in

Sci alpino. Sacha Fivel vince l’Instructor Challenge a Vars

Ha aspettato lunghissimi minuti. Sotto la neve. Fradicio, stressato ma felice. Installato sulla grande poltrona di legno rossa del leader, Sacha Fivel ha dovuto attendere gli ultimi passaggi per godersi. Per la sua prima partecipazione, il Mauriennais di Albiez, 24 anni da una settimana, in rappresentanza dell’FSE di Norma, è il re della 70a Sfida dei monitori a Vars. Tre anni fa, in Val Cenis, ha assistito all’incoronazione di Alexandre Anselmet (che ha partecipato alla sua ultima Challenge nelle Hautes-Alpes). Il titolo di campione di Francia per istruttori rimane così a Maurienne.

Questo contenuto è stato bloccato perché non hai accettato i tracker.

Clicca su ” Accetto “i traccianti vengono depositati ed è possibile visualizzarne il contenuto

Clicca su “Accetto tutti i tracker”acconsenti al deposito di traccianti per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni a fini di personalizzazione e targeting pubblicitario.

Hai la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte


Buffet e Alliot-Lugaz sul palco

Ed è difficile da realizzare. Lui, il gigante e discensore che si è evoluto al suo miglior sesto posto in superG la scorsa stagione sul circuito di Coppa dei Campioni e abbinato a Sella Nevea, è stato impeccabile in questo slalom molto speciale, su una pista molto vuota. Figlio di Christophe, un ex discesista degli anni ’90 Le Savoyard, 32° nel primo atto con il numero di partenza 77, ha poi fatto il lavoro nella seconda manche vincendo davanti a due specialisti della pole, Robin Buffet (ESF La Clusaz), ex vincitore della Coppa del Mondo, e il Savoiardo di Notre-Dame-de-Bellecombe Baptiste Allioz-Lugaz. I favoriti come Thomas Mermillod-Blondin, Gaby Rivas o Alexandre Anselmet hanno commesso un errore e hanno lasciato il campo aperto alla giovane guardia.

I risultati

>>> I risultati del gran finale

>>> Il Gran Finale di ESF

>>> La sfida delle prestazioni

Questo contenuto è stato bloccato perché non hai accettato i tracker.

Clicca su ” Accetto “i traccianti vengono depositati ed è possibile visualizzarne il contenuto

Clicca su “Accetto tutti i tracker”acconsenti al deposito di traccianti per la memorizzazione dei tuoi dati sui nostri siti e applicazioni a fini di personalizzazione e targeting pubblicitario.

Hai la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte


Clément Noël apertura deluxe


Sacha Fivel sulla sedia rossa del leader.  foto EB

“È solo pazzesco! †

“È incredibile, Sacha Fivel scivola per un walkabout per celebrare la sua vittoria. Trovo difficile da realizzare. Non ho avuto pressione. Mi sono detto che se fossi entrato nella Top 15 sarebbe stato bello. L’attesa è stata davvero infinita. Mi facevano male anche le natiche per essermi seduto sulla sedia grande. Davvero non sono partito in vista della vittoria. Volevo già andare in finale in modo che l’ESF de la Normand potesse fare il viaggio. Ho corso un paio di Gran Premi quest’inverno. Questo è tutto ciò che ho preparato per la Sfida. Non sono uno slalomer alla base. Sono venuto senza pretese. Era la mia giornata. Voleva sorridere oggi. Questa è la sfida. Non pensavo di poter competere con i forti, gli imbattibili. È solo pazzesco. Ho amato l’atmosfera, gli spettatori… Non ci siamo abituati sul circuito FIS o in Coppa dei Campioni. Avevo interrotto la mia carriera di alto livello un anno fa (dopo i campionati francesi di Châtel, ndr). Avrei dovuto andare avanti e andare nel circuito universitario americano, ma non potevo. Quindi sono stato allenatore del club Norma per tutta la stagione e mi sono divertito molto. †

EB

restituisci la console ad Auchan!

affetti da malattia e in terapia intensiva