in

Sci alpino. Alla Sfida dei monitori ci sono anche i vecchi al cancello

Non hanno più le gambe da ventenne, ma la motivazione è intatta. In effetti, sono almeno tre volte più vecchi. Nell’Instructors’ Challenge, che si svolgerà fino a sabato 23 aprile a Vars, gli istruttori più esperti gareggiano al Gaston-Cathiard Memorial. Con diverse ambizioni. “È il divertimento, la passione per lo sci che ci motiva. E poi la gioia di incontrare amici di altre località”, ride dietro la folta barba Christophe Bossert, istruttore dell’ESF ad Arc 1800 (Savoia). A 65 anni, sembra quasi il giovane leader del “Cathiard”, da quando Marcel Chapelon, il decano del corso, dell’ESF a Vars, è nato nel 1934!

“Ti permette di mantenerti in forma, di tenerti aggiornato sulle attrezzature, di aggiornare un po’ tutto ciò”, dice Claude Emonet, che insegna a Praz-sur-Arly (Alta Savoia).

Elisabeth Meynet (ESF Les Orres) si scalda nell’area di partenza. All’età di 62 anni, sente aumentare la pressione per l’inizio. “Generalmente liquefatto, quindi non mi diverto molto durante la gara. Ma mi permette di sfidarmi un po’ e di non perdere la pazienza troppo. †

I PERIODI DELLA GIORNATA

Veterani maschi 1: 1. Gabriel Rivas (ENSA); 2. Mathieu Hustache (FSE Les Menuires); 3. Steve Missillier (FSE La Clusaz).

Veterani maschi 2: 1. Antoine Dubourgeal (FSE Combloux); 2. Sebastien Pichot (FSE Courchevel 1850); 3. Alexandre Anselmet (FSE Valmeinier).

Veterani maschi 3: 1. Gregory Guignier (ENSA); 2. Jérôme Schandène (FSE Alpe d’Huez); 3. Julien Boulanger (ESF Courchevel 1550).

Signore del telemark: 1. Laura Grenier Soliget (FSE Samoens); 2. Julie Roubin (FSE La Norma); 3. Huguette Braisaz (FSE Les Saisies).

Telemark uomini: 1. Philippe Lau (FSE Méribel-les-Allues); 2. Antoine Bouvier (FSE Les Contamines); 3. Adrien Eymard (FSE Font d’Urle).

Donne commemorative di Gaston Cathiard: 1. Muriel Jay (ESF Les Menuires); 2. Danielle Besson (ESF Les Menuires); 3. Françoise Berthet (FSE Alpe d’Huez).

Monumento Gaston Cathiard uomini: 1. Daniel Collomb-Patton (FSE La Clusaz); 2. Pierre De Kinkelin (FSE Serre Chevalier Chantemerle); 3. Claude Baringo (FSE Serre Chevalier Villeneuve).

Monitoraggio dei bambini: 1. Catherine Cousin (FSE Val d’Isere); 2. Elizabeth Meynet (FSE Les Orres); 3. Brigitte Noyrey (FSE Alpe d’Huez).

Signore 4: 1. Ophélie David (FSE Alpe d’Huez); 2. Sandrine Mollard (FSE Les Contamines); 3. Karine Brunet (FSE Les Agudes).

Signore 5: 1. Anne Pauget (ENSA); 2. Muriel Jay (ESF Les Menuires); 3. Maryse Duc (FSE Les Saisies).

“È legittimo venire a fare il tifo per loro”

Ai margini della pista, non ci sono solo le volpi argentate a spingere questi coraggiosi concorrenti. Anche i giovani sono lì per dare voce. “Erano presenti quando abbiamo iniziato, quindi è legittimo venire a fare il tifo per loro”, assicura Vincent, istruttore dell’ESF a Lioran, nel Cantal.

Più avanti lungo il percorso, una dozzina di giovani istruttori di La Clusaz (Alta Savoia) aspettano i loro puledri. “La base della Challenge è condividere i momenti divertenti durante la settimana, indipendentemente dall’età”, conferma Albin Pessey. “È un grande piacere venire a fare il tifo per i nostri presidi, come fanno quando è il nostro turno di correre. E poi hanno le patatine fritte, quasi più di noi! Gestiscono bene la pressione e poi la bevono, proprio come noi. †

Un rispetto reciproco e una solidarietà che fanno il sale della Sfida!

perché i prezzi dei pacchetti stanno aumentando

5 club per un brivido totale… Chi ha il programma migliore/peggiore per conquistare il 3° posto?