in

Nancy corregge Saint-Chamond e mantiene la speranza per il titolo

Avremmo fatto bene senza questa sconfitta, dalla parte di SCBVG. Il leader è stato corretto (71-86) dal suo secondo classificato, SLUC Nancy, a Halle Boulloche. A quattro giorni dalla fine della stagione regolare, il Nancy è solo una piccola vittoria dietro (22 successi contro 23 per gli avversari della sera) sui giocatori di Alain Thinet. I Lorena hanno imposto la loro dimensione fisica ai Couramiauds, Mathieu Boyer (22 punti, 11 rimbalzi) è stato l’unico a poter reagire per gran parte della partita. Limitato a uno scarso 5/24 da 3 punti, Saint-Chamond è stato soffocato dallo sforzo difensivo dello SLUC. Abbastanza per dare ritmo in tutto il campo a Caleb Walker (23 punti, 28 valutazioni), Mathis Keita (14 punti e 10 assist per 28 valutazioni) o Stéphane Gombauld (15 punti, 18 valutazioni): pericolo dappertutto dalla squadra di Sylvain Lautié . Saint-Chamond, che sicuramente pensava di finire il lavoro più facilmente, ora subirà la pressione: sarà necessario evitare tutti i passi falsi degli ultimi quattro giorni. Perché Nancy arriva ben lanciata…

Chalon riconquista la vittoria

A completare il podio troviamo ADA Blois (18 vittorie e 11 sconfitte). Se non possono sperare di salire più in alto in classifica, la vittoria per 81-69 al Jeu de Paume contro Denain consentirà loro di consolidare il loro posto sul terzo gradino del podio. I Blésois attesero fino all’ultimo quarto d’ora per respingere finalmente i draghi denaisiani (21-13). L’ultimo nuovo arrivato Kentan Facey è stato prezioso (14 punti e 7 rimbalzi e 17 valutazioni). Non è l’unico ad essersi distinto per l’ADA. Timothé Vergiat è stato fondamentale, uscito dalla panchina dalla cima delle sue 20 unità (7/12 tiri di cui un 6/9 molto netto da tre punti) e la sua 17 valutazione. Clément Frisch, il giovane forte esterno in prestito dallo Strasburgo, ha segnato 17 punti su 8/14 ai tiri.

In quarto luogo, Elan Chalon ha sconfitto l’Aix-Maurienne 87-65 al Colosseo per terminare la loro serie di cinque sconfitte consecutive. Ancora una volta abbiamo dovuto aspettare la seconda parte di gioco per vedere Chalon prendere il controllo del gioco (23-11 negli ultimi dieci minuti). Gli uomini di Maxime Pacquaut hanno penalizzato gli ospiti troppo tolleranti (26/37 per Elan sui 2 punti) nel racket. I Burgundi hanno contato sul loro leader Desi Washington (21 punti, 18 valutazioni), un sanguinante Mickaël Gelabale per il suo ritorno (18 punti e 6 rimbalzi e 28 valutazioni) ma anche su Rolands Freimanis (18 punti su 8/18).

Vichy, come Blois, ha avuto paura a lungo prima di riprendersi alla fine del match. Contro una squadra di Rouen che era già stata retrocessa in National 1 ma vuole concludere bene la propria stagione, la JAV ha vinto 87-80 sul campo. Per molto tempo, l’RMB di Lucas Bourhis (25 punti) è stato in testa alla classifica. Ma i problemi di sporco di Filip Adamovic – visibilmente infortunato al ginocchio durante una penetrazione nei momenti finali della partita -, Marcus Gomis e Brice Dessert hanno avuto un impatto negativo sulla squadra di Ludovic Pouillart, che ha presentato una rotazione ridotta (Benoit Injai è stato decaduto per infortunio al polso). Dopo una brutta partenza (2-14), Vichy – privo anche di diversi giocatori (Bronchard, Ceci-Diop e Fisher) – ha alzato il livello di gioco e si è schierato dietro a Dominez Burnett nella fornace e al mulino (25 punti su 7 /11 al tiro, 9 rimbalzi, 6 assist per 33 valutazioni) a fare la differenza nell’ultimo quarto. Vichy è ancora bene tra i primi 9 con 16 vittorie per 13 sconfitte.

Il resto della 30a giornata di Pro B si giocherà a mezzogiorno di domenica 24 aprile.

I risultati delle partite della Pro B di venerdì 22 aprile:

  • San Chamond vs. Nancy : 71 – 86
  • blois contro Denain: 81 – 69
  • Vichy-Clermont contro Rouen: 87 – 80
  • Chalon-sur-Saône contro l’Aix Maurienne: 87 – 65

I commenti di Matthieu Delormeau sull’affare Delphine Wespiser suscitano indignazione in Touche pas à mon poste (VIDEO)

il programma completo di sabato 23 aprile con Olivia Ruiz e il rapper Laylow