in

Nizza conquista Lorient grazie ad Andy Delort

In attesa della classica tra il Paris Saint-Germain e l’Olympique de Marseille (un incontro da seguire in diretta con commento sul nostro sito FM dalle 20:45.), la 32a giornata di Ligue 1 è proseguita questa domenica alle 13:00. All’Allianz Riviera, l’OGC Nice (6°, 51 punti) ha ricevuto l’FC Lorient (16°, 31 punti) in un incontro con sfide diverse per le due squadre. Vantando il minor numero di vittorie dalla vittoria sul club della capitale il 5 marzo (1-0), la Palestra, battuta a secco dall’RC Lens lo scorso fine settimana (0-3), è riuscita comunque a tornare ai piedi del podio per caso di vittoria. Vincitori nella generosità dell’ASSE (6-2) il giorno precedente, gli Hakes, dal canto loro, hanno avuto la possibilità di fare un grande passo verso il mantenimento.

Cosa viene dopo questo annuncio

Per questo incontro, privo di Dante, Lemina, Schneiderlin, Claude-Maurice o anche Atal, Christophe Galtier ha mantenuto il suo tradizionale 4-4-2 piatto in cui Kluivert, Stengs, Gouiri e Delort formavano il quartetto d’attacco del Nizza. Christophe Pélissier dal canto suo ha optato per un 3-4-3. In assenza di Le Fée, Innocent e Abergel costituivano il doppio perno. Presente al fronte dell’attacco di Lorient, Soumano è stato raggiunto da Moffi e Laurienté, attratti alle ali. Sotto il sole della riviera, però, questo duello si svolse lentamente. Padrona del possesso palla, ma amorfa dal punto di vista offensivo, la Palestra non è riuscita a destabilizzare il blocco dei visitatori nella prima mezz’ora. Più acuti nel corso dei minuti, i nizzardi sono stati più pericolosi poco prima dell’intervallo, ma né Kluivert (35°, 43°), né Delort, che flirta con il palo sinistro di Les Merlus (45+1°), non hanno ingannato la vigilanza di Dreyer.

Andy Delort veste OGC Nice nella corsa per l’Europa!

Il club della Riviera è stato trattenuto nell’intervallo ed è tornato con lo stesso intento offensivo della fine del primo atto. Spostandosi a sinistra, Kluivert è tornato con il piede destro ma alla fine ha visto il suo tiro andare ben oltre la porta del Lorient (48°). Molto più presenti nel territorio dell’avversario, gli Aiglon spinsero il Merlus al limite e sarebbero logicamente ricompensati. Nella propria area dopo un duello con Thuram, Jenz ha offerto un rigore al Nizza, che Delort ha trasformato con calma (1-0, 54°). Grazie al suo 11esimo gol in Ligue 1, l’ex attaccante dell’MHSC ha liberato la sua squadra. Una gioia di breve durata, invece, per gli Aiglon, che molto rapidamente hanno raggiunto il punteggio. Autore di una brillante corsa solitaria dopo uno stint con Le Goff sulla sinistra, Laurienté ha agganciato Stengs e ha ingannato Benitez con un rasoterra a destra (1-1, 61°).

Indossato da questo pareggio, il popolo di Lorient ha persino pensato di passare in vantaggio. Servito in profondità da Abergel, Moffi ha eliminato la fascia di capitano della Riviera e ha concluso con un duro tiro a porta vuota, ma l’arbitro alla fine è tornato in posizione di fuorigioco all’inizio dell’azione (64esimo). Con l’avvicinarsi degli ultimi quindici minuti, i due tecnici hanno apportato alcune modifiche con gli ingressi di Monconduit e Koné per l’FCL e le apparizioni di Bard, Boudaoui e Dolberg sul lato Nizza. Nonostante le pressioni del Nizza negli ultimi minuti, come questa pericolosa rimonta di Dolberg (87°), il Nizza non è riuscito a fare la differenza. Ma negli ultimi istanti l’immancabile Delort è riemerso per regalarsi un doppio colpo di testa (2-1, 88°) e consentire alla sua squadra di ottenere un prezioso successo (2-1) nella corsa all’Europa. Una vittoria che permette alla Palestra di salire al 4° posto. Dal canto suo, l’FCL resta 16° di tre piccoli passi sul posto playoff attualmente occupato da Clermont

Le formazioni ufficiali al calcio d’inizio

L’XI dell’OGC Nizza

L’XI dell’FC Lorient

In Arabia Saudita, il modello maschile che mescola i generi

Jacques e Gabriella di Monaco invitati allo spettacolo delle scuole di circo dell’Ucraina con la principessa Stéphanie e le sue figlie