in

PSG: Cayzac ringrazia il Qatar… e manda un messaggio ai tifosi

Se alcuni sostenitori non hanno esitato ad esprimere il loro sgomento per l’andamento del progetto guidato da QSI, questo non è il caso di Alain Cayzac. L’ex presidente del Paris Saint-Germain (2006-2008) ritiene che l’attuale dirigenza stia facendo un ottimo lavoro per mantenere il club della capitale in testa al canestro.

PSG: Cayzac ringrazia il Qatar... e manda un messaggio ai tifosi

Alain Cayzac rimane un convinto sostenitore del PSG.

A poco più di dieci anni dal suo arrivo al Paris Saint-Germain, QSI è a una svolta nel suo progetto. Coeso e molto efficace all’inizio, negli ultimi anni ha preso una botta nonostante abbia raggiunto la finale di Champions League nel 2020. Comportamento da star, reclutamento, stile di gioco, molti argomenti irritano alcuni tifosi. Altri sono molto più compiacenti, l’immagine di Alain Cayzac.

Uno sviluppo quasi perfetto per Cayzac

Ex presidente del vicecampione di Francia (2006-2008), l’inserzionista rimane un convinto difensore degli attuali dirigenti. Potrei sorprenderti, ma sono super positivo. Ai miei tempi giocavamo la Coppa di Lega e ora la Coppa dei Campioni. Non c’entra più niente e questo grazie ai qatarioti. Non è che abbiamo lavorato male prima, c’erano fondatori come Borelli e Hechter. Ma le risorse e l’intelligenza con cui è stato costruito questo club in dieci anni sono per me sorprendenti ha detto l’uomo d’affari in un accordo di intervista Europa 1.

Ora siamo diventati una franchigia mondiale quando eravamo ancora un buon club. Siamo un club giovane, 50 anni di storia non sono niente e dieci anni con i qatarini non sono molti. Ovviamente ci sono ancora molti progressi da fare, ci sono cose che potrebbero essere migliorate, ma ieri ho avuto un incontro al PSG sulla mossa di Poissy. Uno spazio di 74 ettari per allenamenti e per medici, per giocatori professionisti, sarà fantastico ha continuato il residente di vreux, felice dell’evoluzione del club.

Cayzac non capisce i sostenitori

Di conseguenza, il principale stakeholder non è necessariamente d’accordo con le ire di alcuni tifosi nelle ultime settimane, che non hanno esitato a mostrare il proprio sgomento fischiando in particolare Lionel Messi e Neymar oltre ad accoltellare la dirigenza. Io, non capisco c’è un foss. Non ho mai capito perché le persone si arrabbiano. Siamo in famiglia. Io, ora vorrei supportare il PSG disse l’uomo di 80 anni.

E la notte in cui il Real ha perso, ho inviato messaggi a Nasser, Leonardo, Jean-Claude Blanc. Oggi sono con loro, qualunque cosa accada. E quando ero presidente, devo ammettere che i tifosi erano un po’ come me. Non solo all’epoca avevamo risultati molto positivi, ma ci stavamo anche avvicinando alla discesa. E quando ho fatto appello alla santa unione, i sostenitori sono venuti 45.000 contro Nantes, contro Auxerre , ha ricordato Cayzac. Altro contesto, altra epoca.

Cosa ne pensi dei commenti di Alain Cayzac? Non esitate a commentare e discutere in zona Aggiungi un commento

Isabelle Morini-Bosc: questa umiliazione che ha vissuto… quando ha incontrato Elisabetta II

Bacio pubblico e lacrime di felicità: Harry e Meghan danno spettacolo per l’apertura degli Invictus Games