in

il calvario di Gaëtan Poussin, il portiere dei Girondins

Travagliato contro il Lione (6-1) e poi il Saint-Etienne (2-2), il portiere dei Girondins, Gaëtan Poussin, è stato oggetto di critiche da parte dei tifosi del Bordeaux. Una situazione difficile da vivere per il giocatore formatosi nel club che suo malgrado eredita il conflitto tra la sua dirigenza, gli Ultras del Bordeaux e il nazionale Benoît Costil.

È il simbolo di un club allo sbando. Dopo il frustrante pareggio dei Girondins de Bordeaux contro il Saint-Etienne (2-2) questo mercoledì, c’è stato un torrente di critiche e scherni nei confronti di Gaetan Poussin. Che siano sui social network o sui media, vengono evidenziati i successi del portiere 23enne. Non a livello di osservatori del club del Bordeaux. Ma tre settimane fa, l’ex nazionale francese under 21 è stato il principale artefice della prima stagione del Bordeaux a Lille.

Da allora, due palloni contro il Lione (6-1) e una prestazione continua contro il Saint-Etienne (2-2) hanno più che offuscato il suo record. “Ha fatto due errori contro il Lione, non possiamo dire niente e li accetta, anche se non è facile alla sua età, si confida con il suo entourage. Non è perché ha fatto due gnocchi contro il Lione che deve mettersi tutto alle spalle . ” Non dobbiamo dimenticare tutto quello che ha fatto bene in un contesto difficile”.

Entourage Poussin: “Lascia tracce”

La pressione sulle spalle di Poussin è enorme e cresce. “Lascia segni, ma Gaetan è forte mentalmente, continua la sua famiglia. Ha cercato di affrontare le critiche, ma è più preoccupato per la situazione collettiva che per la sua”. Il discorso di Poussin dopo il pareggio contro il Saint-Etienne rimane lo stesso, per mantenere il Bordeaux in Ligue 1. In una conferenza stampa dopo la partita, il suo allenatore David Guion ha ribadito che la scelta di allineare Poussin come numero 1 è stata una scelta sportiva. decisione. “C’è praticamente concorrenza negli undici ruoli, sia l’attaccante che il medio, come il difensore e il portiere, ha detto. Sono scelte sportive da parte mia e lo presumo pienamente. È una mia scelta”.

Paradossalmente, il giovane portiere paga il trattamento che Benoît Costil ha riservato per quattro partite. Se Poussin aveva giocato abbastanza bene la sua parte a gennaio sostituendo Costil infortunato, la situazione è cambiata nelle ultime settimane. Il nazionale francese non potrà più indossare la maglia dei Girondins fino alla fine della stagione. E anche se lo staff insiste sul fatto che sia una scelta sportiva, diverse fonti riportano una decisione della dirigenza che avrebbe confermato gli Ultramarines dopo gli incidenti al ricevimento di Montpellier che: “Costil non indosserà più la maglia”.

Costil si è dimesso a fine stagione in panchina

Una decisione non unanime tra i tifosi del Bordeaux. Anche tra gli Ultramarine, che ancora non hanno rivelato prove di atti razzisti di Costil e Koscielny, il caso dell’ex Rennais è in discussione. “Gaetan è ritenuto responsabile per la situazione di Ben Costil, una fonte vicina alle analisi del club. Non c’entra niente. È sempre stato al top nel suo ruolo di numero 2. Non è colpa sua se lo è” è finita con Costil. Gioca e cerca di essere il migliore in ogni partita”. Il rapporto tra Benoît Costil e Gaetan Poussin è sempre stato molto buono e, nonostante l’età, il portiere del Le Mans è anche un giocatore che conta nello spogliatoio. “E’ uno dei leader, respiriamo. È lì da molto tempo. È un amante dei Girondini, sarà uno dei più colpiti se il Bordeaux dovesse crollare”.

Poussin dovrebbe essere tenuto a Nantes

Questa domenica a Nantes, Gaetan Poussin dovrebbe ripartire nella porta del Bordeaux, a meno che la situazione non cambi e l’opinione pubblica si capovolga. Se i Girondins venissero portati al piano terra, il portiere potrebbe unirsi al futuro progetto della Ligue 2 mentre ha ancora un anno di contratto. Benoît Costil dal canto suo continua ad allenarsi normalmente con la stessa professionalità. L’ex Caennais non comunica più con David Guion o il suo direttore sportivo Admar Lopes segno di una grande rottura. Rimane comunque a disposizione del club. Dopo cinque stagioni con i Girondins e 179 presenze, l’ex capitano dei Marine et Blanc sembra accontentarsi di chiudere la stagione in panchina. Con rimpianto.

di Nicolas Paolorsi a Bordeaux

Il 25% dei ristoranti ha già deciso di aumentare i prezzi

Formula 1 | “F1 22” annuncia la data di rilascio e molte nuove funzionalità