in

Incidente in kayak di Raphaël Ibañez: cosa sappiamo della tragedia che ha tolto la vita al suo amico

il necessario
Il dramma si è svolto lunedì nel nord-ovest della Spagna sul fiume Deva durante un viaggio in kayak. Raphaël Ibañez, manager del XV di Francia e il suo amico Fabrice La Barrière, hanno avuto un incidente che si è rivelato fatale

Raphaël Ibañez e il suo amico d’infanzia Fabrice La Barrière stavano tentando di discendere il fiume Deva nella Spagna nordoccidentale quando è avvenuto l’incidente mortale† La tragedia è avvenuta lunedì mattina, nei pressi del villaggio di La Hermida, dove è morto l’amico del manager del XV di Francia.

Le circostanze della tragedia

Il viaggio dei due amici è iniziato dal ponte nel villaggio di La Hermida, dove i testimoni hanno visto i due uomini prepararsi e mettersi in acqua, spiega il quotidiano regionale spagnolo. El Diario Montanes† Ed era a circa mezzo miglio di distanza che accadde la tragedia. Fabrice La Barrière cadde in acqua a causa delle forti correnti e non riuscì a risalire in superficie. Si dice che l’avvertimento sia stato dato alle 10:00 e, nonostante il dispiegamento di un importante dispositivo di salvataggio, il corpo dell’amico di Raphaël Ibañez è stato liberato dall’acqua alle 16:30. Come spiegato da un parente dell’ex giocatore di VX francese a Sud Ovestlui “ha fatto di tutto per salvarlo, ma inutilmente”.

Leggi anche:
XV di Francia: “Ha fatto di tutto per salvarlo, ma invano…” Raphaël Ibanez ha assistito alla morte dell’amico durante una gita in kayak

“Fabrice è caduto dalla sua barca ed è rimasto incastrato nei vortici sotto una roccia e dei rami. È annegato. Raphaël era seduto accanto a lui”, ha spiegato ai nostri colleghi del Blues un buon amico del manager parigino

Il dispositivo importante in atto

Un consistente sistema investigativo è stato istituito sotto l’autorità della Guardia Civil spagnola, spiega: Sud Ovest. Sul luogo della tragedia due elicotteri. È stato necessario utilizzare una gru per rimuovere i tronchi e i rami che si erano accumulati vicino al corpo, che si trovava intorno alle 15:00. Eppure, secondo i nostri colleghi, un gruppo di sommozzatori della Guardia Civil è intervenuto con agenti specializzati in interventi in montagna per recuperare dall’acqua il corpo senza vita di Fabrice La Barrière.

Senza guida e “senza la giusta attrezzatura”

Il Deva, che scorre in questa zona montuosa della Spagna, è stato particolarmente mosso negli ultimi giorni, spiega l’outlet. il commercio† Principalmente a causa del significativo scioglimento della neve nel fine settimana che ha portato alla tragedia.

“E’ stato sconsiderato da parte loro andarci senza accompagnatori e senza l’attrezzatura giusta. È una zona molto difficile, bisogna essere esperti”, ha detto il parigino il vicepresidente di Acanta, associazione che riunisce i professionisti del turismo della regione. “Il settore è aperto dal giovedì alla domenica per essere sicuri dei soccorsi e delle associazioni se necessario”.

“Molto scioccato”, hanno detto i nostri colleghi, Raphaël Ibañez non ha voluto parlare pubblicamente delle circostanze di questa tragedia. È ancora in Spagna e organizza il rimpatrio della salma dell’amico in Francia.

Pazzo, questo piano mobile da 100 GB è completamente gratuito per 2 anni

Test Ninebot by Segway D18E: un monopattino elettrico per brevi tragitti