in

OM in semifinale di Europa League Conference dopo la vittoria in Grecia

Gli era stato promesso l’inferno in uno stadio bollente. Come a Basilea, i marsigliesi se la cavarono in territorio ostile, a Salonicco. Vittoria per 1-0, giovedì 14 aprile, grazie al gol di Dimitri Payet (35°), perfettamente servito da Matteo Guendouzi. Un successo, unito a quello dell’andata (2-1) che permette agli olimpionici di entrare nelle semifinali del congresso di Europa League. Una vittoria grazie alle ottime prestazioni di Steve Mandanda e Dimitri Payet, i due capitani del Marsiglia in questa stagione.

Il Fenomeno aveva annunciato il colore in conferenza stampa pre-partita. “Giochiamo per andare fino in fondo”, ha annunciato lo storico portiere di OM. E dice che Steve Mandanda ha messo le parole nei fatti. Con cinque parate, il portiere ha mantenuto la porta inviolata per uno Stade de la Toumba in fusione che stava esultando.

Ma nel frustrare gli attaccanti greci, Mandanda non ha mancato ai tifosi la gioia di festeggiare un gol e di credere nelle qualificazioni. Al contrario, li disgustava. Fin dall’inizio del match, ancora sopraffatti dal fumo dello spettacolo pirotecnico proposto all’ingresso dei giocatori, Bianconero ha fatto di tutto per aprire le marcature e tornare alla parità nel doppio confronto. Ma Chuba Akpom e poi José Crespo sono caduti su un muro (10°).

Soste che hanno permesso ai marsigliesi di superare la tempesta senza incidenti. Interpretando perfettamente il parafulmine, Steve Mandanda, che si è incontrato per la terza volta consecutiva per la prima volta da fine agosto, si è offerto un’altra parata prima dell’intervallo. Ancora decisivo al termine del match, il giocatore con più presenze nella storia della Coppa dei Campioni con un club francese (99 presenze) ha realizzato un’altra partita perfetta, tanto da riaccendere il discorso sul suo posto da titolare. E per tornare ai Mondiali?

È stato un altro veterano di lunga data a mettere in orbita gli olimpionici per ottenere questa qualificazione. Per la sua 293esima partita con l’OM, ​​Dimitri Payet è uscito con un ottimo tempo per il Marsiglia dopo gli attacchi del primo quarto salvati dal suo capitano. Un vero lavoro di squadra.

Il suo quattordicesimo gol in tutte le competizioni nella sua stagione più prolifica della sua carriera a 35 anni. Già marcatore dell’andata, con un missile guidato nel lucernario di Alexandros Paschalakis, i Reunions lo hanno fatto di nuovo, ben servito da Matteo Guendouzi. Secondo miglior marcatore per il suo club in questa stagione e miglior passante, Payet è pienamente nel sistema di Jorge Sampaoli, in tribuna per questo ritorno dei quarti di finale.

Steve Mandanda, che dovrebbe così disputare la sua 100esima partita europea con la maglia olimpica, e Dimitri Payet si qualificano in finale contro l’olandese del Feyenoord, con un ritorno al Vélodrome. Per un’altra semifinale europea nella storia del club olimpico.

È qui che tutto ha inizio (spoiler): la prigioniera Marta mette in pericolo la vita di Theo e Célia

Il comportamento di Fanny e Jérémy è fuori luogo con i twitto