in

MotoGP Portogallo Marc Marquez a testimoniare: “A volte non vuoi svegliarti e andare ad allenarti”

È una piccola frase che Marc Marquez ha lasciato cadere quando è arrivato a Portimao che ha rivelato che per quanto abbagliante possa sembrare, l’otto volte campione del mondo non è inossidabile. Da poco più di due anni accumula problemi fisici, continua a cadere pesantemente e finisce ogni giorno nella speranza che l’inizio del prossimo non riveli il ritorno della doppia visione, mentre se non parla più del suo braccio destro, ha comunque lasciato la sua amata Catalogna per stabilirsi a Madrid e confidarsi con l’équipe di medici che ha ricostruito il tennista Nadal. Quindi sì, tutto ciò logora l’uomo, nel suo corpo e nella sua testa…

Marco Marquez è un vero esempio di tenacia, l’incarnazione fisica del concetto di brio e senza dubbio uno dei migliori atleti del mondo che mostra come questi individui siano ben oltre i semplici mortali. Ma essenzialmente è umano e tutto ciò che ha passato dal suo incidente a Jerez nel 2020 pesa su di lui. E tanto più dal momento che nulla sta andando normalmente. Continuano le cadute, tornano gli infortuni e la Honda, seppur rivisitata, non c’è ancora.

Marco Marquez

‘Nella sua testa Marc Marquez ha capito che non era più fatto di gomma’

Ha anche invitato il marchio a aiutalo a trovare le vette† Tuttavia, il tempo passa e le esperienze morali scendono in sospeso. Una fluttuazione che Marco Marquez molto onestamente riconosciuto prima di iniziarla Gran Premio del Portogallo certo che se va bene e se vinci una gara dopo l’altra o arrivi sempre sul podio è facile trovare la motivazione ed è anche facile allenarsi. È un po’ come avere il doppio dell’energia che circola nel corpo

E specifica: Tuttomotoriwebma quando i momenti difficili arrivano e durano allora devi fare del tuo meglio, lavorare sodo perché a volte non vuoi svegliarti e andare ad allenarti ma è esattamente quello che devi fare ed è quello che faccio io E conclude: quindi dovresti cercare di ricordare i bei tempi per conquistarli in futuro

A questi commenti aggiungiamo quelli di: Daniele Petrucci sicuro GPone con cui si è incrociato Marco Marquez nel paddock di Austin: Gli ho parlato sabato, è venuto a salutarmi dopo la prima gara di MotoAmerica. Mi ha detto che era molto stanco, aveva gli occhi rossi e si vedeva che soffriva molto† Mi ha detto che aveva problemi al braccio e non era stato allenato adeguatamente. In MotoGP oggi stanno tutti bene, ho capito che Marquez è il fenomeno. È possibile, ma non so se è ancora così oggi. Nella sua mente si rese conto che non era più fatto di gomma. Il Marquez di tre anni fa e quello di oggi sono diversi

Marc Marquez (Foto Ansa)

L’Arsenal alza il prezzo di Saliba!

opposizione dei giocatori, possibili sanzioni da parte di ATP e WTA… Cosa c’è da sapere sull’esclusione dei giocatori russi e bielorussi dal torneo