in

Il Monaco vince al Pireo contro l’Olympiakos e pareggia nei quarti di finale di Eurolega

Il Monaco è vivo e vegeto. Soffocata mercoledì all’inizio dei quarti di finale contro l’Olympiakos (54-71), la squadra del Principato ha ribaltato tutto venerdì al Pireo e ha vinto con ampio margine (96-72), segnando quasi il doppio dei punti rispetto a la prima partita a pareggiare nella serie (1-1) al meglio delle cinque partite. I monegaschi hanno ripreso il vantaggio del campo e hanno due gare casalinghe mercoledì 27 e venerdì 29 per convalidare il biglietto per le Final Four di Belgrado di fine maggio.

Tuttavia, ASM aveva iniziato male, sotto di dieci punti (6-16) nel primo trimestre. Ma con l’aiuto della panchina prima Dwayne Bacon (17 punti, 6 rimbalzi, 3 palle rubate), Paris Lee (8 punti, 4 assist), Donta Hall, Danilo Andjusic (19 punti, 5 rimbalzi), che non aveva giocato in Mercoledì e uno stratosferico Mike James poi (21 punti nel secondo tempo per il leader americano, 23 in totale su 5 su 8 dalla lunga distanza), il “Roca Team” ha imposto il suo ritmo e il suo indirizzo per entrare nell’ultimo quarto. con un vantaggio di 18 punti e si è assicurato il suo enorme successo negli ultimi cinque minuti.

20-0 prima dell’intervallo

Gli aggiustamenti fatti dall’allenatore serbo del Monaco Sasa Obradovic hanno dato i suoi frutti, la sua squadra, mercoledì a metà campo, questa volta attorno al pallone (assist) e ha trovato i tiratori aperti in fondo alla catena (13 su 26 da tre punti) ) sui capovolgimenti offensivi e anche sul tempo limite offensivo in diverse occasioni. Ha anche stabilito il ritmo e ha condensato la sua difesa per causare venti palle vaganti.

Dopo aver lasciato andare la tempesta ad inizio partita quando Moustapha Fall (6 punti, 5 rimbalzi, 2 stoppate) ha dominato la difesa, i compagni sono arrivati ​​a Yakuba Ouattara, che mercoledì non è entrato in campo e questa volta invece. al quinto posto di Alpha Diallo, forfait (problema muscolare), conquista palloni nel secondo quarto e trasforma la partita sul 20-0 nel secondo quarto in cinque minuti.

“Nel primo tempo sono stato un po’ passivo e poi sono tornato più aggressivo. Sarà una serie lunga”.

Fuori dal ritmo di mercoledì (2 punti), questa volta Dwayne Bacon ha trovato il bersaglio sulle iniziative individuali. Il Monaco ha addirittura aumentato il vantaggio (40-28) nell’intervallo dopo un tiro da tre punti sulla sirena prima di Andjusic.

Il nubifragio annunciato al rientro dagli spogliatoi non ha causato danni alla parte monegasca. Al contrario, è stato innescato da un eccezionale Mike James nel terzo quarto. Liberato, sicuro di sé, anche rubando palloni per chiudere in contropiede, il leader americano ha segnato sedici punti e sei canestri solo nel terzo quarto (contro due canestri nei primi sei quarti di serie), soprattutto un tre mani a otto metri di cui ha il segreto.

21 punti nel secondo tempo per Mike James

Niente di meglio per mandare in onda il Palazzo della Pace e dell’Amicizia e portare la sua squadra in vantaggio di 18 punti all’inizio dell’ultimo quarto (69-51). Un rimbalzo offensivo di Sacha Vezenkov, dovuto alla disattenzione di Hall, e tre tiri di Kostas Sloukas hanno regalato all’Olympiakos cinque tiri liberi per tornare in campo in quattordici minuti a sei minuti dalla fine.

Ma non abbastanza per trattenere le speranze di ritorno per i greci che sono stati nuovamente affondati dopo un altro tiro premiato di Mike James (79-60) all’inizio degli ultimi cinque minuti e poi un fallo antisportivo di Shaquielle McKissic a Donta Hall che ha eliminato i compagni di Moustapha Fall (96-72 alla fine), battendo solo per la seconda volta in questa stagione nella loro sala in Eurolega.

Il ritmo e la fiducia sono completamente cambiati per la doppia resa dei conti mercoledì e venerdì a Gaston-Médecin. † Sono stato un po’ passivo nel primo tempo e poi sono tornato più aggressivo. Sarà una lunga serie “Tuttavia, Mike ha avvertito James di tornare a Monaco.

Credito immobiliare: l’era dei soldi facili è definitivamente finita!

un messaggio devastante inviato a Elton John riemerge durante il processo