in

Marcus Smart nominato difensore dell’anno NBA 2021-22!

ALBERO! Appena il tempo di riprendersi da un primo weekend colorato che la NBA si sta già rimboccando le maniche da quando il grande vincitore della corsa al Defender of the Year 2021 è stato annunciato pochi minuti fa. -22. Marcus Smart eredita così il prezioso premio e diventa la prima posizione 1 ad essere così premiata da 26 anni e un certo… Gary Payton.

È stato uno degli ultimi tre blocchi che potrebbero vincere questo DPOY 2021-22, insieme all’ala dei Suns Mikal Bridges e al perno del jazz francese Rudy Gobert, e quando una tale ricompensa può innescare dibattiti per ore, giorni o addirittura anni, cade più in la categoria delle distinzioni logiche. I due amici non sarebbero stati immeritati ad essere onesti, ma l’annata Smart 2022 è stata deliziosa e questa volta è supportata da statistiche collettive che non possiamo attaccare, così come è stato difficile attaccare Marcus quest’anno. Miglior difesa NBA in punti contro, seconda miglior difesa NBA in rating difensivo, insomma in questa stagione la difesa di Boston era a posto e Marcus Smart non è per niente, anche se il lavoro dell’allenatore esordiente Ime Udoka e i progressi di Robert Non dovrebbe mancare nemmeno la Williams III.

Mikal Bridges un po’ corto, ma qualcosa ci dice che lo sarà presto, Rudy Gobert che paga a caro prezzo i risultati irregolari del Jazz e una difesa spesso disperata nonostante la sua presenza nel racket, Rudy Gobert, che apprendiamo dai dettagli delle votazioni (vedi sotto) è un terzo fragile e quindi non raggiungerà un quadruplo storico in questa stagione.

Perché il cane dei Celtics in questa stagione era troppo forte, troppo intenso, troppo intelligente, tutto il tempo, e questo trofeo viene finalmente premiato anche per tutto il suo lavoro, colui che ha colto con passione il ruolo del polmone difensivo di Boston per quasi un decennio. Marc Intelligent, membro della All-NBA Defensive First Team nel 2019 e nel 2020, punterà quindi al primo trofeo per playmaker dal 1996, come un certo Gary Payton, The Glove è venuto personalmente ad annunciare la notizia a Marcus e che , deve essere necessariamente qualcosa che conta nella carriera di un giocatore NBA:

Primo playmaker pluripremiato in 26 anni, terzo solo in oltre 30 anni con Kawhi Leonard e Gary, l’impresa è notevole in questo mondo di bestie enormi e sicuramente punta al cuore che Marcus ha messo in tutta la stagione, lui che ha mangiato circa il 120% dei migliori attaccanti NBA e ha fatto un sacco di cazzate grazie alla sua energia e a un corpo nato per il wrestling e resistenza. I dettagli delle votazioni? È appena sotto, dove ci rendiamo conto che il divario con Bridges è abbastanza grande da urlare a una possibile cospirazione. No, scusate ragazzi, non quest’anno.

Classifica DPOY 19 aprile 2022

Le nostre congratulazioni al signor Marcus Smart che ha messo il suo nome nella lista DPOY per questo motivo e considerando la sua carriera diciamo solo che è qualcosa di totalmente logico e meritato. Un colpo nell’acqua per Rudy Gobert, ma motivazione in più per la stagione pro, e prima di tutto per i Play-off, perché lui, come Bridges, Adebayo, Jackson o Giannis, ha la possibilità di mostrare molto rapidamente agli elettori “perché essere fuorviato”.

Meghan Markle: Scopri il prezzo del suo abito corto per la sua ultima apparizione a sorpresa agli Invictus Games

MARTEDI’ 19 aprile per ogni segno zodiacale, le sorprese di questa giornata