relativamente chiaro. E temo che non cambierà nei prossimi anni”.

Zorc presume i fallimenti del Dortmund

Poi ha chiarito: “D’altra parte, questo ovviamente non giustifica la nostra eliminazione dalla Coppa di Germania a Sankt Pauli, la nostra eliminazione dal girone di Champions League contro lo Sporting Lisbona e poi dall’Europa League contro i Glasgow Rangers”† Un anno difficile per Zorc il cui bilancio è onorevole con diversi talenti venduti a prezzi dell’oro. Ma non ha funzionato per tutti. “Non siamo stati in grado di portare questi giocatori al livello successivo. È successo troppo spesso, quindi dobbiamo sfidarci in modo critico. Ma abbiamo anche una situazione di pressione speciale a Dortmund. Alcuni non riescono a gestire la pressione, altri non fissare obiettivi personali.

Ha aggiunto : “Abbiamo avuto maggiori possibilità di andare avanti grazie al nostro grande talento internazionale, che ci ha aiutato non solo finanziariamente ma anche sportivamente. Ricordo i gol di Aubameyang, Dembele, Sancho e ora Haaland; segnato per noi”† Il norvegese dovrebbe essere anche il prossimo talento a lasciare la nave. Real Madrid e Manchester City sono pronte a offrirgli un contratto d’oro massiccio. Il Borussia Dortmund, dal canto suo, dovrebbe ricevere appena 75 milioni di euro, il prezzo della sua clausola rescissoria che durerà fino al 30 aprile. Un po’ di rammarico per Zorc, che non vede nel BVB un semplice trampolino di lancio.

La clausola di Erling Haaland, scusa ma…

“Non la vedo unilaterale, è una situazione win-win. Questo è anche il caso di Erling Haaland. È cresciuto con noi e abbiamo beneficiato del suo talento. Ora puoi dire che non avremmo dovuto dargli una clausola di uscita. Ma allora non l’avremmo capito per niente. Siamo il club più attraente d’Europa per i ragazzi di questa categoria di talenti. Ecco perché deve rimanere una parte importante del nostro modello di business. Perché i migliori giocatori finiscono al Manchester City o al Bayern Monaco.† Ha fatto un aggiornamento sul norvegese, che a Dortmund non sarebbe più contento.

“Tutto quello che succede a Erling Haaland è su base contrattuale. Siamo completamente sereni. Fai l’errore di affermare la nostra irrequietezza e il nostro fastidio basandoti sui titoli dei media quotidiani, ma in realtà non esiste affatto. E capisco i fan che ci credono perché lo leggono o lo sentono ogni giorno. Ad essere onesti, c’era solo una persona che ha scioperato, è stato (Ousmane) Dembélé ed è stato spiacevole (…) Quello che non ci piace è la durata sempre più breve della permanenza in quanto l’intera industria del calcio è diventata ancora più frenetico. Ma anche la società. Sarà una sfida per noi cercare di mantenere questi migliori giocatori con noi più a lungo”.† Se sembra bollito per Haaland con grande dispiacere di Zorc, Jude Bellingham, corteggiato da Liverpool e Real Madrid, potrebbe rimanere al BVB un po’ più a lungo per cercare di porre fine all’egemonia bavarese.

Franck Haise, allenatore Lens, per il PSG: “Tutto parte dalla consapevolezza”

Gran Premio dell’Emilia-Romagna – Carlos Sainz, grande singhiozzo dopo l’incidente di Imola: “Posso solo chiedere perdono”