in

“Sono stato abusato sessualmente da un allenatore”, racconta Bradley Wiggins del suo trauma

Era depresso, ma martedì ha confidato le cause molto lontane di un malessere che lo ha perseguitato per tutta la sua vita adulta. “Sono stato abusato sessualmente da un allenatore quando ero giovane”, ha ammesso Sir Bradley Wiggins, ex vincitore del Tour de France (2012). in un’intervista a Men’s Health UK. “Avevo circa 13 anni e non l’ho mai accettato del tutto”, ha aggiunto.

“Tutto questo mi ha toccato da adulto, l’ho seppellito”, lui spiega. Oltre a questo evento traumatico, il cinque volte campione olimpico di atletica leggera e su strada ha avuto anche un’infanzia difficile accanto al patrigno; suo padre assente.

Parigi – Roubaix

“Ho l’urina”: Sénéchal era disgustato dalla sua razza

UN’ORA FA

“Mi ha chiamato frocio perché indossavo lycra e cose del genere, quindi non pensavo di poterglielo dire prima. si fida dell’ex corridore† Ero così solo. Volevo solo uscire da quell’ambiente. Sono diventato così isolato. Sono stato un adolescente piuttosto strano per molti versi e penso che la mia energia sulla moto derivi da battute d’arresto”.

L’assenza del padre biologico

Il consulente di Eurosport ha parlato anche della sua depressione e dell’impatto della sua relazione con il padre biologico, morto in una discussione dopo una festa. Gary Wiggins, lui stesso un ciclista da corsa, è morto nel 2008, lasciando suo figlio senza risposte a tutte le sue domande.

“Deve essere stato a causa di mio padre, disse Bradley Wiggins. Non ho mai avuto risposte quando è stato assassinato nel 2008. Ci ha lasciato quando ero piccolo, quindi l’ho incontrato per la prima volta a 18 anni. Abbiamo in qualche modo riacceso una relazione, ma non abbiamo parlato negli ultimi due anni prima che venisse ucciso”.

“Era il mio eroe. Volevo mettermi alla prova con lui. Era un buon ciclista – poteva essere molto bravo – ma era un talento sprecato. Era un alcolizzato, un maniaco depressivo, piuttosto violento e ha preso un molte anfetamine e droghe (sportive) all’epoca”, descrive il 41enne britannico.

Difficile gestire la pressione

Nonostante il suo successo, Bradley Wiggins gli ha assicurato che aveva grandi difficoltà a controllare la pressione che gli veniva esercitata: “Dopo aver vinto il Tour de France e le Olimpiadi, la mia vita non è stata più la stessa. Ero immerso in quella fama e ammirazione che derivano dal successo .”

Naturalmente “introverso e riservato”, l’ex campione ha forgiato un guscio: “Non sapevo chi fossi ‘me’, quindi ho preso una specie di velo, una specie di velo da rockstar. Il periodo più infelice della mia vita. stava vincendo per gli altri e la pressione che derivava dall’essere il primo vincitore del Tour della Gran Bretagna. Ho davvero lottato con quello”.

Fu così nel 2022, sei anni dopo il suo ritiro, che Sir Bradley Wiggins decise di rivelarsi e mostrare al mondo il suo disagio e gli abusi che ha subito. Ma il nome del suo aggressore non è stato divulgato dall’ex corridore.

Freccia Vallone

Alaphilippe, l’ombra del dubbio? “Rimane il favorito”

UN’ORA FA

Giro delle Alpi

Bilbao favorisce Bardet e detronizza Bouchard

2 ORE FA

Misteriose offensive contro le mutue Maaf, MMA e GMF

NFT a Blizzard: il capo di Blizzard mette le cose in chiaro