in

Ligue 1 – Il PSG si avvicina ai campioni di Francia dopo la vittoria ad Angers (0-3)

Il PSG deve aspettare ancora qualche giorno. Tuttavia, il club della capitale lo ha fatto in gran parte contro l’Angers e ha vinto senza tremare allo stadio Raymond-Kopa, grazie in particolare al 22esimo gol di Kylian Mbappe in Ligue 1 (0-3). Ma allo stesso tempo, L’Olympique de Marseille ha lottato per vincere contro il Nantes al Vélodrome (3-2), che ha l’effetto di ritardare l’incoronazione dei parigini, che mantengono un vantaggio di quindici punti a cinque giorni dalla fine.

Ad ogni modo, i vertici del PSG non avevano programmato festeggiamenti in caso di conquista del titolo di campione di Francia. Hanno anche assicurato che non sarebbero interessati al risultato del faccia a faccia tra Marsiglia e Nantes, quando potrebbe determinare l’esito del campionato. All’arrivo abbiamo piuttosto apprezzato l’immensa concentrazione degli uomini di Mauricio Pochettino. Come e sulla scia di un affamato Kylian Mbappé, hanno avuto una partita molto, molto seria quando, al contrario, Angers ha mostrato troppa passività per sperare in qualcosa. Come bonus, hanno perso rapidamente Sofiane Boufal, colpito ai muscoli posteriori della coscia (14°), quando gli è stata data una grande opportunità, fermato da Keylos Navas (5°).

Concorso 1

Navas sulla sua “situazione complicata”: “Deve cambiare”

UN’ORA FA

Stavolta torna Neymar: ‘Non va seppellito’

Mbappe si occupa ancora di tutto

Se il ritmo non ha mai raggiunto il picco, succedeva qualcosa ogni volta che Mbappé toccava la palla. Ed è proprio lui ad aprire le marcature, dopo l’uno-due con Achraf Hakimi, con un gol inarrestabile (0-1, 28°). Sergio Ramos, titolare in difesa a tre, ha ricordato i nostri bei ricordi e ha battuto di testa un corner perfettamente battuto da Angel Di Maria (0-2, 45° + 2). La leggenda spagnola ha rafforzato la difesa in zona SCO, quando c’erano già due diffide su calci piazzati, di Thilo Kehrer (7°) e Marquinhos (27°).

Ancora due gnocchi: perché Donnarumma e Lopez hanno la febbre che mai

Il PSG ha quindi trascorso una serata più che tranquilla in questa gita sul prato della SCO, troppo limitato per scuotere davvero Navas e la sua famiglia. Potrebbe esserci stato un senso di ribellione quando l’arbitro ha segnalato per la prima volta il dischetto per un presunto fallo di Kehrer nella sua area, decisione prontamente annullata dal VAR (68°). Ma abbiamo visto più di una dimostrazione offensiva del PSG, che ripetutamente non è riuscito a contribuire al punteggio (55°, 64°, 65°, 75°, 76°). Lo fa finalmente Marquinhos su cross di Di Maria che potrebbe essere ripreso da due suoi compagni, segno degli errori di Anjou in difesa (0-3, 77°).

Di certo il PSG non è ancora ufficialmente campione di Francia per la decima volta nella sua storia. Ma ci vorrebbe un disastro senza precedenti per vedere OM derubarlo del primo posto al traguardo (5 sconfitte per uno, 5 vittorie per l’altro). Appuntamento a priori per il ricevimento di RC Lens al Parc des Princes, in programma sabato. E questa volta il club ha potuto anticipare la festa.

Concorso 1

PSG senza Messi, Verratti e Kimpembe ad Angers

IERI ALLE 11:34

Concorso 1

Donnarumma, quaranta giorni all’inferno

18-04-2022 alle 16:03

Liga – Aspettando il Barça, Real Madrid vicino allo scudetto dopo il successo all’Osasuna (1-3), Benzema muto

I browser Brave e DuckDuckGo colpiscono Google dove fa male