in

OM: Harit, il fantastico mea culpa di Sampaoli – Calcio

In una conferenza stampa questo venerdì, Jorge Sampaoli ha ammesso di aver commesso un errore con Amine Harit. Usato poco durante la stagione, il trequartista dell’OM ha fatto un clamoroso ritorno nell’XI olimpico per diverse partite.

OM: Harit, il

Sampaoli è stato un po’ troppo duro con Harit in questa stagione

Questo si chiama ritorno alla grazia. Amine Harit, evitata da Jorge Sampaoli in questa stagione, potrebbe aver pensato per un po’ che la sua esperienza all’Olympique de Marseille si sarebbe trasformata in un fiasco. Ma il giocatore preso in prestito dallo Schalke 04 ha invertito nuovamente la tendenza a giocare con la maglia olimpica nelle ultime settimane.

Sampaoli ammette un errore

Interrogato venerdì in conferenza stampa sul ritorno del 24enne trequartista ai suoi piani, Sampaoli ha fatto il suo mea culpa. L’allenatore del Marsiglia ammette di non essere stato abbastanza paziente con il suo giocatore. A volte gli allenatori non si prendono il tempo necessario per alcuni giocatori meno fortunati. È una mia responsabilità, a volte non sapevo come sfruttare Amine Harit ha confessato El Pelado ai giornalisti.

Sapevamo che tipo di giocatore era, ma ho perso la pazienza con alcuni degli errori che ha commesso e l’ho allontanato dal gruppo, ha continuato. È una specie di giocatore di squilibrio che non vediamo molto al mondo in questi giorni, sta a me sapere come sfruttarlo. Parole rare sulla bocca di un allenatore. E senza dubbio daranno un po’ più di fiducia all’ex giocatore del Nantes.

Harit era scomparso dal radar

Da titolare in quattro delle sue prime sei partite all’OM a settembre, Harit ha iniziato bene a Marsiglia. Prima che scompaia dalla circolazione. Dall’inizio di ottobre alla fine di febbraio, il nazionale marocchino ha avuto solo quattro partite da titolare e raramente finite. Quanti osservatori si devono interrogare sulla scelta di aver reclutato l’estate scorsa il residente di Pontoise.

Mentre il presidente del Marsiglia Pablo Longoria aveva fatto di tutto per portare Harit, alla fine il suo allenatore non sembrava fidarsi di lui. Fino a questo mandato contro il Brest (4-1), il 13 marzo in campionato. Autore di un gol e di un passaggio decisivo in Bretagna, l’olimpionico è tornato sulle piccole carte del suo allenatore, che da allora lo ha titolare cinque volte in otto partite. Potrebbe essere ancora così domenica (20:45) a Reims.

Cosa ti ispirano le parole di Sampaoli? Non esitate a commentare e discutere in zona Aggiungi un commento

“Perché veniamo ripresi?” : Fabienne Carat rivela accidentalmente il volto di sua figlia Celeste

una murena in un inquietante giardino dell’Eden